Friday, August 10, 2012


St. Cloud, Mn - Fergus Falls, Mn

135 miles - Total: 1520 miles

I never knew how strong I was until the wind came.

Minnesota might be the land of ten thousand lakes but it is also a wide open space which attracts strong wind currents from the North. The rolling terrain and the cold air add interesting ingredients to the fray. Without exaggeration, this has been the worst day ever on a bicycle with a constant headwind which sucked every inch of joy out of my ride and sapped my enthusiasm. I groveled into Fergus Falls after 12 hours on the road with my fingers and shoulders almost in spasms. Utter frustration and sheer anger. At times, I questioned my purpose.

The good thing about today is that I had plenty of time to conjure up new swear words, all for the wind. I yelled them all just to make sure that it heard them well. You know what I wrote a couple of days ago about making friends with and loving the wind and all that philosophical gibberish? Well...forget it.

Okay, not's the thing. This is non-fiction. The wind is like a life-threatening energy-draining disease, it makes feel like you are trapped because there is nowhere to hide. Unless you bury yourself before you are dead, which is always an option, your choice is to face up to it in whichever way you are capable of. Here I am, planning a whole new adventure, I daydream about it, I picture the beauty of it, the riding in the great scenery, the sense of freedom, the bicycle that will never fail me, the towns, the mountains, the smells, all the thrills that come with a long unpredictable journey. And then all of sudden the wind picks up and it is such a strong wind that hampers my movement, makes me weaker by the minute, fills me with fear. It is not a minor hiccup, not a chink in the armour, it is not a bad dream, it's the real thing. I feel the gusts of it stabbing every fiber of my being, settling inside my bones and creating a new me that I don't want, I wish I could expel it with a button. I cannot ride forward any longer, what was so easy and natural becomes unsettling, unknown, terrifying. So here I am in the middle of the prairie, totally exposed, having to work hard for every single mile. Until the wind blows against me, it is amazing how little I know about my brain, my consciousness, my reactions. What humbles me is the survival instinct that kicks in. In life rule number one is: always leave yourself outs. Now the wind has blocked all my way outs. And I am not used to that. I always like to know that I have a choice, who wouldn't? Now that the wind has me cornered the only way out might be a way through. Can I still ride in the wind? I guess. Slower sure! but it is my ride and with my mind and my eyes still functioning I can go on. The wind will continue to blow and possibly will blow even harder in the open spaces of North Dakota and Montana but that's the future and as far as I am concerned I don't know squat about the future, number one; number two, if it blows I will stand firm and will generate a response, I will create life whenever I can. And I can't...screw it, at least I have done it! It is certainlty a cliche but there is life until you are willing to ride on in your special way and you are willing to appreciate the things that you love. Only in the wind can we really see the naked soul of the man for what it really is. For me, more than ever, life is a highway hit by destabilizing gusts of wind. Let's see how resourceful and eager I am to deal with it.

I ride all day along road shoulders that are seriously messed up. Clods of dirt, loose rocks, lumber, sand, pancaked pets and empty carcasses, deep cracks and uneven surface clutter my path. However, since the traffic is generally light I have the luxury to ride inside the lane. This is tricky when the wind blows though as it muffles the sound of coming vehicles and it is impossible to judge when to swerve back into the shoulder.

I did not sleep well last night and, surprisingly, as it happened before on this journey, the lack of a full night's sleep does not compromise my ability to ride well. However, by the end of the day my body feels totally battered. The wind was so fierce and persistent today that when I left the hotel to grab dinner and walked to a nearby restaurant, my ears rang, my eyes were bloodshot, the head felt stuffed like if an entire bunch of drunken motorcycle riders had taken turns punching it. I find it difficult to walk straight, being at the mercy of the wind for an entire day made me feel seasick. it is a miracle that I can write the blog. Actually, it is the only thing I feel good doing right now. I cannot sleep because my muscles are still producing adrenaline.

There's the wind but there is also the ride, the journey, there's Minnesota. No matter how much wind comes blowing down, nothing will deny the beauty of this area. People from here are blessed with hundreds of parks, lakes, creeks, trails and just green, lush and glowing outdoors. If it wasn't for the wind, I would ride in a bliss today. I ride on completely empty stretches that don't meet any acceptable definition of a highway. I focus on the trees, on the vegetation that keeps growing thicker and darker, I focus on the cracks that run along and through the faded yellow line. Sometime I see old tractors coughing and sputtering and the noise echoes in the wind for several minutes. I ride past farmers that go about their business in complete calm and adoration of their life. Theirs is a way of life made with skill and routine that is applied with grace and patience. I listen to the sound of nature, the smells being flown all over, I glance at the clouds that play hide and seek all day, I watch cows and horses suddenly turn their heads in my direction and, unmoved, stare at me and I stare back as if we are about to start a conversation, I watch my tense arms and the veins that cover my muscles, I look at the messy paste of dirt and sunscreen on my sun burnt legs, I breathe in an I breathe out and I stretch my neck and hands and I twitch on my seat when my bum becomes too sore, I listen to my legs whooshing over and over and over and over. It is all too familiar by now. No wind can alter that. The wind might have brought me to the darkest places but my ride will sparkle even in the wind and the dark will be no more.

