Friday, July 27, 2012


Leesburg, VA - Cumberland, Md

109 miles - Total: 150 miles

Tough day today: 9 hours on the bike, lots of hills between Leesburg, elevation 350 ft and Cumberland Md, elevation 625. In the middle I passed the state line at 2250 ft. Actually I crossed two state lines as today I cycled through 3 states, Virginia, West Virginia and Maryland.

The day the Olympics kick off I bag the first century of my trip. With the amount of climbing I did today I consider it to be the first real physical test since I got diagnosed. Three months ago I was questioning my willpower and today I have my eyes on an ambitious prize and unless my body wavers, I am going for it. Despite the hills I feel fine, my legs are bit heavy but I am ready for more! I am quite emotional as I write these lines: I am alive and well and I am doing something I have so much passion for that no medicine can top that. Today I had the first real taste of pain on those hills but my mind raced back to the dozens of support messages that I am getting on the blog; thank you! it means the world to me. I wish I had time to answer every single message. My days involve pretty much the same routine: eat+ride+eat+shower+eat+blog+sleep. Also, the fund raising is going great and it is an absolute thrill.  

Here's my report of the day's ride. I wake up and I gorge myself at breakfast, the buffet is plentiful and I ingest as much fuel as possible: oatmeal, waffle, 2 bananas. I have a tough day ahead with temperatures in low 90s and at least 100 miles to cover if I want to get to Cumberland before sunset. How I am feeling? Pretty strong. Ask me tomorrow though! I quickly get out of Leesburg on Dry Mill Road, a charming rural road. The historic downtown is tiny but pretty. Leesburg is probably better known for its shopping malls and outlets than anything else. These places are a big draw as they provide opportunities to buy good stuff avoiding high street prices. People spend an entire day in these malls. So the place is well connected to DC. I am happy to leave the vast networks of highways behind and I make my way into a more rural part of Virginia where the country roads I cycle on are light on traffic and heavy on leafy trees and vistas. Virginia appears self-confident, stately, spacious, organized; all indispensable elements of America’s suburbia. Judging by the structural and institutional arrangements you may say that Virginia really sends out a message of dynamism and forward-thinking. The economy is flourishing and is the most diverse of the US with various sources of income, including local and federal government, military, farming and business.

I cycle through a country which, at first glance, resembles a Norman Rockwell painting, idyllic and pretty, glossy and bourgeois. Not a leaf out of place. I cycle past mansions and houses with white picket fences and abundant livestock. I like to think that the self-confident and patriotic, to the point of being schmaltzy appearance of Virginia, does not just reflect the high median income of its inhabitants but also harks back to the ideals and the structure of the European whites that settled here back in the seventeen century. The Civil War that was fought in Virginia was merciless, so something pretty and wealthy had better come out of that. And it did!

As I push my bike through the miles and up and down short but mean hills I have time to think about the natural beauty and the historic resonance of this part of the country. The colors of the land echo the grandiose history of Virginia, they are clean and intense, the earth is lush and rich and provides plenty for its people. The country is neither really mountainous nor low but these nasty rolling hills are steep enough to drain me of my energy within a few hours. It is a nice setting to cycle in, the hills are pleasant, the valleys are fertile and they all seem to be watered so conveniently by sweet brooks and springs. During the day I pass through several villages where I stop to take in fluids and munch on snacks.

Road 51 into Cumberland is the worst part of the day as I have to mind cars and trucks. By 4:00 pm I feel the toll of 100 miles in my legs and I see the outskirts of the town with some relief. When I arrive in Cumberland I decide to take the bike to the bicycle shop because the chain doesn’t shift smoothly. Hutch, a hulking man with an affable smile greets me and takes good care of my bike. The few guys in the shop are intrigued by my bike ride and ask me questions. They were aware I was passing through Cumberland because they have read about my fund raising ride in the local newspaper. While I wait Rick, a lean and tall man, comes into the shop and welcomes me to Cumberland; he also read about my “heroics” in the paper and sent me a message over the blog. I called him up today and here he is. He says he will be honored to ride for a while with me tomorrow morning on the Great Allegheny Passage. Hutch services my bike in record time and he does not allow me to pay for it. He is pleased to help my fund raising in this way. The welcome I get in Cumberland is fantastic. In my 37 years on earth, I have come to the conclusion that I will probably never understand human kind, however, on this journey I cannot but side with those philosophers that argue that the basic human nature is good.

