Tuesday, July 31, 2012


Upper Sandusky, Oh - Fort Wayne, In

123 miles - Total: 637 miles

I had to tough it out today. The route was as flat as a pancake but the usual cyclist's foe, uninvited and unwelcomed, joined the proceedings: the wind. And of course a headwind at that. I do not know whether it's today's headwind or 623 miles that are putting a little dent into my performance but something is because today for the first time I questioned the whole project. Of course my hubris, my determination and the collective financial and psychological support for the cause will see me through this... or will it? This bike ride ain't a walk in the park (What a stupid thing to write but I suppose I am not able to accurately describe the hardships). If I was sore, I wouldn't tell you. I am a little stiff in the legs and the neck but a good warm bath and a monumental meal will put me straight.

Today's route provided the most solitary ride of the journey so far. And the most rural. I passed by several farms and farm houses and hundreds of glowing corn fields. I cycled on the trusted Lincoln Highway almost all day and almost all by myself, save for a few cars and many farm tractors in different size, shape and color. Pure rural milieu again, several small towns that offered me much needed sugary drinks and all sorts of assorted chow choices, a few conventional conversations with locals here and there, wind mills, wind farms and wind turbines and just lots of wind. Wind turbines pepper Western Ohio and like Don Quixote as I caught a glimpse of menacing shapes along the line of the horizon I fought against an imaginary enemy. I powered through the 123 miles with one comforting thought in my mind: let's do this for the fund raising and for those who would like to bike a little but cannot find the strength to do it. I am talking to you, if you reading this, mark my words, when I come back I will go cycling with you, let's do just a few miles, let's shake our legs.

After my super size breakfast I hit the road at 9am and it doesn't take long for the sun to rise high in the sky. In the process of morning shifting to day the colors turn less dramatic and the world seems less interesting. I do find it interesting and pretty with its perfectly trimmed fields and empty scenic country roads and a cloudy sky above and all those elements that you would wonder at if you rode in rural nowhere until my care-free ride turns into a dramatic affair. Let's focus on the wind effect for a minute. It beats you down mentally, it wears you out like a rock gets sculpted by penetrating water. I do not think that there is anything more frustrating than riding into a persistent headwind. I wish I knew how to cheat it but I guess there isn't much to do except than to bow your head, keep your body low and loose, don't start bobbing, relax your face and neck and go into it. Today was tough but conditions weren't as blustery as two years ago in Kansas. Out West the wind is the boss. If I ever get to Minnesota, Montana, etc.. I will have to mentally prepare myself for some heavy headwinds. I can't think of that now.

So I ride and ride all day among the green Ohio before I cross the Indiana state line well into the afternoon. Fort Wayne is the biggest town since Pittsburgh and I did not enjoy the 20 miles or so through urban traffic. Locating a hotel can be a challenging exercise. When I plan my day, I usually set my sights on a fairly big town which is sure to have at least a couple of motels and a handful of fast food restaurants. You can't miss them because they come as a package; wherever they built a hotel they have also erected a fast food restaurant, with a sign higher than any other buildings or church towers in the city. In other words, the trademark sign of a city is always the same, the big M sign or Taco or BK logos or other similar alternatives. So you may say that unless you venture into the historic districts, all the medium-size cities are alike. For the average European tourist this might be particularly upsetting. But I guess if you are a fan of tradition and reference points, you know when you are home. It's safe. These are places that have been designed for the nomadic existence of the highway travelers, from the truck drivers to the drifters, they all go to different places but they all stop in the same places. America is vast geographically but provides a 'comfort zone' for those who must drive for a living. So back to my quest for a room, as I approach a town all I have to do is locate the Mc Donald's sign which towers high above the roofs and hills and I know that a bed and shower are within walking distance. The fast food offers an instant gratification of the belly, which I quite don't mind as some cheeseburgers are pure heaven but the good ones are difficult to find. The ones that sprung up on the outskirts of highway towns are lame. I know that piles of books have been written about America's fast food culture. My current experience on the bicycle leads me to think that the infrastructure which provides fast food is above all rational, functional, convenient and heavily used by America's commuters. Billions served, so they say..get your fix and move on.

