Thursday, August 2, 2012


Fort Wayne, In - Gary, In

136 miles - Total: 773 miles

After yesterday's hesitation today I got my groove back. Chicago is close, very close. I am within walking distance of its outskirts and a stone's throw away from the shores of the big lake. I want to end up in the Loop tomorrow. I almost did it today. It was tempting to make it all the way to downtown Chicago tonight, for a second my confidence almost got the better of me before I allowed my rationality to take over. This choice leaves me a short day tomorrow and a full day of rest Friday. This is called strategic thinking. The signs for Chicago, Lake Michigan and Milwaukee are all around, this is so gratifying, Washington DC-Chicago in 7 days. I got pretty far in a relatively short period of time and I am quite satisfied with the work I put in. Today I was a cyclist, not a tourer. I wasa racer not an amateur. I was doing my thing, plying at my trade, doing what I do best, I even begin to look like a cyclist, my legs are getting seriously toned and slim. I am asking my legs more than I should maybe but so far they have delivered.

For some inexplicable reason my legs felt pretty good today. Last night was not promising as I could hardly walk from the hotel to the restaurant. It was something like rope skipping. I slept well and this morning I did not have breakfast at the hotel and I hurried on the bike at the late hour of 10 am. It proved to be a good choice in the end as Columbia City, the first town after Fort Wayne offered a very decent alternative. The 17 mile ride just put me in the mood for a huge breakfast which I had the good fortune to have at a lovely bakery in the main square of this charming little town. The rest of the day proved to be a smooth and windless, yes!! windless ride from rural Indiana into the urban sprawl of Gary, South Chicago, Joliet, Calumet City, Hobart. Coming into it was a gradual process, the boundaries between where the town begins and the rural area ends are blurred. One thing appears clear: all these towns have gradually merged into one gigantic metropolitan area, they all blend into each other in a massive explosion of urban development. Ride through this massive area is not pleasant as the motor traffic does not care for the bike so I had to be on my guard all the time. I remember LA as one massive urban area where cities fade into each other, but here it seems that the South Chicago area has no more room to offer unless the countryside will give way, as if the city is creeping out of its limits and spilling over once reluctant nearby hills. Buildings, gas stations, shopping malls, restaurants, they are just one after the other. I must have passed hundreds. For over 30 miles I rode by a carbon-copy of one shopping mall. How the hell does my bicycle and the philosophy of the bicycle fit into this oppressing and sprawling monster? It doesn't. Or does it? Who knows? Whatever the answer is I love Chicago, I love Grant Park and I love the downtown architecture and I think it'd be really cool to ride my bike along Lake Michigan. But apart from these popular and photographed places I am not sure that the bicycle belongs in this unrelenting urban sprawl. The philosophy of the bicycle rests on choice, urban development is a necessity. The bicycle is about individuality and creativity, the cities are all alike and are about one collective way of life. The bicycle creates courage and inspires adventure, the urban sprawl spurs fear and suspicion. I am just punching the keyboard after a long day so I am not making much sense maybe. But I think I am onto something here and I wish I had more time to develop this idea. But now I am exhausted and I need a rest.  

I sat at the bar tonight and helped myself to a huge dinner, lobster pizza, lobster and prawns, rice and broccoli, salad with blue cheese and 5 pieces of garlic bread and the guy sitting next to me was entertained by my boundless appetite. We got to talking about my trip and he told me to watch out tomorrow when I go through South Chicago as "there is a drug war at the moment". Gangs are shooting at each other left and right he warns. He is from around here but he is not shy to add that South Chicago is a "cesspool" so better keep riding all the way to downtown. I am not impressed but I am glad it is going to be daytime. I have about 40 miles to cover before I can ride into Grant Park. I can hardly wait. Hitting Chicago is the first real milestone of the journey. I am surprising myself at how well I am doing. Honestly, I did not think I would have made it this far so quickly.  

I want to share one more thing with you before I fall into a deep sleep. I seem to have a normal appetite again, normal by the standards of someone who has just ridden his bicycle for 135 miles! The days when I did not want to eat because my body was a mess of pain and I'd wake up with a persistent metallic taste in my dry mouth seem a (not too) distant memory. I do not know whether it is the regular process of healing that's taking its course or it is me helping it along with the passion for what I am doing. I guess I will never know for sure. All I know is that it is happening and it may last one week, it may last ten years, it doesn't matter. What matters is that it is me again.

First photo of the day, not a spot in the sky, the wind has disappeared, no cars around, the scenery is pretty, I couldn't ask for more. 