I thank the people from Pittsburgh for their hospitality, I don't think I will be able to be there by tomorrow night: I think I have miscalculated the third day. Contrary to common belief you are weaker and slower at the beginning of the journey, and you gain strength and grow in confidence as the ride goes on. My stride is still hesitant. Yes I will have Rick and I will be able to draft with him but the 130-mile planned stage from here to Pittsburgh is way too ambitious. If I do make it I will email/call and be honored to be your guest.

The stately front building of Loudoun County School

A deer, wishing me luck? 

Rural Virginia, the road all for myself 

The first hills are in sight..

Lovely stone houses 

 As I enter West Virginia

At the junction with the popular and culturally-charged Appalachian Trail 

Crossing the Shenandoah river 

A proper hill coming up

The view from the top is pretty awesome 

Post Office in Glengary, WV, population: 277 

Siler, a tiny village of 4 houses and one (closed) grocery store 

These are Barbra, Robin and I forgot the other lady's name, met during one of my stops. They were extremely kind and at my explaining the fund raising bike ride made a donation of 20 dollars 

Secluded creek in rural Maryland

 Potomac river..we meet again!

 After 109 miles I see the sign and I am pretty happy

As I enter Cumberland I see this sign, is there any prophetic significance?? I hope so!

 Cumberland gets lively on Friday night

The sun is setting over hills that I will try to climb tomorrow

Cumberland, Md

Hutch, from Cumberland Trail Connection


  1. Bellissimo racconto. Mi piace un sacco il tuo stile narrativo. Anche le conclusioni filodofeggianti... In realta' stai facendo qualcosa di straordinario x cui ci stanno tutte! Grazie x condividere quest'avventura. A domani, e buon viaggio verso Pittsburgh! Fabio

  2. Luigi, your blog gives the insomniac in me something to look forward to at three o’clock in the morning! What an incredible ride on day two. I am glad you are being realistic and pacing yourself according to your needs and not to what you put down on paper. You are connected to the world and they will patiently wait for you, so take as much time as you need. By the way, were your ears ringing on Friday at 12:30pm? They should have. We gathered around the conference table as usual and our discussion, which should have been projects and such, was of “Luigi’s tour de USA”! The insane heat on day one; the hills and tough terrain approaching; the journalists you planned to meet at the end of the day. You may not be around, but we are thinking of you and rooting for you each day. We know you won’t give up, but we do expect you to pace yourself according to how you feel. Again, what an amazing day two you had: the scenery, the people, and their simple acts of kindness. Your description of Virginia brings me back to when I first passed by this vast commonwealth and knew in my gut one day I would somehow be a resident. I didn’t know how at the time being from NJ, but here I am. Just like your tour, you wanted to do something to help this cause and here you are, bigger than life, making a difference in the world and more importantly, inspiring so many. Bravo Luigi, bravo!!!

  3. Continua così che sei forte!!!

  4. Mi sono commossa pure io nel leggere che "I feel fine, my legs are bit heavy but I am quite emotional as I write these lines: I am alive and well and doing something I have so much passion for and no medicine can top that"...continua così! Maria Rosaria (sorpreso, eh?? :-))

  5. Questa è stata veramente una grande tappa. Complimenti! Come dici tu, era il giorno dell'inizio delle Olimpiadi. Beh, la medaglia d'oro tu l'hai già conquistata il giorno che hai deciso di metterti in gioco e partire! Un abbraccio.

  6. Ciao Luigi, in bocca al lupo.
    Ho letto il tuo articolo su repubblica.
    Anche io sono un appossionato di bici ed è ormai da 3 anni che faccio giri in bici con una tuta dell'ADMO (l'Associazione Donatori Midollo Osseo).
    Ti auguro ogni giorno di raggiungere la tua meta.
    Sopratutto quella verso la guarigione.
    Buon viaggio!

  7. Ciao Luigi, quando ho letto della tua impresa non mi sono meravigliato più di tanto: c'era da aspettarselo dalla persona che ho conosciuto tanti anni fa. Sono ammirato dalla tua forza di volontà, ti auguro di portare a termine con successo il viaggio e la raccolta fondi. Comunque sei un pazzo. Lucido, ma pazzo! In bocca al lupo. Fabio Mare

  8. The basic of human nature is good, andrai ben oltre il funraisng che ti sei ripromesso. Non ti affaticare troppo, take care e goditi la strada. M

  9. We follow you from Italy! Such crazy beautiful choice you've done, be strong dude!

  10. mutuando il Liga..."sono vivo abbastanza, per di qua, comunque vada, sempre sulla mia strada"...spesso la sentivo in terapia e mi dava la carica, per affrontare ironicamente, la mia lotta quotidiana...tante volte la cantavano anche i paramedici, per farmi compagnia ehehehhe pazza vita :) vai, Luigi, vai così...e noi, con te :) Carla

  11. Bene, bene, l'America rurale è la più bella. I cervi ti guardano solo per vedere se sei commestibile, poi, non sei erba, foglia o fieno e ti mollano lì!!
    Baci, cugino!

