Wednesday, August 22, 2012


Whitefish, Mt - Libby, Mt

129 miles - Total: 2726 miles

Today's ride was awesome in every sense of the word. This is one piece of the American West that did not turn into a tourist attraction. I fill up my water bottles in Rexford and then it is 'good luck' for 60 miles. 60 miles of untouched nature, 60 miles of 'Grizzly Bears habitat' as the warning signs read and 60 miles of blissful desolation, where with no human beings in sight angels from high above watch me and smile with me, if you believe in angels that is.

An old pickup speeds across the Montana backroad. The driver is an old man and he lives around here. He looks old from the deep wrinkles in his face and his hands and his eyes. He knows more about Montana than any book can ever tell. Maybe a hard life or maybe an unrelinquished love or uncompromising judgments made him a cold hard man. Would he relive the same doubts if he had a second chance? Would he hold the blame or would it unleash onto others? Would he wait too long again to live a life that rings true? When would he stop running away? The road is empty, he is the only human being around for miles. Where does he go now? Where has he been? Are his angels taking pity on his choices? He's been overseas when he was young, he loved a woman, maybe he has kids that are somewhere in the world and have forgotten him. We come from totally different existences and yet today in the silent Montana landscape our paths cross. Was this a dream?

Today's ride was the best surprise of my tour. I did not know what to expect and if someone had told me beforehand how beautiful the ride would have been their warnings would have still not lived up to it. Thank you angels.

The world around me is as empty as it gets. I spent most of the day on Highway 37, a scenic road which meanders through valleys and woodland and bends around the shape of beautiful Lake Koocanusa. I should have gone for a swim in that big blue water! Rule number one: when you like the water, go for a swim.

I see just a handful of vehicles for about 50 miles on this stretch of road and I highly recommend it to whoever wants out of civilization for a while. After the challenge of doing the Logan Pass yesterday which brought enormous joy but required total focus, today was an opportunity to just enjoy the ride and the scenery. It wasn't as smooth as I make it sound because...surprise surprise...I had a strong headwind to contend with all the way through. Whatever direction the road went the wind kept blowing from the same side: the front.

I was planning to sleep in but the alarm in my brain wakes me up at 7 but I don't mind departing from the downtown Inn. It smells vaguely of old and damp and last night there was a huge spider hanging from the web right above the bed. Luckily I saw it before I turned the lights off and promptly killed it. It must have been the size of my thumb nail. So I don't have any qualms about leaving this forgettable inn. If the hotel offers breakfast then I indulge and have a quick bite, usually cereals or bread or oatmeal, if not I hit the road and stop at the first place. This is a well established routine by now and today is no execption. I eat something, I pack the small backpack, I apply sunscreen and I am out of the door. It takes me about 30 minutes.

As I step outside I am greeted by a chilly mountain air, nothing like yesterday but still it is a crispy air which fills a wonderfully clear, blue sky. I ride for 30 miles on highway 93 which does not have a shoulder. When I ride on a shoulderless road I am obviously more concerned about the ride as vehicles do not have much space to pass me safely with. Despite the unsafe road, it is still a wonderful setting to ride in, H93 goes through the Kootenai Forest which covers a huge amount of land with lots of opportunities for camping, fishing, hiking, swimming, horse riding. At Eureka, I am the closet I have ever been on the journey to the Canadian border, only 7 miles. I turn Southwest on highway 37 and I still have 67 miles before I am home free in Libby.

Between Eureka and Libby there is nothing. Not even a convenience store. No sign of commercialization whatsoever. Only two camping facilities. The road is amazing, it provides the type of ride that I like: lots of scenery, lots of desolation, lots of solitude and lots of weather! The best of the very best I can ask for, I am happy in spite of the wind. I am riding in the far northwestern section of Montana, no cell signal, no cars, no towns, just me and my bicycle. And grizzly bears, supposedly. This is the land of the bears so when I see the sign 'watch out for grizzly bears' the child that is in me, which is about 90% of the whole of me, comes alive. I get all excited and while I ride all I can think of is grizzly bears crossing the road. The encounter does not materialize of course and I have to content myself with deers and eagles. The road makes it a very scenic ride when it meanders around the lake under walls of rock which rise vertically from the hillside. Several warnings of falling rocks pepper the road and huge boulders rest at the base of the cliffs. The sides are jagged and rocky. The more distant hills are like huge green hedgehogs, their green pines standing upright tight and anonymous. The mountains behind and all around provide a sense of nature that is hard to define. Sometimes the hedgehogs show signs of balding, for the higher part of the dome is often sparser and show brown earth. I pass over many creeks that rapidly plunge into the lake feeding it with water and water until its abundance is so noticeable that you just want to swimin its crystal clear, blue waters. The wind hits the crest of the water and creates small but sturdy waves that travel in my direction, south. I look up at mountainsides with big bald patches where the trees have been clear cut, and where roads for the logging trucks snake carefully back and forth up the sides of the hills.

