Saturday, August 25, 2012


Sandpoint, Id - Kettle Falls, Wa

103 miles - Total:  2919 miles

Almost 3000 miles. Washington DC is a long, long way from here. And today I put even more distance between the capital of the country and the homonymous state. I am into the last state of the journey before I cross into Canada. I am so close.

Today was a superb day for cycling. I finish my ride at 4pm and for a few minutes I was debating whether to press on to the next town, 47 miles farther West or call it a day. Given that there is a pass of 5500 ft in between I thought it would be safer to rest a few more hours and take on the hills tomorrow. The weather forecast predicts clear sunny skies. Nothing to worry about.

You may think that a day off comes as a blessing and yet the body and the mind are so disciplined by the regimental schedule of 10+ hour cycling that a break in this rigorous routine comes as a shock to the system. You know they say: practice makes perfect. I think it is more mental than anything else. I was itching to go this morning and as soon as I hit the pedals I could immediately tell that the day off has done wonders to my legs. I felt fresh and strong. I completed a 103-mile stage, with a 3000 ft altitude gain and a 4000ft pass and I did not feel heaviness in my legs at all, I could have continued.

I wake up early determined to cover a good distance. I leave the hotel at 8am and follow the bike trail out of Sandpoint and ride on Highway 2 which surprisingly has a nice clean shoulder. I bump into two women that are cycling to Priest River, the next town 20 miles west, so I have company for at least an hour. I feel in no hurry so I am happy to stay in their draft. It is chilly, the temperature hovers around 55F and does not improve much even with the sun getting stronger. I am excited as traffic is light on a Saturday morning, the scenery is not as dramatic as yesterday but it is still a very pleasing rural setting and most importantly, in about 30 miles I will be in Washington. The last state, my 13th.

I leave the hotel feeling slightly nervous as with only one state left it seems like I am leaving the last camp before the summit push. Much can happen of course and interestingly enough, these next few days will be the most unpredictable of the journey. No bike repair shops, no towns and some backroads that travel through forests and mountains with steep hills and hairpin bends. So, before I reach the alluring capital of British Columbia you may say I am riding into the wildness. Not quite of course but I am told in Sandpoint that the road I am planning to take is not much used. I look forward to that. I leave the traffic of Sandpoint and travel west and then Northwards on highway 2. The first village I hit is Priest River, which is a place with an enticing name that hides the reality of a small town slowly dying. Businesses are shut or shutting. A hotel with a grand French name is scaffolded and may be reopening or in the process of being stripped. Two adjoining shops have had their end walls taken out to make car-wash bays. The internet café has shut down and the gas station beside the railway is unstaffed. It vaguely reminds me of some ghost town I rode through in eastern Montana, not as bad but you get the idea.

Idaho ends and Washington begins after the wide and busy bridge that takes US2 and US20's combined traffic. I finally leave Highway 2 which goes South and I fly on the flatness of Highway 20, with the river off to my right, scraggly pine trees to the left, and the Kettle River mountain range looming as a challenge in the distance. The world is sunny and cool and peaceful, even along the highway, and it reminds me that even after four weeks of traveling there are few things in life that bring me more joy than a bike ride on a beautiful morning.

After 10 miles I take a short cut and I ride on the little known country road 2110 which turns out to be a great bit of road. Scenic and empty of cars, just what I wanted to fully take in the grandeur of the tress of the forest. 14 miles of uphill gradients and then 9 miles of exhilarating descent into a green spacious valley that seems bigger at every turn.

The climb isn't hard. It's slightly wearing, yes, but it's not demanding. The road snakes up pines-covered hills and reaches the top where no gas station, no store, no visible sign of civilization awaits. The summit brings the great news that almost all the rest is downhill. I'll pay for that, of course, because the more I drop the more I have to climb to Sherman pass tomorrow. But let tomorrow fret for itself. Today belongs to me. I summit the pass and I power down the mountain without stopping for 8 miles. The hands hurt a little but by now I know every single onset of pain in my body. I know how long I can tolerate it, how long I can stand that position before I need to twitch. The numbness, the tingling, the depth of my breath, you name it, every single reaction to what the grade of the road spits at me, I know so well. I know my body on this bike like I know an Indiana Jones movie. (Here's a sentence I never thought I'd write)

I breeze on quiet roads through tall conifers that give Washington its name of evergreen state. Green and blue are the colors of today's ride. So clear and deep that you want to grab it and bite it with your teeth. From the valley I wound my way through two small towns and ride on a lane with a wall of brown rock on one side and a view across the fields the other way to the busy highway I skirt. I stop for fruit and a granola bar in the welcoming town of Chewelah, it is the only real stop of the day. I am not too hungry in the morning as last night I stuffed myself like a man who has nothing to lose. I cannot even believe the amount of junk food I am forcing my system to process. What choice do I have? This is what small-town America has to offer.

