Saturday, August 4, 2012


Chicago, Il - Milwaukee, Wi

95 miles - Total: 913 miles

I left Windy City with an unprecedented and most delightful tailwind which pushed me all the way along the Western Coast of Lake Michigan to Milwaukee. I am in Wisconsin, the ninth state of my journey.

I am on the road pretty early to stay ahead of the weather as the forecast predicts rain in the afternoon. The day starts bright and sunny. I am itching to get back on the bike after a day and a half of rest. Has the prolonged rest messed up my rhythm? I am keen to get going again, I don't want my legs to get sloppy. After a plentiful breakfast I hit the road northbound through the "Magnificent Mile". I smile as I think about the contrast between rural areas when I have long stretches of complete solitude and this populated affluent setting where traffic and people dictate my movement. The Mile is a place for the glamorous, glitzy and tourist mobs. Riding by the tall downtown buildings, next to the beach and amongst the Chicago joggers and cyclists is exhilarating. I feel like I am one of them, my morning ride does not feel like a cross country bike ride and yet, I alone know where I am going: Vancouver.

The area often referred to as North Chicago is quite something from the rest of the city and a stark contrast to the world of South Chicago. Today I ride through a completely different dimension to what I witnessed when I came in the other day. Comparisons cannot be made here, the top and the bottom are extremes of the same scale. The disproportions of capitalism find its paradigm here. The North Shore is an extremely wealthy area dotted with ridiculously luxurious mansions and lakefront properties and expensive cars and neat driveways and lawns. This is the Orange County of Middle America, a rich slice of California reproduced and possibly enhanced. While I feel emotionally detached from these surroundings, I must admit that cycling here is an absolute pleasure, a hassle-free and enjoyable ride among tree-lined streets perfectly paved and with disciplined traffic. Dozens, maybe hundreds of other cyclists use the streets, it is the first time in my life that I have come across so many bikers. The route I take is the bike trail from the Loop which then becomes the Green Bay Trail. I follow it for a bit but soon enough I grow tired of it and judging by the favorable wind I decide that I should take advantage so I could finish early today. I am in highway mood and I continue along route 32. The road isn't in perfect conditions so I spend time focusing on the many cracks that run through the road surface. I zigzag my way with my front wheel in between holes and craks and despite the careful riding I am flying through the miles. It must have been the new chain and cassette installed yesterday, or the tailwind, or the day of rest or even the good food of Chicago, whatever it is I make great progress to Milwaukee where I arrive at around 3pm. A very short day by my standards.

I take a quick stroll around downtown. Milwaukee is not what you would immediately call a warm, welcoming town but it is not hostile and butch either. It seems like a town in transition, with a difficult past and an interesting and creative present. You get the feeling that it is doing its best to attract visitors from the better looking sister city, which is really the crown jewel of Lake Michigan. Milwaukee puts its best foot forward and it almost manages to impress with its hilly wide downtown streets. The Third Ward historic district, a smaller version of the meatpacking district in Manhattan, all redone with restaurants and bars is a clear reminder of the hectic harbor commercial activity which has seen better days. Several cold storage buildings are empty and sit unused. As I cycle through the district I think that these buildings would make wonderful lofts. The city is undergoing a spatial transformation with some green spaces and cultural areas as top priorities in its urban planning. With a lakefront the city has a pleasant lake front walk which snakes among a wide park and a few museums. But leave the downtown area and the city shows its scars. Data reveal that it is one of the poorest urban areas in America. Another bit of trivia, Milwaukee was the socialist capital of the US with the highest amount of votes for the Socialist party. Poor and socialist: is there any correlation between the two? Not as pivotal as Chicago but Milwaukee has had its fair share of immigration, with a lot of Europeans settling in and around the harbor. Even before then, before the West was explored and settled, Wisconsin was considered the new frontier. The area was extremely attractive as the huge water resources make it a fertile ground. Along the Lake I passed through the unattractive town of Kenosha, where a sizable Italian immigration wave settled. Some signs of this are still visible in the shape of a few Italian restaurants but nothing else.

