Sunday, August 19, 2012


Havre, Mt - Cut Bank, Mt

129 miles - Total: 2455 miles

After another intense day in the dry heat of Montana. I am right where I wanted to be. I am within 40 miles of the Rocky Mountains. I can see the jagged silhouette of the solemn peaks. I can almost smell them. Tomorrow I will start the climb.

I take my time in the morning and at 9am I leave the surprisingly clean motel. The stretch of highway 2 I ride on today is by far the best bit of the highway. The traffic is light and there are fewer trucks in this part of the state. The biggest threat to my safety is posed by huge RVs that shoot by me in a blaze. The first 30 miles are almost perfect with no traffic at all so I can enjoy the beautiful scenery around me, the open land that seems to never end; the golden fields; the gentle wind; the road unfolding before my front wheel like a sea of gold. The pattern is that after 11am the traffic gets lively. A few cars and many SUVs pass me come, a few almost wipe me out coming within two feet of my left hand. One vehicle must have passed within one foot as I felt the air suck me in and then pull me out as the car sped ahead. There was no reason to do that, the opposite lane was empty. These idiotic drivers want to make a point, like they want you to know that they own the road or something like that. Ninety percent of the vehicles are kind enough to pass me with ample safety space taking a wide trajectory by driving in the opposite lane. When they do that I always put my hand up to thank them.

I stop for a bite in Chester where I have fruit and ice-cream to power me on for the rest of the day. I ride all day on highway 2; which is the only paved road that cuts Northen Montan across. After Shelby the traffic thins out even more and I totally immerse myself in the amazing landscape. I ride through several tiny towns with just a handful of houses; I see cows and horses, I see the railroad and the frequent trains that whistle at me when I wave my hand and we start a brief race that I always lose. The farther west I ride the hillier and rugged the landscape gets and towards the end of the day I stare ahead and I see the mountains for the very first time. The view takes my breath away for a second, I stop pedaling like I see an angel coming down from the sky. I can make out the faint line through the late afternoon haze: these are the Rocky Mountains. I start smiling, I start imagining what it will be like to ride there in the next few days, I think about the Glacier Park and I think about all the miles that I have cycled to be right at the foothills of the mountains. I try no to think about this too much as I need to focus on the job at hand: getting to my final destination for the day and finding a room. By mid afternoon I have to deal with a 10 mph crosswind, which is a joke compared to the headwinds of the previous days but given the tiny shoulder and the traffic of the highway getting to Cut Bank still requires some concentration on my part. I ride purposely through the Montana emptiness and I end my day after 9 hours on the bike in the welcoming little town of Cut Bank. I check in at the Super 8 which is located at the west end of town. I am extremely pleased with my progress and I am happy because my body feels fine. I take a quick walk after dinner and at an elevation of 3800 feet the air gets chilly rather quickly. It prickles my skin and the smell of mountain air fills my lungs.

I have to be honest, entering Chicago was fantastic; crossing the Mississippi was emotional; but I think that seeing the Rocky Mountains takes the cake. In terms of milestones it is by far the most rewarding of the trip. It means a lot to me not just for the distance traveled but for the significance that the mountain range has for a bike ride of this kind. I am here and nobody can deny me the pleasure of cycling solo in the mountains. This is the best medicine for me. I am feeling stronger already. It is going to be a drug with a lasting effect and when the body needs another round of medication all I have to do is dig up in my memories and remember what cycling in the Rockies was like.

