Thursday, August 16, 2012

DAY 22: MONTANA

Beach, Nd - Wolf Point, Mt

151 miles - Total: 2111 miles

My fingers shake as they try to hit the keyboard to fill the page and make some order in the events of a very difficult day. Too much excitement, too much drama for one day. You may even think that I am making this up to add pathos to what is already a very challenging journey. This is what happened today.

I wake up at 6.30am and I shoot out of this miserable motel with the temperature of 44F outside. I tear across the parking lot to the gas station where I gulp down a hot chocolate, two bananas and one full box of fig biscuits. Enough fuel to get me going. I re-enter Interstate 94.

I ride fast in the vain attempt to warm up and break a sweat but the cold air penetrates my skin with ease. I feel like my nose, my hands and toes would just disintegrate into a thousand shards if something solid hit them. I fight the cold as well as I can with my hands tucked in behind the bag on the handlebar and the toes in my shoes in constant movement. I cycle well for about one hour. I have about 35 miles left on Interstate 94, to Glendive. I take a road parallel to the highway for about 10 miles then I swing back on 94 for 10 more miles until my back wheel skids to the right. I have a flat tire. Lovely. I am a few miles from the town so I don't go all crazy about changing the tube in the shoulder of the highway, I pump some air hoping that it would hold until town, only 6 miles away now. No sooner do I get back on the bike and the front wheel is totally deflated, flat tire number two, almost simultaneously. I can't believe this. What do I do? I alternate a fast walk and a jog dragging the bike. I do get warmed up this time, at least I achieve that. After about one hour I make it to Glendive and I feel spent. There are no bike repair shops in town but I manage to locate a guy who knows how to fix tires. I am no good at changing flats, I am no good at bike maintenance. Steve labors fast and patches the two tires because the truth is I could fix a flat but I couldn't fix two. I don't have the repair kit with me so I am dependent on the kindness of strangers. He is incredibly kind, fixes my flat, offers me vitamin water all free of charge. Really nice guy. At about 11.30 am with only 30 miles in the bag I am off again.

I leave Glendive with the sun shining and full of eagerness to get far but no sooner than I leave town that fate turns against me once more. When I am about 10 miles out of town there goes another tire, flat number three. The back tire is shedding air. I make the decision to trek all the way back to Glendive. I need to change the tube altogether. Steve is there to help again. 3 flat tires in 3 hours. Never happened before. On my 2010 trek, I had one flat tire the whole way. It's 1.45pm by now and I cannot describe my frustration. This is not my day, maybe not my ride? I clocked 150 miles in one day in Pennsylvania and I have ridden only 55 miles in two days. What shall I do? Maybe I should consider stopping for a while, count my chips and be grateful for the 2000 miles. No way. I resort to all my inner strength to stay positive and I get back on the bike because I want to reach the next town. Circle is 47 miles west and I fly down the road with a mix of rage, frustration and determination. I don't care for the tire now, I pretend that they are made of concrete. Surrounded by a barren prairie that I hardly throw a look at the whole way, I get to Circle at 5pm after an interrupted ride. The only motel in town looks horrible and I want to make up for a wasted day. If it hadn't been for the tires I would be in Wolf Point now. That's where I should be. And that's where I am going to be tonight.

I am still upset about all these mishaps, the storm, the cold, the flat tires. Wolf Point has three hotels and it is located 54 miles north west of Circle. At 5.10pm with only 3 hours of day light and a whole stretch of road without services is a long shot. But I don't think about it twice and I shoot the bike down highway 13 like my life depended on it. I have challenged the wind. For almost the whole way, the railroad is my most faithful travel companion as it runs close to the road, shoots across the Plains and crosses several Indian Reservations. It was built with a big purpose, big ideas of connecting worlds. Forget about all that, now it's about getting there quick and safe. I need to go fast before darkness has me stranded in the middle of a Montana prairie. The road in front of me isn't flat. It goes up, then down, then up again. It rises steadily. Greenish-yellow grass grows on both sides of the road as far as the eye can see and beyond. There is absolutely nothing in the fields, once in a while a little creek surrounded by short trees cuts the field and produces a large furrow where a barn or a little ranch is built. I focus on the road which has three-inch-wide cracks that snake across the surface and every time I ride over them the bicycle shakes and the handlebar bag rattles. It is all too familiar by now. I know it all, my body knows it all. I shift the weight of my body, I stand on the pedals, I move my hips, I turn my legs, I release pressure from my arms, all strategies to deal with what the road presents. The body absorbs the shocks, the mind controls the response.