Today's ride provides a good variation of roadkill: crows, deers, a goose, snakes, a porcupine and others that I do not know what they are. If animals are taken apart merciless by vehicles that mangle them at blistering speed, people do not look good either. I never actually spent a few words on people that I see, I do not want to come across as the European or the guy from the East Coast that comes here to look down on people. When I stop to tank up on water or food half of the vehicles that pull up are SUVs or pickups driven by huge guys with arms and chests as big as Popeyes. Often accompanied by big women wearing tank tops at least a size too small with cigarettes in their mouths and so much make up that you may think they have just walked off a set of a cheap movie. And more drugged-out-looking people than any place of this size should reasonably expect to have. On the message board out front I see advertisements for gun and automatic weapons shooting lessons, someone willing to teach someone else to shoot a gun. And then I see many clearly visible signs which remind us to live a moral life. Guns and morality: I suppose this kind of morality would be devoid of its essence without its guns to uphold it. Whenever you need a gun to prove a point morality has no place. As simplistic as this sounds it is what I think.

It's really cool to see cars with the Washington plate, it takes me a few seconds to realize that I am in the far northwester state which I have been waiting to get to for so long and not Washington DC, the place where I live. Before when I happened to see a Washington plate I caught myself thinking "WOW, I wish I was there". Now, when I see the plate I say "Wait a minute, I am right here"!

Past Colville traffic thins out and I reach Kettle Falls in no time. I find a spartan, no-frills motel where a hot shower and a bed tell me that life is very good. I lie on the bed and while I write today's journal I stare at the bicycle which rests neatly against the wooden wall. I can hear the gentle breeze outside and the passing vehicles that go way too fast. I will write for a while, I will fantasize about tomorrow's ride and then I will have a juicy steak.

Happiness can be simple. Can it?

The scenery just outside Sandpoint. The sky is clear and its blue so deep and dramatic that it makes you wanna cycle all day 

The two women that provided me with some company for about 20 miles this morning 

Logs being kept damp by huge water hoses 

 The Pend Oreille Lake shrinks and becomes a river bu the time I enter Washington

Here it is, the sign which heralds my entrance into the last State of the ride. Pretty cool moment it was 

Finally, after days and miles and weather and scenery and dust kicked up in my face and my mouth by passing trucks as I enter Washington I leave the loved and hated Highway 2! 

In Washington I ride on highway 20, not much shoulder but not much traffic either 

Flower bed by the side of H20 

I take country road 2110 off Highway 20, it is supposed to be a short cut. I gamble here because I do not know anything about the road, paved or not? The gamble pays off, the road is in good condition, it cuts right through the Colville Forest, and makes for another beautiful solitary ride. Thank you Google maps (Note the color of the sky)

The valley of country road 2110 before it climbs up into the hills 

Entering Colville National Forest 

Another little gem of this incredible country, Colville Forest, the view from the winding road 2110 

The climb gets pretty steep at times 

On top 

The pass on top of Road 2110 

Bikers speeding by. The first guy has a huge Indian artifact on his motorbike 

On the way down from the pass I bump into Ray, he started a week ago from the coast and is on his way to Veil, Colorado. Have a great ride and happy tailwind buddy! 

The very welcoming town of  Chewelah

I stop in the town park for a break and I see this Mexican guy selling fresh produce. I buy three peaches which I devour in a second. The best peaches I've had in the United States! 

Highway 395 going North where I will rejoin highway 20 in Colville.  20 miles of strong headwind again

Highway 395, nice wide shoulder but lots of campaign bills supporting Republican candidates..mmmh

The amusing and interesting clock in downtown Colville 

Along H 20 

Scenery from highway 20 

Sherman Pass is up there somewhere. See ya tomorrow baby

 My motel tonight

 No comment

My motel


  1. Hi Luigi! Congratulations on your impressive physical feat. I am looking through your blog and it looks like you have had quite a trip. I hope you enjoy the rest of Washington. Highway 20 is great except for the stretch between Tonasket and Omak. Big shoulder but lots of cars. The North Cascades Park is beautiful. Best of luck. Ray (

  2. Vorrei troppo farti il portaborse !!!! Bellissimo blog :O)

  3. Le contraddizioni contemporanee che stai riscontrando nel tuo lungo viaggio: Brutti Ceffi e Brava Gente, Armi e Morale... l'importante è la tua convinzione e la tua testimonianza. Bravo luigi, ci siamo, ancora un po' e ci siamo davvero!
    Leandro & c.