If I don't have the usual silly song stuck in my head I think about big things, small things, life, death, illness, my friends, my life, how good it is to be here on the bike completely alone and sometimes I just think about absolutely nothing. I have been on the road long enough that even my thoughts follow a certain pattern which always depends on the type of road, the time of the day, the scenery and most importantly the weather. A journey of this kind teaches you how to listen and learn from the outside world and its elements. It is a sort of re-birth, like I am learning to live again but with new reference points, whithin a new dimension. The wind, the sun, the clouds, the density of the clouds, the scenery, the color of the grass, the trees. Anything that exists has significance, nothing I see goes unnoticed. This is the beauty of it. The surprise that is contained in any element, like a secret box bursting with objects. All I have to do is to lift the lid. This elementary journal captures maybe 5% of what I experience on the road. I wish I had the ability to convey more. I try to write down a few lines and hopefully when you read this you can close your eyes and just see me here. Alone on my bike, in a place so beautiful and silent that in order to appreciate it you must unlearn what you know and start again without judgment. The bicycle is individuality, is movement. A life in constant movement is the only life worth living.

I fight an increasingly strong headwind but finally I enter Libby, a little mountain town nestled in a green valley, around 6pm with heavy legs and a hungry stomach. It's been a long day and a tough hilly and windy ride but the untouched and pristine beauty of the scenery made it all worth it. I am going to pass out now.

My motel in Whitefish

Highway 93, no shoulder and uneven surface, not ideal for cycling

Scenery from H93: ideal for cycling 


 Entering the Kootenai Forest

Some of these trees are 30 mts tall 

Koocanusa bridge 

Lake Koocanusa. A bit of trivia for you: the name combines the first three letters of KOOtenai Forest, CANada and USA.

The spectacular H37 

The Lake from the road


No bears in sight, only deers 

The 422-foot tall Libby Dam on Lake Koocanusa 

The flags go crazy in the wind. And I go crazy in the headwind 

One of the many creeks that fall into the lake


  1. Ciao siamo maurizio e martina.Devo ammettere che ho difficoltà con la tecnologia quindi ti seguo più con il pensiero che nel blog.Non vorrei essere fuori passo quindi non lascio commenti,ma ti lascio la mia testimonianza che ci sono "capitano"anche se non appaio sono li e provo a raccogliere tutto quello che ci stai trasmettendo con la tua impresa. Un grande abbraccio Maurizio e Martina

  2. Dear "Cav. Pezzella",

    You are outdoing yourself: I am genuinely proud of
    you and what you are accomplishing! (and I agree with your Rule #1).
    Mother Nature and the Gods are watching and protecting you: here is to a safe and successful last push on to the Ocean!!

  3. Grande Luigi! Dopo una settimana sul Cervino sono rius ito a riconnettermi ed e' sempre affascinante leggere il tuo blog. Aspetto la foto dei grizzly! Un a braccio forte.

  4. Hi Luigi, we don't know each other well and it's interesting to get to know you a little bit better through your blog. I'm somewhat of an introvert, like you it seems, and I can't tell you how inspiring your journey has been to me in the short time I've known about it. I come to your blog to show my support, yet find myself the one leaving with gifts. Your writings, insights, and picture; the outpouring of care and love from your close ones; acquaintances, colleagues, strangers cheering you on, all of it is so heartening. Those who follow your journey, whether they share your ordeal or not, draw strength and inspiration from your experiences on this adventure and as one of your friends said yesterday, it’s about life, or as you said yourself, a life worth living… Keep going strong, I have a feeling the angels have been with you all along and will watch over you and keep you safe till Vancouver and beyond. Melissa.
    Btw, amazing post, my favorite pictures so far, you got me dreaming of Montana…

  5. Spledida solitudine e dialoghi fra te stesso e l'infinito.
    Ora ci siamo: la forza del Grizzly, la determinazione di Lui.

  6. I am writing from Nettuno, provincia di Roma, where I am spending much of the month with Roberto and Mary Amorosino and family. I have finally found my way around the blog to post a comment (mea culpa) but suffice it to say that I have been with you for many days on your epic journey.

    Your ability to communicate emotions, sentiments and visual experiences after a 100 mile + daily bike ride deserves total admiration. I am in awe of your challenge, but above all what you are able to share with us all as we follow your progress. You have a rare quality in your writing. Sublime words which take the reader with you on a spectacular journey. May I wish you a smooth passage for the rest of the trip. I will be following you all the way. You are a true inspiration. Un abbraccio forte e auguroni per gli ultimi giorni. Helen Falsini

  7. Giorno n. 28: DESOLATION ANGELS
    Whitefish - Libby, Montana 208 km
    Totale km 4.389

    La bicicletta è individualità, è movimento. Una vita in continuo movimento è l'unica che abbia senso.

