Thursday, August 2, 2012


Gary In, - Chicago, Il

45 miles - Total: 818 miles

Today is August 2nd and I want to dedicate day 8, which marked my arrival in Chicago, to the 85 victims of the terrorist bombing at Bologna train station 32 years ago. The families of the victims and injured are still awaiting justice. We must continue to work to push the government to give us answers. In solidarity with countless others brothers and sisters from Argentina (and elsewhere in the world) that seek truth and justice here's what I wish to say: Never Again. Nunca Mas. Mai Piu.

With these thoughts on my mind I start my day with a mixture of sadness and excitement. Today I am supposed to be arriving in Chicago, the largest and most iconic city of my cross-country ride. It gets pretty difficult right away as entering Chicago from the South on a bicycle is an absolute nightmare. If you are ever tempted to ride into Chicago from the South... well just don't! The city's road network is not designed to allow either pedestrians or light vehicles to enter without incurring into an accident or an adventure of some sort. The roads are in dreadful conditions and full of pot holes. In a vein attempt to find an alternative to highways or heavily used roads, I pass through an industrial area that seems never ending. This is the infamous Brownsville, an area that has now been abandoned but was once used for industrial purposes. Brownsvilles are quite typical of many US cities. Redevelopment plans are underway to clean and restore the areas. Also, here there are works in progress but much more needs to be done still. Actually the whole South Side looks like a huge working site, unstaffed and unwelcoming. I turn West then back North then West again and then the road is closed for work so I double back West and God knows how but I finally end up on MLK Boulevard which runs 8 miles from Calumet City to the Loop. For the first few miles the surface is ridiculously uneven and I fear that my tires will be damaged. I must avoid deep holes and cracks so I keep my wits about me, hands tight on the handlebar and I don't take my eyes off the road. It goes on and on through heavily populated urban areas, mostly poor neighborhoods with rusting, half burnt-out, derelict houses. I occasionally stop to take a picture but it is not a good idea so I keep going in a hurry past Washington Park until I look up and with a glance I see the downtown skyline. The sight of the familiar skyline is a burst of energy running through my body. It reminds me of how far I've come in a week. I am filled with emotion and I push all the way to Grant Park where I ask a young man to take a picture of me to celebrate the moment. I made it to Chicago. I stroll through the well-know city sights, the Museum of Contemporary Art, the "Bean", the Hancock Tower, the Drake, etc and I easily find a hotel. Lots of washing to do tonight and lots of resting. Tomorrow I will be meeting doctors at the University of Illinois, more on that tomorrow.

South Chicago is a bit of a legendary place which bred several incredible jazz players. As often is the case in this surprising country, seedy and decadent areas give rise to talented and revolutionary geniuses that go on to create a style of their own in their chosen fields. Trail blazers, moody and haunted, born out of crime and destitution but when they put their minds to's pure poetry. Riding through the stone houses of South Chicago with this romantic notion in my head I fantizise about the old days when the mob would run amok back in the 30s and the entertainment world, which, besides gambling, alcohol and prostitution, boasted an incredibly lively black music scene. And so I thought of the speakeasies and their smoke-filled rooms where the sound of steely clarinets and saxophones accompanied by undertones of sinewy basses would merge into one searing beat. This is the Chicago that I like to imagine, which existed back then and has disappeared forever. A few years earlier in New Orleans a collective sound was born through the street bands of young musicians it was called jazz; Chicago pushed the boundaries, allowed the musicians to explore their mind and gave them freedom of expression and a new dimension as a one-man act. The music would then develop through the years into a sound so addictive and unique that would tear into the heart of the audience like the most haunting heartbreak would tear apart a lover. It was the sound of a more elaborated and mature jazz which later became blues, raising from the dusty of South Chicago, improvising its way into the world as a cry of anger and tenderness, of freedom and solidarity. And improvisation, just like my bicycle journey I like to think, just like anything else in life. When the chips are down, when you got nothing to lose, when you're against the rope...improvise, create.

As New Orleans, the cradle of jazz, began its inevitable demise, Chicago's music scene took over and flourished. The sound then developed further and influenced New York and Paris. But it is right here on the shores of Lake Michigan, where in the past 150 years millions of immigrants have arrived, tried their luck and moved on and where many ethnic minorities still reside, that the city called Chicago became essential to the element of surprise and improvisation in both jazz and later on blues. Cycling throught this area was cool enough; imagining and fantasizing about the ever-evolving past was even better. I enter the loop and I think that this is where Jack and Elwood were fleeing from the police in their blues mobile. I am not fleeing anymore. I am here now. In two days I turn my wheel north, destination: Milwaukee.