It was pretty cool to ride along the Lake today; it is massive, it really looks like an ocean, its waters deep, and heavy. I noticed some swimmers timidly milling around the shore but nobody dared to swim afar as the waters seem cold and menacing. Several time I had the instinct to stop cycling, strip naked and go for a swim but I resisted the temptation.

Cycling along the lake has been a nice break from the rural America which has taken center stage since Day 1. Tomorrow I leave the shores of the Lake Michigan and I go North West into some less populated areas; this is the real deal. Now that I know I am healthy I am confident that I can go for it, I can go for Vancouver. Now the real journey begins. I will be exposed to the elements and the wind. Bring it on!

Leaving Chicago 

 From the trail just north of the Loop

This is where the wealthy live in North Chicago

Orange County of the East

Pristine North Shore

The Green Bay Trail out of North Chicago

Entering Wisconsin, note the abandoned piece of furniture by the side of the road

 It is not the sea but the shore of Lake Michigan

Coming into Milwaukee from the South 

The tough side of South Milwaukee

South Milwaukee

In the Third Ward District, the name used to be Gennaro, of course..

 Thrid Ward District, Milwaukee

The wing-like brise soleil designed by Calatrava, Milwaukee Art Museum

 Suits for sale, love the color

Updating the blog

Yesterday I received this picture from my colleagues, they are all wearing the bracelet I gave them before I left. Thank you guys.


  1. Thought of you when I read this today. "When I am weary, lift my hands that I might praise you from the pits. Strengthen my arms, I pray. Keep my feet swift and sure. Make each day's path level before me. My life, I give to you . With all my being, I run this race for you."


  2. Hooray Luigi! Keep going! Your blogs are a welcome gem of positivity to everyone!


  3. Sei pronto per la parte, forse, più difficile dell'impresa...spingi sui pedali e vai...con tutto il cuore che hai:) il tuo blog è uno spettacolo: una bella parentesi della mia giornata...grazie, Carla

  4. Che il vento sia con te allora.. M

  5. Giorno 10: WISCONSIN!
    Chicago, Illinois – Milwaukee, Wisconsin 153 km
    Totale km 1.470

    Ho lasciato la Windy City con un inaudito e incantevole vento a favore che mi ha spinto lungo la costa occidentale del Lago Michigan fino a Milwaukee. Sono in Wisconsin, il nono stato del mio viaggio.

    Mi metto in strada abbastanza presto perché le previsioni meteo danno pioggia nel pomeriggio.
    Il giorno comincia limpido e soleggiato. Sono entusiasta di tornare sulla bici dopo una giornata e mezzo di riposo. La sosta prolungata mi avrà scombinato il ritmo? Non vedo l'ora di tornare alla mia routine, non voglio che le gambe si rilassino. Il corpo si abitua molto facilmente.

    Dopo un'abbondante colazione parto verso nord sul 'Magnificent Mile'. Sorrido pensando alle zone di campagna dove percorro tratti in assoluta solitudine mentre qui l'ambientazione sembra l'esatto contrario: rumorosa ed elegante, sfarzosa e affollata; mi piace immensamente la possibilità di sperimentarle entrambe. E' inebriante pedalare sotto gli alti edifici del centro, di fianco alla spiaggia, in mezzo alla gente che fa jogging o va in bici. Mi sento uno di loro, non sembro uno che sta attraversando gli USA su due ruote eppure solo io so dove sto andando.
    L'area chiamata North Chicago è davvero notevole e contrasta fortemente con il mondo di South Chicago: oggi lascio la città attraversando una dimensione completamente diversa da quella che ho visto l'altro giorno arrivando. I paragoni non hanno senso, la cima e il fondo sono estremità della stessa scala. Le sperequazioni del capitalismo qui trovano il loro paradigma. La riva nord è una zona estremamente ricca cosparsa di ville esageratamente lussuose, tenute che si affacciano sul lago, costose automobili, immacolati vialetti, prati ben curati. E' la Orange County del Midwest, un sontuoso spicchio di California duplicato e, se possibile, migliorato. Sebbene mi senta emotivamente distante da questo ambiente, devo ammettere che è un puro godimento questa divertente corsa senza seccature in mezzo a strade alberate. Ci sono in giro decine, forse centinaia di altri ciclisti, è la prima volta che ne incrocio così tanti. E' interessante osservare altri sulla bici mentre anch'io pedalo. Il percorso che faccio è la pista ciclabile che parte dal Loop e in seguito diventa il Green Bay Trail: lo seguo per un po' ma ben presto me ne stufo e decido, a giudicare dal vento favorevole, che posso andare veloce in modo da finire presto oggi: me la sento di fare una statale così prendo la 32. La superficie stradale non è in perfette condizioni per cui passo il tempo a fare attenzione alle numerose crepe che l'attraversano. Faccio slalom con la ruota anteriore e, malgrado la guida cauta, volo attraverso le miglia.
    Saranno le nuove catena e cassetta che ho montato ieri o il vento in poppa o il giorno di riposo o magari il buon cibo di Chicago, fatto sta che avanzo rapidamente in direzione di Milwaukee dove arrivo verso le 3. Una giornata davvero corta per i miei recenti standard.