  12. e grazie anche per le foto, alcune di queste saranno tra i miei prossimi wallpaper lol
    good luck

  13. Amazing. You write in such a way that it is easy to close your eyes and imagine the scenes and the feelings. What an experience. Keep going!! Forza!

  14. Here we are Luigi: no doubts, no wonders, you already won! now just keep in touch with your body and follow its rhythm... just stay in there and respect natural timing, the rest will come! Take a rest and get ready for another beautiful day which is waiting for you to cycle by... C.

  15. You might as well be a writer, Luigi!! Love your blog!! Wishing you good luck and thinking of you. I can see you are in a good spirit. Keep it up!! Anet

  16. e' sabato sera, cosa facciamo di bello dopo mangiato? si potrebbe fare.... un po' di compagnia a luigi, leggere il suo diario di ieri e scoprire un pò d'america attraverso le sue foto. bravo caro amico coraggioso. un bacio e grazie. susina e beniamino

  17. ciao Luigi sono un tuo connazionale e attualmente risiedo a Chilliwack BC. Vorrei sapere dove passi il confine col Canada esattamente...perche' se arrivi a Vancouver potresti passare di qui nella Fraser Valley (100 km a est di Vancouver) e faresti un bel regalo ai cittadini di Chilliwack, me compreso. Ti auguro un bellissimo viaggio e sinceramente ti invidio un po, per il coraggio e per la bellezza della tua avventura. Ciao, Francesco

  18. Grande Luigi & a big hug to Hutch for his help. U guys R gr8!


  19. Keep up the great work! Sounds like you are off to a super start.


  20. Can't wait for today's update. Congratulations on the ride - I can barely convince myself to walk around the block to the grocery, so this is really impressive to me. You've even inspired me to do something active tomorrow.

  21. Ciao Luigi,

    Non ti conosco personalmente ma da appassionato ciclista/corridore e convinto fundraiser ho voluto contribuire economicamente alla tua impresa oltre a seguirti ogni giorno su questo blog. Ci sarà forse occasione in futuro di incontrarsi. Per il momento... pedalare! Io sono con TE!

