Tuesday, August 7, 2012


Sauk City, Wi - La Crosse, Wi

122 miles - Total: 1153 miles

I wake up and I shake the sleep off my face, I wobble to the bathroom to wash my face and my hands. Without realizing I walk to the bicycle and as I begin to find my bearings on the smelly carpet I look at the back tire. My worst fear comes to pass: the tire sits idly on the rim, it is completely flat. This is not promising. I eat a quick continental breakfast gulping down two bowls of cereals full to the brim with cold milk. I stretch and I check out of the motel. I am faced with the choice of hitching a ride to the closest bike repair shop, which is 15 miles North, or trying to put some air into it and see what happens. Choice one is not an option so I pump as much air as possible into the tube with my small travel size pump. The tube inflates to about 60%. Can I make the 15 mile journey on that pressure without wrecking the wheel? I can. I fly down the road trying not to sit too heavily on the saddle, which is not a good idea if you don't want to train your triceps. By the time I get to the shop my upper body is sore and I cannot feel my toes. However, I quickly shake it off and I have a new tube installed. Now the day can really start.

As I leave the bike shop in Baraboo the wind picks up and it is a headwind of course. Not as gusty as yesterday but lively enough to make things interesting once again. I follow highway 30 all the way to La Crosse. The traffic is a bit annoying for the first ten miles then it thins out. It is a long day but despite the wind I enjoy the ride. I notice that the scenery is beginning to modify. The surrounding flora suggests that I am going North, the vegetation takes on a more dramatic look and on the short slopes around the road I can see a thick and lush undergrowth. There's a greater array of trees and plants, I wish I knew something about it so I could mention some names of trees and plants that I see today. The new development of the local flora cannot be detached from the climate of course and I am noticing the dip in temperatures as I make my way North. It is more noticeable at dawn or late at night. This morning the temperature hits 64F at 8pm with a high of 78F at 2pm. So I seem to have left behind the humid and sticky summer days of Virginia and Ohio. I reckon that a couple of more days and I will have to buy a warmer jersey to take on North Dakota and Montana.

If it wasn't for the wind, I would say that today is the perfect day to ride. I pass through several villages and small towns where I stop to take pictures and load up on ice-creams. I quite enjoy the rural feeling that all these relaxed-looking places have. On the road I can clearly make out the tracks of horse carts and muddy tractors that have just passed. The air is pretty heavy with the familiar smell of horse manure but also with all sorts of magnificent scents coming from the fields and the many plants that perfectly color the setting I ride in. I pass through the charming Wildcat Mountain State Park which sits on a steep ridge overlooking the scenic Kickapoo River Valley. This place is great for canoeing, hiking and fishing. The road runs parallel to the river and snakes its way through the bluffs and the thick forest which covers them. It is an absolute pleasure to ride on this road which is consistently shaded by tall green trees which also do a pretty good job at keeping the wind at bay for a while. Today the scenery keeps the frustration away and I finally stop feeling sorry for myself having to ride into a headwind the whole day yesterday. I detach myself from the schedule and I savor the scenery. I come across several Amish farmsteads, one lady wants to sell me honey and jam which I would love to purchase but practicality wins so I soldier on without the goods. Wisconsin is the state with the fourth largest Amish population. All the farms and homesteads usually come with a barn and a horse and a grazing area. They all have small businesses and they heavily engage with the "English" for business opportunities. 

I am keen to get to La Crosse which sits on the banks of a very important waterway. I know that I will achieve another milestone today. I cannot wait to see it. And so we meet again Mighty Mississippi. At this stage you are not as mighty as you are in Missouri and not as frightening and powerful as you appear in New Orleans. I am sure the mild weather puts you in a good mood but tonight you seem calm and at peace with yourself. The streaks of the dying sunlight that hits you from the West make you look even more peaceful. The breeze blowing from the North and the urban skyline of the city add a romantic touch that I have not seen before. I walk the bike for a few minutes and stare at the Blue Bridge which connects the states of Wisconsin and Minnesota. I am staying on this side tonight. I ride for another ten miles before I spot a Comfort Inn next to the highway. My home for the night. I am keen to rest. La Crosse, while not as large as Madison, is a college town with a perfect street grid plan and a lovely riverfront. The city sits in the Driftless Area which is a region of the American Midwest with several deeply carved river valleys. The geology of this area is really interesting, I will not add anything here but it is worth looking it up.

I start the day with a flat tire and I finish the day with the same back tire almost totally deflated. While I ride around La Crosse I find a bike shop and my stubbornness gives way to a practical choice, I make the decision to get a new tire altogether. Hopefully, it should be solid now and won't bother me for a few days. I have enough to worry about, the mileage, the wind, temperature, traffic, my heavy legs and the unhealthy food that seems to be the only option available. I am high in spirit and I am eager to head North tomorrow. I will follow the river, there is a road that runs along it for most of the route. It could a tough day but I am hoping to be in Minneapolis this time tomorrow. Good night.