The oldest building in Columbia City and the nicest breakfast in the county! 

These buns were delicious, the ones in the middle (pesto bread) were really good

Eating my breakfast in Columbia City, main sq 

 A cemetery in the middle of nowhere

Indiana sky

 The colorful flowerbed by the side of the road

 The tiny and empty town of Plymouth, In

Riding here was very enjoyable

And then the urban sprawl...sprawling its arms around the country. When I see this sign I begin to ride past shopping malls, fast food restaurants, auto dealerships, highways, etc

I look serious but it is just concentration. Inside I am jumpy as I am thinking I could push all the way to downtown Chicago.

Gary, In.

Gary, In. The sun is going down and I have just decided to call it a day. I ride south for 6 miles before I come across the area where all the hotels are located (Merrillville)


  1. Se volevi commuovermi con quel finale di post ci sei riuscito. In gamba!

  2. Grande grandissimo, ale ti aspetta. Be safe m

  3. I'm so glad your infamous Lui appetite has returned! Speed safely through South Chicago my friend and just go Luigi...GO!! Barbados is heating up with anticipation for a great Crop Over Festival weekend...but now we're under a tropical storm watch. We'll soon see what Mother Nature has in store for us here. RQK.

  4. Ciao Luigi! We'd like to taste pesto bread and loobster pizza...we wait for you in Italy!
    you're doing something great, we support you!!!!
    Marta & Susanna

  5. Avverto nei tuoi pensieri una diversa consapevolezza...forse, all'inizio del percorso hai temuto, solo per un attimo, che le gambe facessero i fatti loro...adesso, lo sai bene quanto possono andare daccordo cuore e cervello, quando hai deciso davvero qualcosa e poi...guarda la tua bacheca ed il tuo blog: hai tanta gente che ti manda tutto l'affetto possibile e, come me, credo in te ed in ciò che stai facendo...le gambe lo capiranno eheheh :DDD occhi aperti e buon venerdì :) Carla

  6. Ti penso sempre....grazie per tutto quello che mi stai trasmettendo....mi stai dando una forza incredibile!

  7. Ciao...mi sono ritrovato a seguire più di un'avventura come la questa è qualcosa di diverso... di molto + profondo...bravo!! :o)

  8. Caro Luigi,
    Che bello leggere del tuo appetito formidabile e dei menu energetici che scegli!
    Certo, la filosofia della Bici a volte pare non essere in linea con i luoghi che attraversi , specie quelli più indistrializzati, ma anche questa è una testimonianza aggiuntiva e positiva che dai a tutti noi con il tuo viaggio.
    Un abbraccio.

  9. Molto interessante l'analisi bicicletta e spazio (sub)urbano. Dovremo approfondirla davanti ad un sano tiramisu fatto in casa a settembre. Ricordati che se l'appetiti vien mangiando sembri proprio sulla strada giusta! ( in tutti i sensi)

  10. Porto nel cuore le ultime parole di oggi e spero che le lacrime di commozione possano irrigarle per dare cpme frutto azioni ed energia. Ti pensiamo con grande affetto...Ale

    Forth Wayne - Gary, Indiana 219 km
    Totale km 1.244

    Chicago è vicina, molto vicina. Sono a pochi passi dai suoi sobborghi e a un tiro di schioppo dalle sponde del grande lago. Domani voglio arrivare nel Loop. Stavo per farlo oggi: ho avuto la tentazione di continuare fino al centro di Chicago, per un secondo la fiducia in me stesso ha avuto la meglio, poi ho fatto subentrare la razionalità. In tal modo ho una giornata poco impegnativa domani e venerdì un intero giorno di riposo. Questo si chiama pensiero strategico!
    Non ho visto il lago ma ci sono vicino. Si vedono da tutte le parti segnali stradali per Chicago, il Lago Michigan e Milwaukee, è una gran soddisfazione. Ho percorso una bella distanza in un tempo relativamente breve e sono davvero soddisfatto del lavoro che ho fatto. Oggi ero un ciclista che faceva quel che gli piace, quel che ss fare meglio, impegnato nel suo mestiere: comincio perfino a sembrare un ciclista.