The past is still very much exposed here in Montana. Not under a glass cabinet in a museum or in books but right there in front of my eyes. The land is an open scar that displays its wounds with no shame. Today I only saw the tip of the iceberg. I cycled through one town along highway 2 which was totally abandoned. There was an eerie atmosphere: the silent decaying buildings, the rusting roofs that shake in the wind; the boardwalks squeak, the wind-swept buildings bent to one side, the dusty dirt roads are filled with tumbleweeds which fly from one side to the other, a desolated world. If I didn't know the history I would think I were on a movie set. People have come and gone; gold has been taken. The earth has been scoured, gold, silver, copper, zinc. I wonder what life must have been like in those days when road agents and outlaw gangs would roam free looking for troubles and riches. These are towns that are almost frozen in time, if they could talk, they would reveal tragic things I assume. The past has not been substituted with the present here, let alone the future. The past has been eclipsed by...nothing. There is no new story. There is only a vestige of what the new could have been like; just an idea, just a possibility, only a cry of hope drown out by the wind and spurted out of the wounds of the hungry and the greedy and the hopeful and the bastards that came and went. I imagine how the arrival of the railroad must have changed everything. It brought people, it brought land plotting, properties, ownership, fences. Cattlemen must have been pretty pissed off when fences were put up and their cattle could not graze freely any longer. Today I saw horses resting in the open field and I did not see a ranch or a house for miles. It is great to see them free. Will the ghost town be a ghost town forever?

I am going to sleep.


Just west of Havre you can see the buffalo jump. It is just behind the slope. Here buffaloes were forced to jump to their death 

Bear Paws Mountains along highway 2 

A side road from highway 2 

Early morning, highway 2 is all mine 

A ranch in the distance 


Always with me, the freight train 

One of the very few well kept barns I have seen in Montana 

A church in Gildford, pop: 179 

From H2 

Once upon a time.. 

 Downtown Chester, pop: 800

This is my front view when I look down at my handlebar, the bag with the map neatly tucked in the straps 


One of the many, many houses left behind 

And a grain elevator that is no more 

View from H2 

Montana landscape 

Horses in the middle of the grassland 

A bar/restaurant that has seen better days 


Something tells me I am getting closer and closer to the mountains 

Shelby, Mt downtown 

Shelby, Main st 

Montana sky 

Breathtaking sweeping views from H2 

 Is it really?

Downtown Cut Bank, Mt

Railway bridge, Cut Bank 

Can you see the mountains? Glacier National Park is tucked away in those mountains. I will be riding my bicycle right there tomorrow, I can't wait


  1. Anche io quando devo fare qualcosa di sgradevole penso alle cose belle nelle mie ossa. Sono certa che le montagne ti aiuteranno. Buona scalata! M

  2. Ma poi nella desolazione di alcuni di questi posti i suv fanno pure i fessi? Incredibile..... M

  3. I love the last photo that shows the mountains in the mist. It's very exciting that you'll be riding there tomorrow...I hope you'll share some pics! Stay strong, Luigi, you're doing so well!

  4. Luigi my friend....I pray that all your ills will be defeated. This journey has shown us all your moral strength and determination and the power of the mind to fight anything. You are almost there. Stay strong and eat well. We are all rooting for you. Enjoy today's ride. Nada

  5. Caro Luigi,
    Sembra di sentire le colonne sonore di Sergio Leone quando descrivi la Città Fantasma...All'attacco delle mitiche Montagne Rocciose !
    Alè Luigi.
    Ciao. Leandro, Attilia, Giulia e Flavia.

  6. :-)))) goditi ogni singolo secondo, ogni singolo metro della scalata! Daiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!! Siamo tutti con te!!!!!MR

  7. Thanks so much for so eloquently sharing your journey. And thank you for all you are doing to inspire and to raise money for cancer research!

  8. Caro Luigi, che emozione la vista della montagna...ed è vero che una visione positiva stimola potenti endorfine che ti possono davvero aiutare all' ho un posto speciale che tengo in mente, quando le cose si mettono male...mare, sole e odore di iodio...è in cassettino del mio cervello e quando lo apro so che quell'angolo del paradiso è tutto mio :) Vai, Luigi e portaci sulle montagne con te, Carla

    Havre – Cut Bank, Montana 208 km

    Totale km 3.953

    Dopo un’altra intensa giornata nel caldo asciutto del Montana e contro un vento laterale di 16 km/h, sono proprio lì dove volevo essere. Sono a una sessantina di chilometri dalle Montagne Rocciose. Posso vedere il profilo dentellato delle grandiose cime. Posso quasi fiutarle. Domani comincerò la scalata.