Pure torture the wind but the journey continues. I rode more than 130 miles today, which puts me within sight of Fargo, North Dakota, where I will be tomorrow night.  

Minnesota road, note the cracks that run across the road. This is everywhere here.Why is that?? Are the roads built in blocks? Someone elucidate please!

Minnesota barn

These water spraying machines are long almost 1/4 of a mile

Rural Minnesota 

The fire station in the tiny town of Bowlus 

View from the road 

One of the many creeks that join the Mississippi 

What the wind does 

Truck for sale in the middle of a field 

My beloved barns, here's another one

Urbank, population: 54 

and the church is the tallest and prettiest building 

Stop? No way! 

These little orange signs will be relevant in three months when all the fields will be under heavy snow 

The Otter Trail Byway 

Wide open 

Minnesota road 

Do I look pissed? Well..I am, the wind makes my life hard! 

Just one look to the side and the beauty of the scenery makes it all sweeter 

Minnesota sky 

 Postcards from Minnesota

Minnesota, the sun is going down and I am still fighting the wind. I reach the hotel at 8:25pm


  1. In gambissima Luigi, ma le traduzioni...assolutamente encomiabili!

  2. Sei piu' forte del vento m

  3. e un altro piatto di tortellini è on the way...

  4. fuck the wind! vento di merda!!!

  5. Ciao Luigi,
    Sei più forte tu del vento ! Riesci a vedere tutte le cose meravigliose che ti scorrono davanti, a inventare nuove ingiurie "antivento" :-) e a dichiarare guerra anche a lui !...ed ovviamente vincerai anche contro di lui !
    Un abbraccio,

  6. Hey Man, I know that kind of wind, and I can't believe you road through it... 130 MILES through it! Unbelievable! You are full of strength and determination, and your writings are very inspirational. Keep up the good work, and remember to smile at the daisies. They'll smile back at you!
    -Carmen Peterson
    Water Cycle 2010

  7. Il vento si alza. Bisogna tentare di vivere
    -Paul Valery- (& Piug)

  8. We live in a beautiful state here in Minnesota no doubt, and a very bike-friendly state, however ... the wind can and does suck! But how gloriously fun it is when it's a tailwind! Those cracks in the roads are caused by our weather extremes: the high heat and humidity of summer followed by the sub-zero temps of winter. It causes the pavement to expand and contract leading to cracks and potholes that they spend every summer trying to fix; usually, a losing battle. You are doing great! Laurie

    St. Cloud – Fergus Falls, Minnesota 217 km
    Totale km 2.447

    Non conoscevo la mia forza finché non è arrivato il vento.

    Il Minnesota sarà la terra dei diecimila laghi ma è anche un immenso spazio aperto che attira forti turbolenze da nord. Il terreno ondulato e l’aria fredda aggiungono pepe alla lotta. Senza esagerazione, questo è stato in assoluto il giorno peggiore, con un incessante vento contro che mi ha risucchiato fino all’ultima goccia il piacere della corsa e ha tolto linfa al mio entusiasmo. Mi sono trascinato dentro Fergus Falls, dopo dodici ore sulla strada, praticamente con i crampi alle dita e alle spalle. Assoluta frustrazione e rabbia pura. A volte ho messo in dubbio il mio obiettivo.
    Di buono oggi c’è che ho avuto tempo in quantità per creare parolacce inedite, tutte per il vento. Le ho urlate tutte, giusto per essere sicuro che lui le sentisse bene. Sapete quello che ho scritto un paio di giorni fa sul farsi amico il vento e volergli bene e tutte quelle ciance filosofiche senza senso? Beh, scordatevele.