    Sto chiedendo alle mie gambe più di quel che dovrei ma finora hanno tenuto. Per qualche inesplicabile ragione oggi stavano benone. Ieri sera non promettevano niente di buono visto che a malapena ho camminato dall’albergo al ristorante. Mi sembrava di saltare con la corda.
    Ho fatto una bella dormita, stamattina non ho mangiato in albergo e mi sono affrettato verso la bici che erano già le dieci. Alla fine questa si è dimostrata una buona scelta perché Columbia City, la prima città dopo Fort Wayne, ha offerto un’ottima alternativa. I 27 km di pedalata mi hanno messo voglia di un’abbondante colazione che ho avuto la fortuna di fare in una bella pasticceria nella piazza principale di questa incantevole città di provincia. La restante parte della giornata si è rivelata una corsa liscia e priva di vento, sì!!!, priva di vento dal rurale Indiana fino alla città diffusa di Gary, South Chicago, Juliet, Calumet City, Hobart.
    Entrarci è stato un processo graduale, i confini fra l’inizio dell’area urbana e la campagna sono indistinti. Una cosa appare chiara:tutte queste piccole città si sono gradualmente fuse in una gigantesca area metropolitana, si sono mescolate tutte l’una con l’altra in una massiccia esplosione di sviluppo urbano. Non è piacevole andarci in bicicletta: il traffico delle macchine non si cura della bici per cui ho dovuto stare costantemente in guardia. Ricordo Los Angeles come un’enorme area urbana dove città si confondono una dentro l’altra, ma qui sembra che la zona sud di Chicago non abbia più spazio da dare a meno che la campagna non ceda. Come se la città stesse traboccando dai propri margini per rovesciarsi sulle vicine colline. Palazzi, distributori, gallerie commerciali, ristoranti tutti uno dopo l'altro: devo averne passati a centinaia. Per quasi 50 km ho pedalato lungo la copia carbone di un unico centro commerciale. Come diavolo la mia bicicletta e la filosofia della bicicletta possono conciliarsi con questo mostro opprimente e tentacolare? Non possono, questa è la mia risposta. Ma io amo Chicago, amo il Grant Park e l'architettura del centro della città e penso che sarà davvero fantastico andare in bici lungo il Lago Michigan. Ma, a parte questi luoghi famosi e fotografati, non sono sicuro che la bicicletta si integri con questa inarrestabile espansione urbana. La filosofia della bicicletta poggia sulla scelta, lo sviluppo urbano è una necessità. La bicicletta ha a che fare con individualità e creatività, le città con un modo collettivo di vivere. La bicicletta crea coraggio, l'espansione urbana induce paura. Sto solo pestando sui tasti dopo una lunga giornata, forse non sono del tutto coerente. Credo però di avere scoperto qualcosa qui e vorrei avere più tempo per sviluppare quest'idea. Ma ora sono distrutto e ho bisogno di riposo.

  12. SEGUE:
    Stasera mi sono seduto al bancone e ho preso una cena veramente abbondante: pizza con l'aragosta, aragosta e gamberoni, riso e broccoli, insalata con formaggio e cinque pezzi di pane all'aglio.
    Il tizio di fianco a me era esilarato dal mio appetito. Ci siamo messi a parlare del mio viaggio e mi ha detto di stare attento domani attraversando South Chicago perché in questo momento c'è una guerra di strada per questioni di droga. Ci sono gang che si sparano fra loro a destra e a manca, mi avverte. Lui è di queste parti ma non esita ad aggiungere che South Chicago è una fogna per cui sarà meglio puntare direttamente al centro della città.
    Non sono impressionato però mi fa piacere che lo farò di giorno.
    Ho davanti una sessantina di chilometri prima di arrivare al Grant Park. Non vedo l'ora. Chicago è la prima vera pietra miliare del viaggio. Io stesso sono sorpreso da quanto vado bene. Francamente non credevo di farcela ad arrivare così lontano.

    Voglio condividere un'altra cosa con voi prima di crollare addormentato.
    Mi pare di avere di nuovo un normale appetito (normale per gli standard di uno che ha appena pedalato per 219 chilometri!). I giorni in cui non volevo mangiare perché il mio corpo era devastato dal dolore e mi svegliavo con la bocca secca e con un incessante sapore metallico sembrano un (non troppo) lontano ricordo.
    Non so se è il normale processo di guarigione che sta seguendo il suo corso o sono io che lo aiuto con la mia passione per quello che sto facendo. Suppongo che non lo saprò mai con certezza. Tutto quello che so è che sta andando così e può durare una settimana o dieci anni, non ha importanza. Ciò che importa è che sono di nuovo io.

  13. Luigi, estas lleno de vida y con ello de poesía. Es inspirador ver como alzas tus alas, cada día en este hermoso viaje solidario, de vida, de tu vida. Aquí estamos todos pensando en ti. Un gran abrazo. Liza