After my long ride today, at around 7.30 pm I was in a total mess with sunpaste and sweat that only a shower by the deprtment of sanitation would have gotten rid of the dirtness and soil on my legs and arms and clothes. I soaked in the water forever and then I went hunting for a hot meal. I manage to find a juicy steak, with assorted goodies such as potatoes, vegetables and sour cream. I am stuffed and as I get up to leave I can hardly move my legs. It's like my muscles solidified and became one with the chair while I ate. I unglued them from the seat and I dragged my sorry body to the exit. The patrons stare at my wobbly gait thinking probably that I must be drunk. Well guys I ain't; I just chewed up 123 miles in a headwind and I have 600+ miles in my legs. Not only that my fellow American eaters: I also have an amazing support from far and wide that so far amounts to 15 thousand dollars for cancer research and humbling generosity of so many people. Take that you cancer! I can hardly keep my eyes open, I look at my bed like a kid who's been punished would stare at an ice-cream. I am exhausted. Will I able to ride tomorrow? Maybe not but if I do..dare I say it? Tomorrow night I could be on the sandy shores of Lake Michigan...I must be dreaming already. Let's put those doubts aside and let's ride another day.

Lake Michigan...I must be dreaming already.

First photo of the day, the terrain is flat and it is windless out there...not for long though

Typical scenery from today's ride 

Here's another one 

An old oil and auto parts store along LH, unused and rusting under the sun 

 Trucks in line to get gas

During one of my many pit stops

 A corn field in Ohio

 In this grocery store you don't even have to get out of your car, why waste the calories?

 Ohio road

 and another one

 An empty drive-in along LH

Van Wert, Oh

Ohio sky 

I look like hell but it is all because of the wind...

 The menacing wind turbines

 Entering Indiana!! The sign is a bit anticlimatic but crossing into my 6th state is a great mental boost

Fort Wayne, downtown


  1. Hei Luigi, this is fabulous! Indiana and 637 miles in 6 days? You must be from another planet... Love the pic of the drive-in grocery store! Never even imagined they existed... You gotta do what you gotta do with your food, but once you're back in DC I'll organize a slow-food tour for you with based exclusively on italian delicatessen! Keep it up and listen to your body. If you get to Michigan tomorrow you'll be a super-hero. If you don't, you'll be the same! Ciao!!!!

  2. Luigi, you're a very great guy! Continua così :))

  3. You never look like hell... Se sei stanco riposati..m

  4. Ciao Luigi, la tua storia è molto toccante.
    Abbiamo parlato di te qui, magari ti fa piacere saperlo:
    In bocca al lupo per il viaggio e per la vita!

  5. ciao luigi, fort "wayne" mi ricorda qualcosa di familiare!
    un bacio e fai riposare i muscoli, almeno per oggi. un bacio. susina

  6. Caro Luigi,
    Come vecchio corridore capisco bene cosa vuol dire il vento contrario: sono sicuro che avresti preferito una bella salita con una leggera brezza piuttosto che quel ventaccio che alimentava i mulini che hai fotografato ed altri 1000 ancora ! Bello,sincero e coinvincente l'invito al lettore a pedalare con te.
    Alè Luigi !

  7. Caro Luigi, vento contro? E che novità sarà mai?!? diciamo che la vita ci ha messo il vento contro ed una croce da poter portare?!? ehehhe si, si, si, molto convincente il tuo invito a mettersi in sella, ma non siamo tutti super-pazzi come te ehehehhe :) fast-food, junk-food? direi che ascoltando il tuo organismo capirai meglio ciò che ti necessita e poi, tornato a casetta, c'è sempre tempo per mangiare dell'ottimo cibo Italian taste :) buona pedalata e ...go, Luigi, go :) Carla

  8. vamos pedalea nosotros te estamos alentando te queremos tanto

  9. Grande Luigi. Oramai ti porto l'abbraccio di tanta gente che sembra ti conosca da sempre. Ogni colpo di pedale ti regala piu' forza di gambe testa e parole. Ed il vento, credimi, e' un alleato in piu'. Daje!