Gary, In. The cops are at work 

Near Calumet City 

Under the EL in South Chicago 

South Chicago 

South Chicago 

The downtown skyline appears through the noon haze 

Downtown Chicago 

Here I am, in Grant Park, all the way from DC on my two wheels


  1. Ti avevo raggiunto ma ti sei alzato sui pedali e mi hai staccato di nuovo!
    Sei un fuoriclasse, non c'è storia.
    Ti abbraccio

  2. Certo che di giorno in giorno stupisci non solo x le tue incredibili tappe, ma anche per le tue letture sofisticate delle zone che visiti. E oggi anche con un fine gusto x la cultura jazz.... Abrazos!

  3. Congratulations, Luigi! I can sense the excitement, commitment, and passion in your words and I am so happy for you. My FB friends and I are enjoying your blog post very much and we are with you, every mile of this journey. God bless and keep you always!

  4. Bravo Luigi. I knew I will be writing this note to congratulate you on your arrival to Chicago. Stay focus all the way to the west coast! We ALL, your colleagues and friends, are behind you.

  5. Gia' a Chicago!?? Sei una bestia!!! :)
    Grande Luigi. Adesso riposati x un giorno!


  6. August 2, 2012 is World Cancer Day. I thought that would be a good time to post your blog on my Facebook page. It seems that we are all connected by this disease though family members, friends, colleagues, acquaintances. Your words and your journey will be an inspiration to them. Today I posted the Fox 5 News DC interview of you which is a work of art. The Lardner / Canonaco crew is following you and is very proud of you! Enjoy the journey! PS: love the photo of you in Grant Park, looks like you own the town - completely deserted!

  7. Caro Luigi, ormai sei di diritto uno dei grandi artisti di Chicago: La fantasia dell'improvvisazione è arte, non c'è dubbio. Vai Luigi, Alè, Alè !

  8. Luigi, HO appena finito di leggere i vostri posti per gli ultimi 2 giorni e sono molto orgoglioso di lei. Lei merita molto necessaria pausa. Che cosa avete compiuto finora è straordinario. Il tuo spirito e la determinazione sono sorprendenti e tenere le gambe.

  9. Giorno 8: CHICAGO!

    Gary, Indiana – Chicago, ILlinois 72 km
    Totale km 1.316

    Oggi è il 2 Agosto e voglio dedicare il giorno n. 8, che ha segnato il mio arrivo a Chicago, alle 85 persone uccise dall’attentato terrorista di 32 anni fa alla stazione di Bologna.
    Le famiglie delle vittime e i feriti stanno ancora aspettando giustizia. Dobbiamo continuare a lottare per spingere il governo a darci risposte.
    In segno di solidarietà anche con gli innumerevoli compagni e compagne in Argentina (e dovunque nel mondo) che cercano verità e giustizia ecco che cosa voglio dire: Never Again, Nunca Mas, Mai Più.

    Con questi pensieri in mente ho cominciato la giornata in un misto di amarezza e eccitazione. Oggi dovrei arrivare a Chicago, la città più grande e più iconica della mia traversata. Immediatamente si è dimostrata una difficile impresa perché entrare a Chicago dal sud su una bicicletta è un vero incubo. La rete stradale urbana non è concepita per evitare a pedoni o a veicoli leggeri un incidente o qualche tipo di disavventura. Le strade sono in pessime condizioni e piene di buche. Per trovare un’alternativa alle statali e alle più trafficate passo per una zona industriale che sembra non finire mai. E’ la famigerata Brownsville, un’area ora abbandonata ma una volta usata per l’industrializzazione. Ce ne sono tante, di Brownsville, nelle città americane e sono stati avviati piani di risanamento per ripulire e risanarle. Anche qui ci sono lavori in corso ma ancora c’è veramente molto da fare. Di fatto l’intero South Side sembra uno smisurato, inospitale cantiere senza operai. Giro a ovest, poi torno verso nord, poi di nuovo a ovest e poi la strada è chiusa per lavori e allora ritorno indietro e, solo Dio sa come, finisco su Martin Luther King Boulevard che collega in 13 km Calumet City al Loop.
    Per i primi chilometri il fondo stradale è dissestato in modo incredibile e temo che mi danneggi le gomme. Devo evitare le buche e le crepe più profonde quindi sto all’erta, mani serrate al manubrio e occhi fissi sulla strada. Vado avanti e ancora avanti attraverso zone densamente popolate, perlopiù sobborghi miseri con case degradate, semidistrutte, fatiscenti. Occasionalmente mi fermo per una foto ma non è una buona idea per cui continuo veloce superando Washington Park finché alzo la testa e intravvedo la skyline del centro. La vista del familiare profilo è un’esplosione di energia che mi attraversa il corpo: mi fa realizzare quanta strada ho fatto in una settimana. Sono colmo di emozioni e pedalo forte fino al Grant Park dove chiedo a un giovane di farmi una foto per celebrare il momento.
    Sono riuscito ad arrivare a Chicago! Faccio un giro fra i luoghi turistici più famosi, il Museum of Contemporary Art, il ‘Bean’, la Hancock Tower, il Drake e trovo facilmente un hotel.
    Stasera ho in programma un bel po’ di bucato e anche di riposo. Domani incontrerò dei professori dell’Università dell’Illinois, poi vi dirò.