From Circle to Wolf Point I work hard like I have not done on this journey. I climb the short but continuous hills, I fix the chain which falls off three times, I glance at my sides to check out the beautiful desolate scenery of Montana, a hilly arid prairie. Abandoned farms are like ghosts out there in the fields, motionless ghosts that scrutinize the road and all that it brings. I am here today, Montana. I am swinging by you with attitude and grit because I won't let a few mechanical complications put a dent in my mission. My belief is strong, my will is not enslaved by the fear of the impending sunset. I know that my legs can get me there because my heart leads the way, I can reach the destination. I press on fast and confident on the shoulderless road. I ride close to the white line and when I hear a vehicle approaching I stick my hand out to make sure that the driver sees me. The land is as beautiful as I'd imagined, the emptiness and the size of the space is overwhelming. Cattle is scattered around the hills and as I fly by, cows turn their heads and stare at me blankly. I throw a glance for a split second to my left and then to my right and then back to the front as my eyes are glued to the road. I am riding like a man on a mission. I stop a few times to sip water and devour a chocolate bar and after a race with myself, at 8.15pm, with the last streaks of daylight fading rapidly, with my legs so heavy that I can hardly walk and my hands trembling, at an average of 17.2 mph I enter Wolf Point after 13 hours on the road and 150 miles on the bike. I check in at the first hotel I hit, I take the longest hot shower ever, I write this crazy travelogue and now, at 10pm I am going to eat something.

My bike is letting me down. This gives me some apprehension. I don't know what is going to happen to the bike tomorrow but today I won my challenge.


After 4 miles on the road I enter Montana all fired up


This is Eastern Montana for you





Riding on the shoulder of I94 is not so bad at this time of the morning




I94, have you ever seen an Interstate so empty of traffic?




Montana



The road which runs close to I94, I rode for 10 miles and not a single vehicle




In a few minutes 3 flat tires will wipe that smug look off my face!



Bulls




The empty road



Steve's house in Glendive, my bike is resting on the grass



All of these pictures are from the afternoon ride




































A house and this workshop next to it in the middle of nowhere. I am about 25 miles from Wolf Point and I am running out of water so I go in to ask for some. The workshop is open and all the tools are out but no one is there. The house was empty too. Eerie place.






Crossing Missouri river


16 comments:

  1. Ciao Luigi. 3 forature nel giro di pochissimi Km: un record che farebbe la gioia dei meccanici-ciclisti....se ce ne fossero stati !:-) Provvidenziale l'intervento di Steve !!! Di persone così ne hai già incontrate alcune lungo il tuo percorso: danno speranza e fiducia, credo.
    Complimenti per la tua grandissima determinazione: Hai concluso la tappa e siamo tutti, sempre di più, con te.
    Leandro

    ReplyDelete
  2. What an amazing day, Luigi...your fighting spirit inspires me! Keep going strong!

    ReplyDelete
  3. ciao luigi, ho iniziato da qualche giorno a leggere il tuo blog, sei davvero ...ffforte!! hanno detto i miei bambini a cui ho raccontato la tua storia. Grande impresa oggi, anzi ieri, contro la sfortuna, ma forse senza quella alcune imprese non sarebbero così emozionanti e memorabili... come dici tu, l'importante è non mollare!! ciao a presto, laura

    ReplyDelete
  4. Sei più forte proprio di tutto Luigi!!! Non mollare, mai! Siamo tutti con te! Un abraccio, MR

    ReplyDelete
  5. Bravissimo Luigi! Ce l'hai fatta, sei davvero in gamba.
    Your tenacity and determination are just incredible. I had a knot in my throat reading your latest post wondering how you would make it to Wolf Point... Keep going strong, we are all with you cheering, rooting, and praying. A big hug, Melissa.

    ReplyDelete
  6. Luigi, stay strong. Just keep looking forward. When you're weary just look back and see how much you've already accomplished. You've crossed 2000 miles and that's no small feat..! Delays are meant for a reason too, though we just don't see it - yet.

    Keep rding on.....With cheers & prayers, your friend from DC.

    ReplyDelete
  7. Caro Luigi, neanche tre copertoni sgonfi possono nulla contro la tua determinazione :) il target è troppo importante e tu troppo deciso...che impresa e che coraggio! Dopo il brutto, viene il sereno: per noi è davvero importante crederci :) Go, Luigi, go! Carla

    ReplyDelete
  8. Giorno n. 22: MONTANA
    Beach, North Dakota – Wolf Point, Montana 243 km
    Totale km 3.399

    Le dita mi tremano mentre provano a battere sui tasti per fare un po' d'ordine negli eventi di una giornata molto difficile e emozionante. Troppa tensione, troppa agitazione per un giorno solo. Potreste addirittura pensare che mi sto inventando tutto per aggiungere pathos a un viaggio che è già di per sé molto duro e drammatico. Ma oggi è così che è andata.