  10. Siamo in tanti a pedalare con te!! Forza Luigi, continua così che stai andando alla grande :-) Un abbraccio

  11. Hi Luigi
    It's a holiday here - Emancipation Day. Listen to your body please. You are doing great so far. Loved the photo of the drive in supermarket. Never knew they existed. Rest well. Judith

  12. Giorno 6: INDIANA
    Upper Sandusky, Ohio – Forth Wayne, Indiana 198 km
    Totale km 1.025
    Ho dovuto tenere duro oggi: la strada era piatta come un'asse da stiro ma, ospite indesiderato, si è presentato il solito nemico dei ciclisti: il vento. Per di più era a sfavore (naturalmente). Non so se sono i sei giorni in sella o è il vento contrario che sta intaccando le mie prestazioni ma qualcosa c’è. Naturalmente l'enorme fiducia che ho in me stesso, la mia determinazione e il sostegno di tutti alla causa, sia materiale sia psicologico, mi aiuteranno a venirne fuori. Ma questa traversata in bicicletta non è una passeggiatina al parco. Se sentissi male non ve lo direi. Ho le gambe e la schiena un po' indolenzite ma un bel bagno caldo e un pasto luculliano mi rimetteranno in sesto.
    Oggi ho fatto la corsa più solitaria di tutto il viaggio finora. E la più agreste. Ho costeggiato parecchi allevamenti e fattorie e centinaia di campi di mais. Ho pedalato sulla fidata Lincoln Highway tutto il giorno e quasi sempre da solo salvo che per qualche macchina e per molti trattori di differenti misure, forme e colori. Ancora autentico ambiente campestre, tante cittadine di provincia, due chiacchiere convenzionali con qualche abitante, mulini a vento, centrali eoliche, pale eoliche e per l'appunto vento in quantità. La parte ovest dell'Ohio è disseminata di pale eoliche e io, come Don Chisciotte, appena intravvedevo forme minacciose lungo la linea dell'orizzonte cominciavo a combattere contro un immaginario nemico. Pedalavo forte con un pensiero che mi confortava la mente: facciamolo per la raccolta e per quelli che vorrebbero farsi un giretto in bici ma non riescono a ritrovare la forza per farlo. Sto parlando con voi, se state leggendo tenete a mente le mie parole, quando torno andrò in bicicletta con voi, facciamo appena poche miglia, diamoci una mossa, viviamo un po'. Lo faremo insieme.
    Dopo la solita colazione extra-large per le nove ero in strada: il sole saliva alto nel cielo e nello stesso tempo i colori diventavano meno spettacolari e il mondo sembrava meno interessante. Comunque per me era davvero interessante e bello con i suoi campi tenuti a perfezione e le deserte, pittoresche stradine e un cielo un po' nuvoloso e tutti quegli elementi che uno vorrebbe ammirare mentre corre nella campagna più sperduta finché la mia spensierata corsa si è trasformata in una faccenda drammatica. Concentriamoci un attimo sugli effetti del vento. Ti butta giù psicologicamente, ti consuma come fa l'acqua che penetra nella roccia. Niente è più frustrante, credo, che pedalare con un incessante vento contrario. Vorrei sapere come sfuggirgli ma mi sa che non c'è da fare altro che chinare la testa, tenerla bassa, tenere basso anche il corpo, non far oscillare la bici, rilassare faccia e collo e lanciarvisi dentro. Oggi è stata dura ma non era così tempestoso come due anni fa in Kansas. Verso ovest il vento la fa da padrone. Se mai arriverò in Minnesota, Montana eccetera, dovrò prepararmi mentalmente a qualche impegnativo vento avverso.
    Così pedalo e pedalo ancora tutto il giorno in mezzo al verde Ohio prima di attraversare il confine con l'Indiana nel pomeriggio inoltrato. Fort Wayne è la città più grande che incontro dopo Pittsburgh e non mi piace la sua trentina di chilometri di traffico urbano.