Waking up to a flat tire is not a very encouraging way for a cyclist to start the day

A new kind of vegetation grows around here

Same old same beautiful barns

The road entering the Wildcat Mountain State Park

Scenery from the morning ride

Sunflower bed 

The laid back town of Wonewoc, Main st

First hairpin curve of the route

An Amish man in La Valle

A brown horse taking shelther from the sun

A bicycle overtaking a horse cart, this should be fun

From the road in the afternoon

Highway 30

My dirty legs. A combination paste of sunscreen, dust, dirt and mud gets carefully applied on my skin everyday

Wisconsin is the dairy state of the country

At the bottom of those bluffs river Mississippi is patiently waiting for me

A cute postcard from rural Wisconsin

Mississippi in La Crosse

Me, the bike and Mississippi. Who is missing?

Wisconsin sunset


  1. Sono qui con i miei amici e stiamo seguendo il tuo blog. Grandissimo!!!!!!!!!!!!!!!!! Forza Luigi!!!!!!!!!

    Francesco, il figlio di Roberto - abbiamo giocato a calcio insieme, ti ricordi?

  2. Un abbraccio. Sei una macina!


  3. 1153 miglia in bici in 12 giorni...e' incredibile...a volte ci stupiamo quando tali distanze sono percorse su 4 ruote...Grande Lui! Per quel che e' possibile prenditi cura di te, e' buono sapere che domani sera sarai a Minneapolis dove troverai cibo piu' salutare di quello offerto dai fast food negli ultimi giorni. Il tifo da entrambi i lati dell'Atlantico continua sfrenato giorno dopo giorno, lo testimonia il contatore del pageviews del tuo blog...vai Lui, in tanti ti soffiamo vento in coda....un abbraccio

  4. non sarà un stupida gomma sgonfia o del vento sfavorevole a fermare la tua coraggiosa impresa...ieri, ho parlato di te ad una speciale volontaria (una delle straordinarie colonne portanti)della BrinAIL, sede provinciale della nota ONLUS AIL...è rimasta davvero colpita, come me d'altronde, dal tuo indomabile spirito e dalla tua speciale iniziativa :) abbiamo deciso di raccontare di te agli altri volontari...i tuoi supporters dall'altra parte dell'Oceano aumentano in maniera esponenziale...go, Luigi, go :) Carla

  5. Caro Luigi,
    Tubolari e vento permettendo sei arrivato a La Crosse. E' stata dura anche oggi ma sei stato più forte tu !
    Forza Luigi, Alè Alè

  6. Sono qui! Vai Luigi! un abbraccio Silvia

  7. Forza forza che il fango fa bene alla pelle ;) sei ad oltre 12 mila click e piu' dell'85. di fundraising. Sei un grande m

  8. Hi Luigi, I have been following your very impressive progress since someone posted a link to this blog on Team Estrogen, a women's cycling forum. It looks like you might be in or near my fair city, Minneapolis, by tonight. You should find plenty of great food choices and if your bike needs any attention, I suggest that you find the nearest Erik's Bike Shop. We can get some awful wind here but the forecast calls for fairly calm winds the next few days. Your writing and photos are just beautiful. Thank you for sharing this journey. Ride on!! Laurie

    Sauk City – La Crosse, Wisconsin 196 km
    Totale km 1.856

    Mi sveglio e cerco di scrollarmi il sonno di dosso, traballo verso il bagno per sciacquarmi faccia e mani. Istintivamente vado verso la bici e, mentre comincio ad orientarmi sulla moquette maleodorante, guardo la ruota posteriore. La mia peggiore paura si è realizzata: il copertone sta passivamente attaccato al cerchione, completamente a terra. Questo non promette niente di buono. Prendo una veloce colazione continentale, trangugiando due scodelle di cereali piene fino all’orlo di latte freddo. Faccio un po’ di stretching e lascio il motel.
    Ho due possibilità: chiedere un passaggio fino all’officina più vicina (24 km a nord) o tentare di gonfiare un po’ la gomma e vedere quel che succede. La prima non è neanche da prendere in considerazione perciò riempio al massimo il tubolare con la mia piccola pompa da viaggio. Resta gonfio per circa il 60%. Posso fare i 24 km con questa pressione senza distruggere la ruota? Sì che posso. Ho volato lungo la strada cercando di non appoggiare tutto il peso sul sellino, il che non è una buona idea a meno che non si voglia esercitare i tricipiti. Il tempo di arrivare dal meccanico e tutta la parte superiore del mio corpo è in fiamme e non sento più le dita dei piedi. Comunque risolvo tutto rapidamente e mi faccio sostituire la camera d'aria. Ora la giornata può cominciare.
    Appena parto dall’officina a Baraboo si alza il vento, naturalmente a sfavore. Non è tempestoso come ieri ma abbastanza vivace da rendere le cose ancora una volta interessanti. Fino a La Crosse percorrerò la 30. Per la prima quindicina di chilometri il traffico è un po’ fastidioso poi si riduce. Sarà una giornata lunga ma, a dispetto del vento, mi godo la corsa.
    Noto che il paesaggio inizia a cambiare. Il verde intorno a me indica che mi sto spostando verso nord: la vegetazione diventa più appariscente e sui brevi declivi che circondano la strada vedo un sottobosco folto e rigoglioso. Ora c’è una gamma più svariata di alberi e piante, vorrei saperne qualcosa in modo da poter fare qualche nome. L’inedito sviluppo della flora locale ha naturalmente a che fare col clima e sto notando il calo delle temperature man mano che vado a nord. E’ più evidente la mattina presto e la sera tardi. Stamattina alle 8 c’erano 18°; alle due del pomeriggio eravamo arrivati a 25°. Direi quindi che mi sono buttato alle spalle le giornate umide e afose di Virginia e Ohio. Un altro paio di giorni e suppongo che mi toccherà comprare una maglia più calda per affrontare il Nord Dakota e il Montana.