    Okay, non proprio...ecco come stanno le cose, e non è letteratura. Il vento è simile a una malattia potenzialmente letale che ti toglie le forze, ti fa sentire in trappola perché non hai un posto dove andare. A meno di non seppellirti prima di morire – scelta sempre possibile- la possibilità che hai è affrontarlo in qualunque modo tu sia capace. Eccomi qua che progetto tutto un viaggio e m'immagino la sua bellezza, i grandi panorami, il senso di libertà, la bici che mai mi verrà meno, le città, i monti, i profumi, tutte le emozioni che accompagnano un lungo, imprevedibile viaggio. E poi di colpo si alza il vento, così forte che m'impedisce di muovermi, m'indebolisce di minuto in minuto, mi riempie di paura. Non è un intralcio da poco, non è un brutto sogno. E' reale e sento le sue raffiche trafiggermi in ogni fibra, insediarsi nelle mie ossa creando un nuovo me stesso che io non voglio, che vorrei poter espellere con un pulsante. Non posso più avanzare, quello che era così facile e naturale diventa impossibile da raggiungere. Così eccomi in mezzo alla prateria, totalmente allo scoperto, costretto a sgobbare per guadagnarmi ogni singolo miglio.
    Finché il vento non si alza contro di me, è sorprendente quanto poco io conosca la mia mente, la mia coscienza, le mie reazioni. Quello che mi fa sentire umile è l'istinto di sopravvivenza che si manifesta. In passato, quando avevo il controllo totale, la regola numero uno era: lasciati sempre una via di fuga. Ora il vento me le ha bloccate tutte. Non ero abituato a sentirmi in trappola. Adesso il vento mi ha messo all'angolo e l'unica via d'uscita può essere passargli attraverso. E' lunga attraversare la prateria, è lunga la strada fino a casa quindi che faccio? Uso il vento per generare forza dentro di me, per creare capacità di resistenza, di giudizio, carattere. Nel vento posso ancora correre, certamente più piano ma è la mia corsa e con testa e occhi ancora a posto posso contrattaccare per sopravvivere a modo mio. Il vento continuerà a soffiare e probabilmente lo farà ancora più forte negli spazi aperti di Nord Dakota e Montana ma primo, questo è futuro e, per quanto mi riguarda, del futuro non so un bel niente; secondo, se soffia non cederò e produrrò una reazione, creerò la vita. C'è vita finché abbiamo voglia di andare avanti a modo nostro e di apprezzare le cose che amiamo. Solo nel vento si vede l'anima nuda dell'uomo per quel che è davvero. Per me, ora più che mai, la vita è come un'autostrada colpita da raffiche di vento destabilizzanti. Vediamo quanto sono capace e intenzionato ad affrontarlo.

  10. SEGUE:

    Per tutto il giorno corro su banchine stradali ingombre di tutto: zolle di fango, pietre disperse, pezzi di legno, sabbia, piccoli animali spiattellati, carcasse svuotate. Siccome il traffico è rado mi prendo il lusso di allargarmi sulla strada. Questo può creare delle complicazioni col vento che copre il rumore dei veicoli che arrivano e rende impossibile capire quando bisogna deviare verso il ciglio.

    La notte scorsa non ho dormito bene ma, come mi è già successo in questo viaggio, la mancanza di sonno non compromette la mia capacità di fare una buona corsa. Peraltro alla fine della giornata sono completamente distrutto. Oggi il vento è stato così feroce e incessante che stasera, quando esco dall'albergo per mangiare un boccone in un ristorante lì vicino, le orecchie mi ronzano, gli occhi sono iniettati di sangue, la testa congestionata come se tutto un branco di motociclisti ubriachi l'avessero presa a pugni a turno. Faccio fatica a camminare diritto, essere alla mercé del vento per una giornata intera fa venire il mal di mare.
    C'è il vento ma c'è anche la corsa, il viaggio, c'è il Minnesota. Per quanto il vento possa infuriare, la bellezza di queste zone è innegabile. La gente di qui gode di centinaia di parchi, laghi, ruscelli, sentieri e semplicemente di lussureggianti spazi aperti, verdi e smaglianti.
    Se non fosse per il vento, correre oggi sarebbe pura beatitudine. Percorro tratti completamente deserti che non corrispondono ad alcuna descrizione di superstrada. Mi concentro sugli alberi, sulla vegetazione che cresce sempre più folta e scura, mi concentro sulle crepe che seguono o tagliano la linea gialla sbiadita al centro della strada. Ogni tanto vedo vecchi trattori che tossiscono e sputacchiano e il rumore echeggia nel vento per parecchi minuti. Passo accanto a contadini che badano ai loro affari in perfetta calma e serenità. Lo so che è la mia immaginazione ma ci sono abilità e sequenze ripetute di gesti applicate con pazienza e grazia.
    Ascolto il suono della natura, gli odori che si spargono tutt'intorno, getto un'occhiata alle nuvole che tutto il giorno giocano a nascondino, guardo mucche e cavalli girare improvvisamente la testa nella mia direzione e, immobili, fissarmi e io a mia volta li fisso come se fossimo in procinto di iniziare una conversazione, mi guardo le braccia tese e le vene che corrono sopra i muscoli, guardo al sudicio impasto di polvere e latte solare sulle mie gambe abbronzate, inspiro e espiro e mi stiro il collo e le mani e mi contraggo sul sellino quando il sedere mi s'indolenzisce troppo, ascolto le gambe frusciare e frusciare ancora e ancora e ancora. Ormai è tutto troppo familiare. Nessun vento può cambiare questo. Il vento può avermi portato nei luoghi più oscuri ma la mia corsa scintilla nel vento e il buio sparirà.

    Autentica tortura il vento ma il viaggio continua. Oggi ho fatto più di 130 miglia, quindi sono in vista di Fargo, Nord Dakota dove arriverò domani sera.

  11. Quello che scrivi è pura poesia.
    A tutti noi che leggiamo sembra di essere lì.
    (E un grande abbraccio)