    La tappa di oggi è stata impressionante, in ogni senso della parola. Questo è un pezzo di West che non è stato trasformato in attrazione turistica. Riempio d'acqua le bottiglie a Rexford e poi speriamo bene per quasi cento chilometri. 100 chilometri di natura intatta, 100 chilometri di 'habitat dell'orso grizzly' - come dicono i cartelli- e 100 chilometri d'incantevole desolazione dove, senza esseri umani in vista, gli angeli dall'alto guardano su di me e sorridono con me, sempre se credete negli angeli.

    C'è un vecchio furgoncino che corre per la strada del Montana. Al volante c'è un vecchio. Naturalmente è uno del Montana. Si capisce che è vecchio dalle rughe profonde che ha in faccia, dalle mani, dagli occhi. Conosce il Montana meglio di qualsiasi libro. Conosce la vita meglio di quanto il suo aspetto lasci ad intendere. Un grande amore che è stato incapace di ricambiare e diffidenze e giudizi intransigenti lo hanno reso insensibile e duro. Rivivrebbe gli stessi dubbi se avesse una seconda possibilità? Si prenderebbe qualche colpa o le butterebbe sugli altri se dovesse guardare la responsabilità dritto in faccia? Aspetterebbe di nuovo troppo per vivere davvero? Quando smetterebbe di fuggire? La strada è vuota, è l'unico essere umano in giro per miglia e miglia. Dove va adesso? Dov'è stato? I suoi angeli provano compassione per le sue scelte? Forse da giovane è andato all'estero, ha amato una donna, forse ha dei figli da qualche parte nel mondo che si sono dimenticati di lui. Lui e io veniamo da esistenze totalmente differenti e pure oggi nel silenzioso paesaggio del Montana le nostre strade s'incrociano.

    Questa corsa è stata la più bella sorpresa di tutto il viaggio. Non sapevo cosa aspettarmi e, anche se qualcuno me ne avesse parlato prima, le sue parole non sarebbero mai riuscite a rendere questa bellezza. Grazie angeli!

    Il mondo intorno a me non potrebbe essere più vuoto. La maggior parte della corsa si svolge sulla 37, strada scenografica che serpeggia per le valli e segue il contorno del magnifico lago Koocanusa. Avrei dovuto farmi una nuotata.
    Regola numero uno: quando l'acqua vi piace, fatevi un bel bagno.
    Ho visto non più di un pugno di automezzi per 80 km su questo tratto di strada che raccomando caldamente a chiunque voglia tirarsi fuori per un po' dal consorzio umano.
    Dopo aver fatto ieri il Passo Logan, una prova che mi ha dato infinita gioia ma mi ha anche imposto concentrazione totale, oggi ho avuto l'opportunità di godermi semplicemente la corsa e il paesaggio. Non è andata così liscia come la faccio sembrare perché...sorpresa! per tutta la lunghezza della strada me la sono dovuta vedere con un fiero vento a sfavore. Qualunque fosse la direzione che la strada prendeva, il vento continuava a soffiare sempre dalla stessa parte: in faccia.

    Avevo in programma di dormire fino a tardi ma la sveglia dentro la mia testa suona alle 7. Comunque non mi dispiace di lasciare il Downtown Inn che puzza vagamente di vecchio e di umido. Ieri sera c'era un enorme ragno che penzolava dalla sua ragnatela proprio sopra il mio letto: per fortuna l'ho visto prima di spegnere la luce e prontamente l'ho ammazzato. Era grande quanto l'unghia di un pollice. Per cui non ho la minima esitazione a lasciare questa poco memorabile locanda.
    Quando l'hotel prevede la colazione me la concedo e mangio in fretta un boccone - in genere cereali o pane o farina d'avena- altrimenti mi avvio e mi fermo al primo posto che incontro. La routine mattutina è sempre la stessa: mangio qualcosa, preparo lo zainetto, mi metto la crema solare, sono fuori. Solitamente mi ci vogliono 20 minuti.