  4. Love, love the rabbit, all stretched out, doing its thing :-) And that special blue sky! The literacy sign is so loaded, so illustrative of the light and dark side of America that I wouldn't even know where to start... Anyway, it must have been thrilling to cross into Washington State after just a month on the road, bravo! You are accomplishing quite a physical feat, so please continue to take good care of yourself and your health as you push forward on this last stretch to Vancouver. You're almost there! Hugs, Melissa.

  5. Giorno n. 31: WASHINGTON
    Sandpoint, Idaho – Kettle Falls, Washington km 166
    Totale km 4.700

    Quasi cinquemila chilometri. Washington è lontana, proprio lontana di qua. E oggi ho messo ancora più distanza fra la capitale e lo stato omonimo. Mi sto addentrando nell'ultimo stato prima di passare in Canada e terminare la mia corsa di raccolta fondi a Vancouver, British Columbia.
    Oggi era una giornata superba per andare in bici. Alle quattro avevo finito e per qualche minuto sono stato incerto se continuare fino alla città successiva (76 km a ovest) o piantarla lì. Dato che in mezzo c'è un passo di 1.676 metri, mi è parso più ragionevole riposare qualche ora in più e affrontare domani la salita. Le previsioni del tempo danno cielo sereno e sole. Quindi niente di cui preoccuparsi...

    E' logico che un giorno di riposo arrivi come una benedizione del cielo; eppure la testa e il fisico sono così addestrati al rigoroso programma 'giornata = 10 ore sui pedali' che un'incrinatura in questo metodica routine destabilizza l'intero sistema. Credo che sia più che altro una cosa mentale. Stamattina già mordevo il freno ma, appena toccati i pedali, ho subito realizzato che il giorno libero ha fatto miracoli per le mie gambe. Ho portato a termine una tappa di 166 km, con un incremento di 914 metri e un valico di 1220 e non sento affatto pesantezza nelle gambe: posso andare avanti.

    Dunque, dopo il giorno di pausa mi sveglio presto, deciso a coprire una bella distanza. Lascio l'hotel alle otto, esco da Sandpoint per la pista ciclabile e prendo la superstrada 2 che, sorprendentemente, ha una bella banchina pulita. M'imbatto in due cicliste che stanno andando a Priest River, il prossimo paese, 32 km, così ho compagnia per un'ora almeno. Fa freddo, la temperatura è sui 13° e non migliora gran che neanche quando il sole si fa più forte. Sono eccitato perché c'è il tipico traffico scarso da sabato mattina e il paesaggio, anche se non spettacolare come ieri, è comunque un gradevolissimo ambiente rurale ma soprattutto perché in una cinquantina di chilometri sarò nel Washington. Il mio ultimo stato, il tredicesimo.
    Esco dall'albergo un po' nervoso perché, con un solo stato rimasto, mi sento come se stessi lasciando l'ultimo campo prima dell'attacco alla vetta. Naturalmente possono succedere molte cose e, paradossalmente, questi prossimi tre o quattro giorni saranno i più imprevedibili di tutti. Niente meccanici ciclisti né grossi centri e alcune strade secondarie che passano per boschi e monti con ripide pendenze e tornanti. Quindi, prima di arrivare all'affascinante capitale della British Columbia, si può dire che viaggio per terre selvagge. Non proprio, beninteso, ma mi hanno detto a Sandpoint che la strada che ho previsto di prendere non è molto battuta. Non sto nella pelle.

    Priest River ha un nome seducente che maschera la realtà di una città che sta lentamente morendo. Le attività sono chiuse o in via di chiusura. Un hotel con un grandioso nome francese è cinto da impalcature: forse riaprirà, forse verrà demolito. A due negozi adiacenti sono state tolte le pareti di fondo per farli diventare vani di un autolavaggio. L'Internet cafè ha chiuso e la stazione di servizio di fianco alla ferrovia è deserta. Vagamente mi ricorda qualcuna delle città fantasma che ho visto nell'est del Montana, è ovvio che non è la stessa cosa ma avete afferrato il concetto.

    L'Idaho finisce e lo stato di Washington inizia dopo il ponte, largo e trafficato, su cui convergono le statali 2 e 20. Finalmente lascio la 2 che va a sud e volo sulla piattezza della 20 col fiume alla mia destra, pini incolti a sinistra e la catena montuosa Kettle River che si staglia provocatoria in lontananza. Il mondo è radioso di sole e fresco e placido, anche lungo la superstrada, e mi fa venire in mente che, persino dopo quattro settimane sui pedali, ci sono poche cose nella vita che mi diano gioia più di un giro in bici in una bella mattina.

  6. SEGUE:
    Dopo 16 km prendo una scorciatoia e mi trovo sulla poco conosciuta secondaria 2110 che si rivela una gran bella strada. Scenografica e deserta, proprio quel che volevo per assorbire in pieno la maestosità degli alberi. 22 km di gradienti in salita e poi 14 di inebriante discesa dentro una spaziosa valle verdeggiante che sembra più grande ad ogni curva.