    Leesburg, Virginia – Cumberland, Maryland km 175 Totale:241 km

    Giornata dura: 9 ore sulla bici, molte colline fra Leesburg (h. mt 107) e Cumberland (mt 190) e in mezzo il confine di stato a 686 mt. In realtà di confini ne ho passati due perché oggi ho attraversato tre Stati: Virginia, West Virginia e Maryland. Il giorno d'inizio delle Olimpiadi ho messo in carniere la prima cifra a due zeri di questo viaggio: più di 100 miglia e un sacco di salite. Considero quello di oggi il primo vero impegno fisico da quando ho scoperto la malattia. Tre mesi fa dubitavo della mia forza di volontà e oggi ho gli occhi puntati su un ambizioso risultato e, se il fisico (e la bici) non mi viene meno, posso provarci. Mi sento bene, le gambe un po' pesanti ma – lo scrivo con grande emozione- sono vivo, sto bene e sto facendo qualcosa che mi appassiona e che è più forte di qualsiasi medicina. Oggi ho avuto la prima sensazione di vera fatica su quelle colline ma mi sono venuti in mente i messaggi che mi arrivano a decine sul blog: grazie, per me sono importantissimi. Vorrei avere il tempo di rispondere a tutti, uno per uno, ma al momento non ce l'ho (la mia giornata: mangiare-pedalare-mangiare-doccia-mangiare-blog-dormire): vi chiedo scusa. Lo farò alla fine. Anche la raccolta fondi sta andando alla grande, che bello!
    Stamattina mi alzo e a colazione mi rimpinzo, il buffet è abbondante e metto dentro la maggior quantità possibile di carburante: oatmeal, waffle, due banane. Ho una giornata dura davanti con temperature intorno ai 32-33° e almeno 160 km da fare se voglio arrivare a Cumberland prima che faccia buio. Come mi sento? Discretamente in forza. Ma provate a chiedermelo domani! Esco rapidamente da Leesburg. Il centro storico sembra grazioso e tranquillo. La città è probabilmente conosciuta più che altro per i suoi centri commerciali e outlets. Posti del genere esercitano grande attrazione perché danno l'opportunità di comprare bella roba evitando gli alti prezzi delle strade del centro. La gente ci passa intere giornate. Di conseguenza Leesburg è ben collegata con Washington. Mi lascio con sollievo alle spalle l'intricata rete di raccordi e mi dirigo verso una parte più rurale della Virginia dove le strade secondarie che percorro non hanno intensità di traffico ma di alberi frondosi e belle vedute. La Virginia appare sicura di sé, grandiosa, spaziosa, ordinata: qualità tutte indispensabili nelle periferie d'America. A giudicare dagli assetti strutturali e istituzionali, si può dire che lo Stato emani realmente un senso di dinamismo e progresso. L'economia è florida ed è la più diversificata degli USA con varie fonti d'entrata, compresi gli enti governativi locali e federali, quelli militari, l'agricoltura e il commercio.
    Pedalo attraverso la campagna che, a prima vista, sembra un'opera di Edward Hopper: idilliaca e graziosa, patinata e borghese. Passo davanti a grandi ville e case con staccionate e bestiame in abbondanza. Mi piace credere che l'aspetto baldanzoso e patriottico fino alla stucchevolezza della Virginia non rifletta soltanto l'elevato reddito medio ma evochi gli ideali e la struttura degli europei che s'insediarono qui nel diciassettesimo secolo. La Guerra Civile che si combatté in Virginia fu spietata, guai se non ne fosse venuto fuori qualcosa di bello e sano! E così è stato. Mentre macino miglia su e giù per colline basse ma ripide ho il tempo per riflettere sulla bellezza della natura e sulle reminiscenze storiche di questa parte del paese. I colori della campagna riecheggiano la grandiosa storia della Virginia, sono netti e intensi, la terra è rigogliosa e fertile e produce in abbondanza per la sua gente.

    Durante il giorno attraverso parecchi paesini dove mi fermo per bere e per sgranocchiare qualcosa. La zona non è montuosa né piatta ma queste fastidiose colline ondulate sono scoscese abbastanza da prosciugarmi le forze in poche ore. E' un bello scenario da percorrere, le colline sono amene, le vallate fiorenti e tutte sembrano così ben irrigate da freschi ruscelli e sorgenti.
    Arrivato a Cumberland decido di portare la bici dal meccanico perché la catena è un po' dura. Hutch, un omone dall'affabile sorriso, mi accoglie e si prende cura della bici. Le poche persone che sono dentro il negozio mi fanno domande e sono affascinate da quel che sto facendo. Sapevano che sarei passato di qua perché avevano letto sul quotidiano locale della mia raccolta fondi. Mentre aspetto entra un uomo alto e snello, Rick, e mi dà il benvenuto a Cumberland; anche lui ha letto della mia 'impresa' sul giornale e mi ha scritto un messaggio sul blog. L'ho chiamato oggi ed eccolo qua. Dice che si sentirebbe onorato di fare un pezzo di strada con me domattina sul Great Allegheny Passage. Hutch mette a posto la mia bici a tempo di record e non vuole assolutamente che io paghi: è contento di contribuire alla mia raccolta in questo modo. L'accoglienza che ho ricevuto a Cumberland è fantastica. Nei miei 37 anni di vita sono giunto alla conclusione che probabilmente non capirò mai la natura umana, tuttavia in questo viaggio non posso che parteggiare con quei filosofi che sostengono che alla base della natura umana c'è del bene.
    Ringrazio le persone di Pittsburgh e la loro ospitalità ma non credo che riuscirò ad essere lì per domani sera. Credo di aver fatto qualche errore di calcolo sul terzo giorno. Contrariamente a quanto di solito si crede si è più deboli e lenti all'inizio del viaggio mentre si guadagnano forza e sicurezza man mano che si va avanti. Devo trovare il ritmo giusto, per molte ragioni sono incerto, forse la prevista tappa di 210 km da qui a Pittsburgh è troppo ambiziosa. Se ce la faccio, vi do un colpo di telefono o un email e sarò onorato di essere vostro ospite.

  24. Hi Luigi...You're probably resting or having dinner as I write this from Jakarta where the local time is 7:30am on August 1. What you are doing is absolutely amazing not only for you but the so many others who are inspired by your courage and fortitude! have a safe ride tomorrow!