    Mi sveglio alle sei e mezza e alle sette schizzo via dal motel con una temperatura esterna di scarsi 7°. Prima di riprendere l'autostrada federale 94 trangugio una cioccolata bollente, due banane e una scatola intera di biscotti ai fichi al bar di un distributore.
    Vado veloce per riscaldarmi e cominciare a sudare ma l'aria fredda mi penetra facilmente nella pelle. Sento come se naso, mani e dita dei piedi potessero disintegrarsi in mille pezzi se qualcosa di solido li colpisse. Mi difendo dal freddo come posso, infilando le mani dietro la borsa che è agganciata al manubrio e muovendo in continuazione le dita dei piedi.
    Procedo bene per un'oretta. Per Glendale mi mancano circa 56 km sulla 94. Prendo una complanare per una ventina di chilometri poi svolto di nuovo sulla 94 e ne faccio circa altrettanti quand'ecco che la ruota posteriore comincia a sbandare verso destra. Ho una gomma a terra. Non sono molto lontano dal paese, quindi non divento matto a cambiarla sul ciglio di un'autostrada, la gonfio un po' sperando che tenga per questi 10 km.
    Non faccio in tempo a ritornare in sella che la ruota anteriore si sgonfia del tutto, gomma a terra numero due, quasi simultaneamente. Non ci posso credere. Mi avvio con la bici a mano alternando camminata veloce e corsa moderata. Stavolta sì che mi riscaldo.
    Arrivo sfinito a Glendive dopo non meno di un'ora. Non ci sono meccanici per biciclette ma riesco a trovare un ragazzo che sa riparare le gomme. Steve lavora sodo e veloce e me le rappezza tutt'e due. E' gentile in un modo incredibile, mi offre una bibita con vitamine oltre al suo determinante aiuto per le gomme senza volere un centesimo. Davvero una bella persona.
    Riparto verso le undici e mezza con in tasca neanche cinquanta chilometri. Faccio una quindicina di chilometri ed ecco la foratura numero tre: la gomma di dietro sta perdendo. Decido di farmela di nuovo a piedi fino a Glendive, devo proprio cambiare la camera d'aria. Steve è ancora lì pronto ad aiutarmi. Tre gomme a terra in tre ore, mai successo prima. In tutto il giro che ho fatto nel 2010 ho forato una sola volta.
    Sono arrivate le due meno un quarto e non ho parole per descrivere la mia frustrazione. E anche, forse, i miei dubbi. Questa non è la mia giornata, può essere che questa non sia la mia corsa? In Pennsylvania sono arrivato a fare 242 chilometri in un giorno e ora, in due giorni, neanche 89. Che fare? Magari dovrei prendere in considerazione l'idea di fermarmi per un po', contare i miei punti e incassare contento il tetto delle 2.000 miglia.
    Neanche per sogno. Faccio ricorso a tutte le mie forze e risalgo in bici perché voglio arrivare al prossimo paese. Circle è 76 km a ovest e volo per tutta la strada in un misto di rabbia, frustrazione e determinazione. Ci arrivo alle cinque. L'unico motel ha un aspetto orribile e io voglio recuperare la giornata sprecata. Se non fosse stato per le gomme adesso sarei a Wall Point. Dunque è lì che devo andare.

    Sono ancora nervoso per tutti questi contrattempi, la tempesta, il freddo, le gomme a terra e cos'altro? Wolf Point ha tre alberghi e dista 87 km da Circle in direzione nord-ovest. Alle cinque e dieci di pomeriggio, con davanti solo tre ore di luce e tutta la strada mancante di servizi è un bel rischio. Ma non ci penso due volte e lancio la bicicletta giù per la statale 13 come se ne andasse della mia vita. Ho sfidato il vento, sto sfidando la bici e – accidenti!- posso sfidare me stesso.
    (SEGUE)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Che super-Traduttrice;-)

      Delete
  9. Grande Luigi!! Non ti ferma proprio nulla e quanta emozione leggendo il tuo post di oggi... Straordinari questi incontri con persone sconosciute che gratuitamente e con il cuore ti danno una mano a continuare nel tuo viaggio.
    In loro forse c'è un pezzettino di tutti coloro (familiari, colleghi, vecchi e nuovi amici) che ti seguono e ti vogliono bene! Go Luigi Go!!