    L'arrampicata non è dura. E', sì, un po' stancante ma non così impegnativa. La strada sale a zig-zag fra colline ricoperte di pini fino in cima, dove non ti attende un distributore, un qualsiasi negozietto, un visibile segno di civiltà. Almeno, però, raggiungere la vetta vuol dire che quasi tutto il resto è discesa. Naturalmente questo avrà un prezzo perché più scendo più sarà lunga domani la salita allo Sherman Pass. Ma lasciamo che sia il domani a preoccuparsi di se stesso, come dice il Vangelo. Soltanto l'oggi mi appartiene.
    Superato il passo, per 13 km volo giù dalla montagna senza fermarmi. Mi fanno un po' male le mani ma ormai riconosco ogni singolo dolore fisico appena si manifesta. So per quanto tempo posso sopportarlo, per quanto posso mantenere una posizione prima di essere costretto a cambiarla. L'intorpidimento, il formicolio, la profondità del mio respiro, quel che vi pare, ciascuna reazione che la pendenza della strada m'impone, le conosco tutte. Conosco i miei muscoli su questa bici come conosco un film di Indiana Jones. Oggi vado spensierato per strade tranquille in mezzo alle alte conifere che danno al Washington il suo nome di 'stato sempreverde'. Il verde e l'azzurro sono i colori della corsa di oggi. Così limpido e profondo è l'azzurro del cielo che verrebbe voglia di afferrarlo e morderlo. Dopo la valle passo per due paesini su una strada stretta e tutta curve che ha una muraglia di roccia bruna da un lato e, dall'altro, guarda i campi fino alla superstrada piena di traffico che ho evitato. Mi fermo per comperare frutta e una barretta di cereali nell'accogliente cittadina di Chewelah: oggi questa è l'unica vera e propria sosta. Non ho tanta fame stamattina perché ieri sera mi sono abbuffato come un disperato. Pare incredibile persino a me stesso la quantità di schifezze che costringo il mio organismo a elaborare. Del resto non ho scelta, questo è quello che offre l'America di provincia.

    La corsa di oggi offre gran varietà di animali vittime della strada: corvi, una capra, cervi, serpenti, un'istrice e altri che mi sono sconosciuti. Se le bestie sono impietosamente fatte a pezzi dai veicoli che le maciullano a tutta velocità, c'è da dire che neanche le persone hanno un bell'aspetto. Non voglio dare l'impressione dell'europeo o del fighetto della East Coast che viene qui a guardare tutti dall'alto in basso. Quando mi fermo a far rifornimento di acqua o viveri, metà degli automezzi che trovo sono SUV o pick-up con omaccioni pesantemente tatuati sulle braccia e sul petto. Spesso in compagnia di donnone con canottiere almeno una taglia più piccola del necessario, la sigaretta fra le labbra e così vistosamente truccate che uno le crederebbe appena venute fuori da un set cinematografico. E una quantità di gente apparentemente sotto l'effetto di sostanze superiore a quanto sarebbe ragionevole aspettarsi da posti di queste dimensioni. Sulla bacheca degli annunci che c'è fuori vedo pubblicità per lezioni di tiro con pistole e armi automatiche: qualcuno che vuole insegnare a qualcun altro a sparare. E poi vedo molti cartelli bene in vista che ci rammentano di vivere una vita di saldi principi morali. Pistole e etica, suppongo che questo tipo di etica perderebbe la sua essenza senza le pistole a sostenerla. Quando occorre un'arma per dimostrare una tesi non c'è posto per l'etica. Questo è quel che penso io.

  7. SEGUE:
    E' fantastico vedere auto con la targa Washington: ci metto qualche secondo per capire che sono nello stato più a nordovest di tutti, dove ho desiderato così tanto di essere. Prima, quando mi capitava di vedere una targa con su scritto Washington mi ritrovavo a pensare ' caspita, vorrei essere lì'. Ora la vedo e mi dico 'ehi, aspetta un attimo, sono proprio lì' ma ancora mi sembra una cosa nuova e inusitata.

    Passata Colville il traffico diminuisce e arrivo in un baleno a Kettle Falls. Trovo un motel spartano e senza fronzoli dove una doccia bella calda e un letto mi dicono che la vita é proprio bella. Sono sul letto e, mentre scrivo il diario di oggi, guardo verso la bici che se ne sta tranquilla appoggiata contro la parete di legno. Sento la brezzolina di fuori e le auto che passano andando lontano lontano. Scriverò per un po', farò qualche fantasia sulla tappa di domani e mi concederò una bistecca.

    La felicità può essere semplice.