  13. Hi Luigi. I wanna tell you that you are doing an amazing thing. I'm italian too and I live in Vancouver BC. I had the Leukemia when I was 10 and now I'm 34. I won against Leukemia. I'm still alive and inside me there is an incredible positive energy now. I wish to meet you when you will come to Vancouver to shake your hand. I like riding bycicle too and I'm metaphorically pedaling beside you. Good luck for everything. See you in Vancouver.
    Omar Soriente

  14. Lui!! You're eating up the miles everyday...in true Luigi style! I love and I'm sure all your fans/supporters appreciate that you're not just focused on the physical ride, but the intrinsic details along the way as well. Now I'm waiting with anticipation for the next barn photo! LOL!! Adventure on my friend! xoxo

  15. SEGUE:
    Individuare un hotel può essere un'operazione impegnativa. Quando pianifico la giornata, di solito punto su una città abbastanza grande che senz'altro ha almeno un paio di motel e una po' di fast food. Sono facili da trovare perché arrivano in blocco; dovunque si costruisca un albergo è già stato eretto un fast food la cui insegna è più alta di qualsiasi altra costruzione o campanile. In altri termini il marchio di fabbrica di una città è sempre quello, la grande M o Taco o simili. Quindi si può dire che, se non ci si addentra nella parte 'antica', tutte le città di medie dimensioni sono identiche e questo, per un europeo, potrebbe essere particolarmente sconcertante. Ma suppongo, se uno è amante della tradizione e dei punti di riferimento, che sappia quando si trova a casa. Non c'è pericolo. Questi sono luoghi che sono stati progettati per l’esistenza nomade dei viaggiatori da autostrada, dai camionisti ai vagabondi: vanno tutti in posti differenti ma si fermano tutti negli stessi posti. L’America è immensa dal punto di vista geografico e fornisce ‘aree di decompressione’ per quelli che guidano per guadagnarsi da vivere. Dunque, tornando alla mia ricerca di una stanza, quando arrivo in vista di un centro abitato tutto quel che devo fare è individuare l’insegna di un McDonald’s che torreggia su tetti e colline e so che un letto e una doccia sono a pochi passi. I fast food offrono un immediato appagamento alla pancia ma per me uno vale l’altro perché, anche se qualche cheeseburger è divino, trovarne buoni è difficile. Questi, sorti nelle periferie delle città che costellano le autostrade, sono insignificanti. So che è stata scritta una caterva di volumi sulla cultura americana del fast food. Questa mia esperienza da ciclista mi porta a credere che le infrastrutture che forniscono cibo pronto sono soprattutto razionali, funzionali, convenienti e molto usate dai pendolari americani. Miliardi di pasti serviti, così dicono...
    Dopo la lunga corsa di oggi, intorno alle 19.30 non vedo l’ora di una doccia, per togliermi lo sporco da braccia e gambe, e di un pasto caldo. Non sarà cibo pronto ma riesco a trovare una bella bistecca sugosa con delizie varie tipo patate, verdure, panna acida. Sono pieno e quando mi alzo per andarmene mi muovo a stento. E’ come se i muscoli delle gambe si fossero solidificati e fusi alla sedia mentre mangiavo. Li spiccico dal sedile e trascino il mio corpo dolorante verso l’uscita. Gli avventori fissano la mia andatura barcollante e probabilmente pensano che sarò ubriaco. Be’ ragazzi, non è così: è che mi sono appena fatto 123 miglia controvento e ne ho più di 600 nelle gambe. E mica solo questo, miei cari commensali americani: ho anche un formidabile sostegno che finora equivale a quindicimila dollari per la ricerca sul cancro e alla generosità – che fa riflettere- di così tante persone.
    A malapena riesco a tenere gli occhi aperti, guardo il letto come un bambino in punizione guarderebbe un gelato. Sono esausto. Ce la farò a correre domani? Forse no ma se ce la faccio...lo dico? Domani sera potrei essere sulle sponde sabbiose del lago Michigan...mi sa che sto già sognando.