  8. SEGUE:
    Appena fuori vengo accolto da un'aria fredda di montagna, niente a confronto con ieri mattina ma comunque un'arietta frizzante che pervade il cielo azzurro e incredibilmente netto.
    Faccio quasi 50 km sulla superstrada 93 che non ha banchine. Quando mi trovo su strade di questo genere mi preoccupo, ovviamente, soprattutto della corsa in sé perché i veicoli non hanno molto spazio per sorpassarmi in sicurezza. Tengo le orecchie tese e, quando sento che mi arrivano vicino, caccio fuori la mano. Malgrado la scarsa sicurezza, la H93 resta un'ambientazione fantastica per un giro in bici: attraversa la Kootenai Forest che è molto vasta e ha un sacco di possibilità di campeggio, pesca, escursioni, nuotate, cavalcate. A Eureka mi trovo vicino al confine canadese come mai in questo viaggio: 11 km. Prendo la 37 in direzione sud-ovest e ho ancora 108 km prima di arrivare a Libby. Fra Eureka e Libby non c'è nulla. Neanche un minimarket qualsiasi. Nessun segno di commercializzazione. Solo due aree per campeggio.
    La strada è straordinaria, offre il tipo di corsa che serve a me: panorama, desolazione, riflessioni, solitudine, tutti in quantità. Il meglio del meglio. Sto pedalando nell'estremo spicchio nordoccidentale del Montana: zero segnale cellulare, zero auto, zero città, solo io e la mia bicicletta. E orsi, presumibilmente. Questa è la terra degli orsi per cui, appena vedo il cartello 'attenzione agli orsi grizzly', viene fuori il fanciullino che è in me (che, a essere precisi, costituisce circa il 90% di me). Mi entusiasmo da matti e, mentre pedalo, l'unica cosa che ho in mente sono orsi grizzly che attraversano la strada proprio di fronte a me. L'incontro non ha luogo, naturalmente, però vedo cervi e aquile.
    La strada è anche emozionante quando curva intorno al lago sotto muraglie di roccia che si elevano verticalmente sul lato. Ci sono parecchi cartelli di caduta massi e, alla base della rupe, grossi pietroni a terra. Da vicino, la roccia mostra minacciosi sfregi. Le colline, più distanti, sembrano giganteschi porcospini verdi con i loro pini conficcati in verticale, fitti e anonimi. Più in là e tutt'intorno i monti danno un senso di natura che è difficile definire. Ogni tanto i porcospini mostrano segni di calvizie perché la sommità è spesso più rada e lascia intravedere il marrone del terreno. Passo su un sacco di torrenti che scendono rapidamente nel lago alimentandolo con tanta di quell'acqua che l'unica cosa che vorresti è una nuotata o una vela. Il vento sfiora l'acqua creando onde piccole ma vigorose che viaggiano verso di me, a sud. Guardo in alto i fianchi delle montagne che hanno grandi chiazze pelate di deforestazione da cui serpeggiano cautamente su e giù per i pendii le piste per i trattori che tagliano e trasportano i tronchi.

  9. SEGUE:
    Se non ho, come capita, uno stupido motivetto fissato in mente, penso a grandi cose, a piccole cose, la vita, la morte, la malattia, i miei amici, la mia vita, quanto è bello essere qui sulla mia bicicletta completamente solo e qualche volta non penso proprio assolutamente a niente. Sono stato sulla bici a lungo abbastanza per far sì che perfino i miei pensieri seguano uno schema determinato che dipende sempre dal tipo di strada, dall'ambiente intorno e soprattutto dal tempo. Un viaggio di questo tipo insegna come ascoltare e imparare dal mondo esterno e dai suoi elementi. E' una sorta di ri-nascita, come se s'imparasse un'altra volta a vivere ma entro nuovi punti di riferimento. Vento, sole, nuvole, densità delle nuvole, paesaggio, colore dell'erba, alberi. Ogni cosa che esiste ha senso, nulla di quel che vedo passa inosservato. E' questa la bellezza di un viaggio così. La meraviglia che è nascosta in ogni elemento, come in quelle scatole a sorpresa da cui saltano fuori oggetti. Mi sento fortunato ad essere qui e vivere tutto questo. Il mio semplice diario rende forse il 5% di quello che sperimento durante il viaggio. Vorrei avere il talento di trasmettere di più. Ma più non sarebbe mai abbastanza. Così tento di buttare giù qualche riga e spero che, mentre leggete, possiate chiudere gli occhi e vedere me che sono qui. Solo, sulla mia bici, in un posto così bello e silenzioso che, per apprezzarlo, bisogna dimenticare quel che si sa e ricominciare senza giudicare. Il mio equilibrio viene dalla natura e i miei bisogni possono soltanto essere soddisfatti da ciò che gli elementi offrono.

    Arrivo a Libby verso le 6 con le gambe pesanti ma con il cuore felice. E' stata una giornata lunga e una dura corsa nel vento violento e contrario ma la bellezza integra ed incontaminata del paesaggio ha dato senso al tutto. Ora crollo a letto.

  10. bello bello bello quello che scrivi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Take care a pacchi please