  6. Ciao Luigi,
    Ti trovo tonico, sia per la verve nello scrivere, che per la volontà, determinazione e per le buone sensazione fisiche che trapelano dal tuo diario.
    Avanti così !
    Un forte abbraccio.

  7. SEGUE:
    Faccio un rapido giretto in centro. Milwaukee non è esattamente quel che si direbbe una città calorosa e accogliente ma non è ostile e nemmeno dura. Sembra una città in cambiamento, con un difficile passato e un presente interessante e creativo. Si ha la sensazione che faccia di tutto per attrarre visitatori dalla più attraente città sorella, Chicago, il gioiello del Lago Michigan. Milwaukee fa del proprio meglio e in fondo riesce a fare un buona impressione con le sue larghe strade centrali in salita.
    Il quartiere storico Third Ward, una versione in piccolo del Meatpacking District a Manhattan, tutto ristrutturato con bar e ristoranti, fa ripensare alla frenetica attività commerciale dei bei tempi del porto. Numerosi magazzini con celle frigorifere sono vuoti e stanno lì inutilizzati. Pedalando nel quartiere, penso che questi palazzi potrebbero essere magnifici loft. La città è oggetto di una riorganizzazione urbanistica che ha come priorità il verde e le strutture culturali. Affacciandosi sul lago, dispone di una piacevole passeggiata sull’acqua che si snoda in un ampio parco fra alcuni musei.
    Basta lasciare il centro e la città mostra le sue deturpazioni. Le cifre dimostrano che questa è una delle aree urbane più povere d’America. Qualche altra notiziola: Milwaukee era la roccaforte del Socialismo degli USA con la più alta percentuale di voti per il partito socialista. Non sono sicuro che le due cose non siano correlate!
    Non così cruciale come Chicago, tuttavia anche Milwaukee ha avuto la sua bella quota d'immigrazione, con molti europei che si sono fermati sul porto e dintorni. Ancora prima, e prima dell’esplorazione e della conquista del West, il Wisconsin era considerato la nuova frontiera. La regione era molto appetibile perché le enormi riserve idriche la rendevano una terra fertile. Lungo il lago ho attraversato la poco attraente cittadina di Kenosha, che fu meta di una considerevole ondata d’immigrazione italiana. Qualche traccia di questo è ancora evidente nello stile di alcuni ristoranti italiani.

    Oggi è stato davvero fantastico costeggiare il lago; è enorme, sembra veramente un mare con le sue acque scure, profonde, mutevoli. Ho visto qualcuno che faceva il bagno ma nessuno osava andare al largo perché l’acqua pareva fredda e minacciosa. Varie volte ho avuto l’istinto di fermare la bici, spogliarmi e andare a fare una nuotata ma ho resistito alla tentazione.
    Pedalare lungo il lago è stata una piacevole pausa dall’America rurale che è stata al centro della scena fin dal mio primo giorno. Domani lascerò le rive del Michigan per dirigermi a nord-ovest in zone meno popolate: si comincia a fare sul serio.
    Ora che so di essere in forma sono sicuro di poterci provare, posso tentare di arrivare a Vancouver. Adesso comincia il vero viaggio. Sarò esposto al vento e agli elementi. Coraggio, sono pronto!

  8. Thanks for great information you write it very clean. I am very lucky to get this tips from you.

    Full Transportation Management