    Al mattino faccio con comodo e lascio alle nove il sorprendentemente pulito motel. Il tratto di statale 2 che devo fare oggi è di gran lunga il pezzo migliore dell’autostrada. Il traffico è moderato e in questa parte dello stato ci sono meno camion. La maggiore minaccia alla mia sicurezza è rappresentata da enormi camper che mi sfrecciano di fianco.
    I primi cinquanta chilometri sono pressoché perfetti, senza un’ombra di traffico così posso godermi il magnifico scenario che mi circonda, la terra aperta che sembra non avere fine, i campi dorati, la brezza, la strada che si srotola davanti alla mia ruota come un tappeto fantastico sul mare.
    Il fatto è che dopo le undici il traffico si fa vivace, con camper e SUV che mi sfiorano, ce n’è qualcuno che a momenti mi spazza via passando a neanche un metro dalla mia mano sinistra. Uno deve avermi sorpassato a non più di trenta centimetri perché mi sono sentito prima risucchiato dall’aria e poi, quando si è allontanato accelerando, spinto verso l’esterno. Non c’era motivo di fare così, la corsia opposta era vuota. Imbecilli del genere ci tengono a sottolineare qualcosa, come se volessero dimostrare che la strada è loro o qualcosa del genere. Il novanta per cento dei veicoli ha la cortesia di sorpassarmi con un ampio margine di sicurezza allargandosi nell’altra corsia. Quando fanno così, io alzo sempre una mano per ringraziarli.
    Mi fermo per un boccone a Chester dove mangio frutta e gelato che mi daranno energia fino a sera. Per tutto il giorno percorro la 2, l’unica strada asfaltata che traversa la parte settentrionale del Montana. Dopo Shelby il traffico si dirada ancora e io m’immergo completamente nel meraviglioso paesaggio. Attraverso numerosi paesini che hanno solo una manciata di case; vedo mucche e cavalli, vedo la ferrovia e i frequenti treni che mi fischiano quando saluto con la mano e accenniamo una gara che io perdo sempre, a quanto pare.
    Il paesaggio comincia a farsi collinoso e accidentato e verso la fine della giornata guardo avanti e le vedo davvero per la prima volta. La vista mi toglie per un attimo il respiro, smetto di pedalare come se scorgessi un angelo che scende dal cielo, ho gli occhi sul profilo appena visibile nella foschia del tardo pomeriggio: sono le Montagne Rocciose. Comincio a sorridere, comincio a immaginare come sarà, entro pochissimi giorni, correre in mezzo a loro, penso al Glacier Park e penso a tutte le miglia che ho pedalato per arrivare qui, a queste montagne. Cerco di non pensare troppo a questo perché ho bisogno di concentrarmi su quel che devo fare nell’immediato, finire la tappa di oggi e trovare una stanza.
    La giornata termina dopo nove ore sulla bici nell’accogliente cittadina di Cut Bank. Mi fermo al Super8, all’estremità ovest del paese; dopo cena faccio quattro passi, a 1200 metri di altitudine l’aria fa abbastanza presto a raffreddarsi. Ho qualche brivido mentre l’odore dell’aria di montagna mi riempie i polmoni.

  10. Your enthusiasm and joy are contagious! I'm smiling picturing you singing on top of your lungs riding through the Rocky Mountains... Hope you are having a wonderful day out there today. Enjoy every second of this glorious ride, every breath of revigorating mountain air... indeed what better medecine than to live your life fully and love every second of it? Thank you for the beautiful pictures and the video, thank you for sharing a piece of the magic... Stay strong!!! Un abbraccio, Melissa