    Se non fosse per il vento questa si direbbe una giornata perfetta per viaggiare. Passo per parecchi villaggi e piccole città dove mi fermo per scattare foto e rifornirmi di gelati. Adoro l’atmosfera campestre che hanno tutti questi posti dall’aria rilassata. Sulla strada posso facilmente distinguere le impronte lasciate da carretti a cavalli e da trattori infangati che sono passati da poco. L’aria è impregnata dal familiare fetore del letame di cavallo ma anche da ogni sorta di magnifiche fragranze che arrivano dai campi e dalle varie piante che colorano a perfezione lo scenario.
    Attraverso l’incantevole Wildcat Mountain State Park che si trova su uno scosceso crinale che dà sulla valle del fiume Kickapoo. Il posto è ideale per la canoa, l’escursionismo, la pesca. La strada corre parallela al fiume e serpeggia fra i costoni rocciosi ricoperti da un fitto bosco. E’ puro piacere percorrerla perché è tutta ombreggiata da alti alberi verdi che fanno un’altra ottima cosa, tengono a bada il vento. Oggi il paesaggio fa dimenticare la frustrazione e finalmente smetto di autocommiserarmi per aver dovuto correre, ieri, tutto il giorno controvento. Mi distacco dalla tabella di marcia e assaporo il panorama. Incontro parecchie fattorie Amish; una signora vuol vendermi miele e marmellata, vorrei tanto comprare ma il senso pratico ha la meglio e ci rinuncio.

  10. Bellissima la traduzione in italiano. Bellissima. Tutto piu' vero. Anche la fatica ritrova il suo nome. Daje Luigi!!!!

  11. SEGUE:
    Il Wisconsin è il quarto degli Stati Uniti per numero di abitanti Amish. In genere tutte le fattorie e i poderi hanno una stalla, un cavallo e un terreno a pascolo. Tutti hanno piccole attività e si impegnano pesantemente con gli “Inglesi”per opportunità di affari.

    Sono ansioso di arrivare a La Crosse che è bagnata da un importante corso d'acqua: so che oggi raggiungerò un'altra pietra miliare. Non vedo l'ora.
    E così ci incontriamo di nuovo, Mighty, Possente Mississippi. Per il momento non sei così possente come in Missouri né così impressionante e poderoso come a New Orleans. Sono certo che è il tempo mite che ti mette di buon umore ma stasera sembri tranquillo e in pace con te stesso. I raggi del sole che muore ti fanno sembrare ancora più pacifico. La brezza che soffia da nord, insieme col profilo della città, aggiunge una pennellata romantica che non ti avevo mai visto.
    Per qualche minuto porto a mano la bici guardando al Blue Bridge che collega il Wisconsin al Minnesota. Stasera rimarrò su questo lato. Faccio un'altra quindicina di chilometri prima di scorgere un Comfort Inn presso l'autostrada: la mia casa per la notte. Desidero ardentemente un po' di riposo.
    La Crosse, nonostante non sia grande quanto Madison, è una città universitaria con una perfetta maglia stradale e un piacevole lungofiume. Sorge nella Driftless Area, una regione del Midwest incisa profondamente da parecchie vallate fluviali. La geologia di questa zona è davvero interessante, merita una ricerca.

    Ho cominciato il giorno con una gomma a terra e lo termino con la stessa gomma quasi completamente sgonfia. Girando per La Crosse trovo un biciclettaio e la mia caparbietà cede a una scelta pragmatica: decido di cambiare tutta la gomma. Adesso dovrebbe essere a posto, speriamo, e per qualche giorno non dovrebbe darmi noie. Ho già abbastanza di cui preoccuparmi: distanze, vento, tempo, traffico, gambe pesanti e cibo malsano che sembra l'unica scelta possibile.
    Il morale è alto e sono impaziente di puntare a nord domani. Seguirò il fiume, c'è una strada che lo costeggia per la maggior parte del mio itinerario. Potrebbe essere una giornata ardua ma ho fiducia di essere a Minneapolis domani sera a quest'ora. Buonanotte.

    (E GRAZIE ANONYMOUS!!! Ti sei guadagnato un piatto di tortellini!)