  10. contenta di saperti già a Chicago, nonostante la strada accidentata e l'inizio del percorso davvero difficile, ma, si sa, per ottenere risultati, bisogna un po' patire...ogni sportivo conosce il "no pain, no gain!"...seguo la tua Avventura con assiduità e cerco di farla conoscere ad altri che come me, comprendono appieno il significato del tuo sacrificio e del tuo progetto...stai portando avanti qualcosa di ambizioso, ma la tua carica è una grande lezione di vita...grazie, davvero:) Carla

  11. SEGUE:

    South Chicago è un posto alquanto leggendario che ha prodotto parecchi straordinari jazzisti. Come capita spesso in questo sorprendente paese, zone malfamate e squallide danno origine a geni dotati e innovativi che entrano in scena creando uno stile personale nei rispettivi campi. Precursori incostanti e tormentati, figli naturali della criminalità e della miseria ma quando si dedicano davvero a qualcosa...è pura poesia.
    Girando tra le case in pietra di South Chicago con questo romantico concetto in testa immaginavo i vecchi tempi degli anni '30 quando il crimine organizzato era fuori controllo e il mondo della vita notturna, oltre a gioco d'azzardo, alcol e prostituzione, vantava una scena di black music incredibilmente vitale.
    E dunque pensavo ai bar clandestini e alle loro sale fumose dove il suono dei clarinetti metallici e dei sassofoni accompagnati dai toni gravi dei robusti contrabbassi si amalgamava in un unico ritmo incandescente. Questa è la Chicago che mi piace immaginare, che esisteva allora ed è scomparsa per sempre. A New Orleans era nato un suono collettivo grazie ai gruppi di giovani musicisti di strada; Chicago forzò i limiti, lasciò al musicista libertà d'espressione e gli diede una nuova dimensione, quella del solista. Negli anni questa musica si sarebbe sviluppata in un suono che era così unico e appassionante da penetrare profondamente nel cuore del pubblico come il più ammaliante dei dolori. Fu la musica di un jazz più elaborato e maturo che più tardi divenne il blues moderno, sorgendo dalla polvere di South Chicago, improvvisandosi un posto nel mondo. Improvvisazione, proprio come il mio viaggio in bici, proprio come qualsiasi altra cosa nella vita. Alla resa dei conti, quando non hai niente da perdere, quando sei alle corde...improvvisa, crea!

    Mentre New Orleans, la culla del jazz, cominciava il suo rapido declino, la scena musicale di Chicago s'imponeva e fioriva. E così il sound si sviluppò ulteriormente ed ebbe influsso su New York e Parigi. Ma proprio qui, sulle rive del lago Michigan - dove negli ultimi centocinquant'anni gli emigranti sono arrivati a milioni per cercare fortuna e voltar pagina e dove ancora si trovano molte minoranze etniche - proprio qui, dicevo, la città chiamata Chicago fu determinante per l'elemento di sorpresa e improvvisazione sia del jazz che, più tardi, del blues.
    Vorrei poter gironzolare fra i luoghi di riferimento di questa storia. Pedalare qui è stato assolutamente stupendo; ancor più lo è stato pensare e fantasticare su un passato che costantemente si evolve.
    Entro nel Loop e mi ricordo che era qui che Jake e Elwood erano in fuga dalla polizia con la loro blues mobile. Io non sono più in fuga. Ora sono arrivato.
    Entro due giorni metto la barra a nord destinazione Milwaukee. Sto rincorrendo un sogno sulle mie improvvisate ali del desiderio.