  11. Ecco le montagne! Buona fortuna Luigi!


  12. Vai super crazyguyonabike! Ci si dovrebbe fare una canzone su questa avventura. O un libro da leggere quando si ha voglia di sognare. E' bellissimo seguirti. Altro che i diari di Rumiz! Ti immagino mentre scali le montagne rocciose e mi piacerebbe stare li' e vedere questi posti cosi' diversi da quello a cui siamo abituati. Magari in motorino.... non credo di potercela fare in bici ;-) Hai qualche foto della citta' fantasma? Un abbraccio e avanti tutta! Ci sono migliaia di persone che spingono con te. Un abbraccio, Andrea

  13. Non vedo l'ora di leggere la giornata di oggi... M

  14. By the time you read this, you will have begun your climb into the Rocky Mountains. Thank you for sharing this amazing journey! Stay strong!! Laurie

  15. Grande Luigi!!! Un ciclista cesenate che lavora alla WB.

  16. SEGUE:
    Devo essere sincero, entrare a Chicago è stato fantastico, attraversare il Mississippi emozionante ma il massimo penso che sia la vista delle Montagne Rocciose. In termini di pietre miliari del viaggio è assolutamente la più gratificante.
    Per me vuol dire molto non solo sotto il profilo della distanza coperta ma per il valore del concetto di montagna per una corsa in bicicletta di questo tipo. No mountain high enough... com’era quella canzone? Io sono un re nelle montagne, domani posso urlarlo forte. Nessuno può togliermi il piacere di pedalare fra le montagne per conto mio. Questa è la migliore medicina per me. Già mi sento più forte. E' una cura a lungo effetto e, quando il corpo avrà bisogno di un altro giro di farmaci, tutto quel che dovrò fare sarà scavare nella memoria e riportare fuori questo ricordo. Ci sono cose così irripetibili che restano impresse, stanno con noi per sempre. Ci toccano nel profondo e ci entrano dentro. Può essere una corsa in bicicletta per le Montagne Rocciose, può essere qualsiasi altra cosa. Ci vuole immaginazione e tutti i mali possono essere sconfitti. O quasi.

    Il passato è ancora molto in vista qui in Montana. Non nella bacheca di un museo o nei libri. La terra è una cicatrice che non si è chiusa e mostra senza imbarazzo la ferita. Io oggi ho visto solo la punta dell'iceberg.
    Con una macchina si può andare a vedere parecchie città fantasma; in bicicletta le opzioni sono limitate. Lungo la strada ne ho attraversata una completamente abbandonata dalla civiltà. Di sicuro c'è un'atmosfera inquietante fra i muti edifici in rovina. I tetti arrugginiti sbattono a ogni raffica; i marciapiedi di legno scricchiolano, le costruzioni schiaffeggiate dal vento pendono da un lato, le strade sporche e polverose sono piene di cespugli arrotolati sbatacchiati da un lato all'altro. Se non conoscessi la storia penserei di essere su un set cinematografico.
    Altro che set qua, altro che prove. Questo è reale, questa è storia. La gente è venuta e se n'è andata; l'oro è stato preso. La terra è stata frugata tutta: oro, argento, rame, zinco. Chi sa com'era la vita in quei giorni quando banditi di strada e masnade di fuorilegge andavano liberi in giro in cerca di guai e di ricchezze. Queste sono città che si sono come pietrificate nel tempo; se potessero parlare, credo che rivelerebbero cose tragiche. Qui il passato non è stato sostituito dal nuovo. C'è solo una traccia di come sarebbe potuto essere il nuovo; niente più che un'idea, un sogno, solo una speranza schizzata fuori dalle ferite dell'affamato e dell'avido e dell'ottimista e dei bastardi che vennero e se ne andarono. Immagino come l'arrivo della ferrovia debba aver cambiato ogni cosa. Il treno ha portato persone, ha portato lottizzazione della terra, possesso, proprietà, recinti. I mandriani si devono essere incavolati un bel po' quando sono state tirate su staccionate e il loro bestiame non poteva più pascolare liberamente.
    Oggi ho visto dei cavalli al campo e per miglia e miglia intorno non c'era un ranch o una casa. E' stato grande vederli liberi. Dovrebbero aver paura gli animali? Il passato sarà cambiato dal futuro? La città fantasma sarà tale per sempre?