    ReplyDelete
  10. Just little inconvenients to make it tastier;-) YOU R STRONGER THEN ANYTHING: never forget you can make much more!!!

    ReplyDelete
  11. Se penso che le bibite con le vitamine me le prendo per restare al computer e non faccio due passi fuori per il caldo... ti ammiro ancora di più

    ReplyDelete
  12. Sorry. Posted this on Wednesday's blog and meant today's:

    Hang tough, buddy! I did three weeks on a bike in June and was done by this point, physically and mentally. And the toughest part was the open plains like where you are! I can just feel that wind pushing against me as you write.

    That was an amazing effort you put in today. Hang tough. I believe you're almost through the hardest part. Paul Critser

    ReplyDelete
  13. SEGUE:
    La ferrovia è il mio più fido compagno di viaggio perché corre di fianco alla strada, sfrecciando attraverso le Plains e incrociando numerose riserve indiane. E' stata costruita con grandi finalità e grandi idee. Come le mie.
    Bisogna che mi affretti prima che il buio mi sorprenda nel bel mezzo di qualche prateria del Montana. La strada davanti a me non è piana: va su poi giù poi su di nuovo. Ma sale costantemente. A perdita d'occhio un'erba gialla che dà sul verde cresce ai suoi margini. Non c'è assolutamente niente, ogni tanto un torrentello fiancheggiato da bassi alberi taglia la campagna e crea un largo solco dove si trova un fienile o un piccolo ranch. Mi concentro sulla strada che ha fenditure larghe 7-8 centimetri serpeggianti attraverso l'asfalto; ogni volta che ne passo una la bicicletta sobbalza e la borsa sul manubrio sbatacchia. Situazione, questa, ormai anche troppo familiare. La conosco bene, il mio fisico la conosce bene. Sposto il mio peso da un lato all'altro, mi alzo sui pedali, allento la pressione delle braccia, tutte strategie per affrontare ciò che la strada presenta. Il corpo assorbisce i colpi, la mente controlla la reazione. Sempre.

    Da Circle a Wolf Point fatico come mai finora in questo viaggio.
    Mi arrampico su alture basse ma continue, sistemo la catena che scende per tre volte, getto rapide occhiate a sinistra e a destra per farmi un'idea del magnifico, desolato paesaggio del Montana, un'arida prateria collinosa. Cascine abbandonate sono come fantasmi là fuori nei campi, fantasmi immoti che scrutano la strada con tutto quello che porta. Sono qui oggi, Montana: sto passando veloce, deciso e determinato perché non lascerò che qualche complicazione meccanica incida sull'obiettivo che mi sono dato. La mia fiducia è profonda, la mia volontà non sarà subordinata al timore del buio. Riuscirò ad arrivare a destinazione, so che le gambe possono portarmi lì perché è il cuore che conduce.
    Vado avanti rapido e sicuro sulla strada priva di banchina. Pedalo attaccato alla linea bianca a bordo strada e, quando sento avvicinarsi un veicolo, metto fuori la mano per asssicurarmi che l'autista mi veda. La terra è stupenda proprio come l'avevo immaginata, sono sopraffatto dall'enormità di questi spazi vuoti. C'è del bestiame sparso intorno alle alture e, al mio passaggio, le mucche girano la testa e mi guardano stolidamente. Restituisco lo sguardo per una frazione di secondo perché ho gli occhi incollati alla strada. Sto correndo come avessi una missione da compiere. Mi fermo qualche volta per un sorso d'acqua e per un morso a una barretta di cioccolata e alla fine di una gara con me stesso, alle otto e un quarto, a una media di 27.7 km/h, arrivo a Wolf Point con le gambe irrigidite e le mani tremanti, dopo tredici ore sulla strada e con 241 km nelle gambe.
    Prendo una camera, mi faccio la doccia bollente più lunga della storia, scrivo queste righe e ora, alle dieci di sera, vado a mangiare qualcosa.

    La bici mi sta dando dei problemi e questo un po' m'inquieta. Non so che cosa le succederà domani ma io oggi ho vinto la mia sfida.

    ReplyDelete
  14. vai, luis, sono proud di te. Ma take care x favore... Piug

    ReplyDelete
  15. Forza Luigi, ci stai rendendo orgogliosi di essere tuoi colleghi. I look forward to meeting you when you get back to DC.
    Un abbraccio,

    Gaetano (WB Haiti CO)

    ReplyDelete