Monday, August 27, 2012


Kettle Falls, Wa - Okanogan, Wa

115 miles - Total: 3034 miles

If I had thought that Vancouver was just around the corner and I was going to stroll into it like a war hero then I'd better think again. I am a big time fool, that's what I am.

Today has been the toughest day of the trip and it is mainly my fault. I could have made it shorter but my stubborn brain, my hubris and the fear of sitting around somewhere sulking about how tough this day had been motivated me to go all the way to Okanogan. I wanted to quit. I want to quit. I am worn out now. I am spent. I do not want to get back on that bike ever again. Well, at least for another 12 hours.

My attempt at humor does conceal a deeply-ingrained feeling of frustration and exhaustion, mental and physical. Today anything you can think of, except rain, winning the lottery or running into Marion Cotillard, happened. Two difficult climbs, a gruelling ascent of 24 miles, a flat tire which I fixed by the side of the road, cold and hot weather, mountains, desert, traffic and for the whole 115 miles the relentless, unforgiving, devastating, motherf%$ing piece of shit that is the wind. Oh don't worry. During the  ride I managed to conujure up classier cuss words for the wind than this.

It was unbelievable. It was beyond frustrating. It was a joke. South, West, North, whichever direction the road went the wind was invariably a headwind. I could not take it anymore, I lost my cool, I yelled, I cursed at the wind, I cursed at everything, even at the day I started this stupid bike ride. Just when I thought it was all going to be downhill (not just literally) things are getting a bit complicated. Of course I could slow down. I could do 40-mile stages and in a month I would be in Vancouver as fresh as a rose. But where's the challenge in that?

I am looking at the map. There are about 300 miles between me and Stanley Park, the place where I want to end my fund raising bike ride. There are some mountains in between. The Cascades mountain range, besides being dubbed the Swiss Alps of Washington state, offers several climbs and no services for 106 miles. If I start the climb I'd better get all the way to the other side unless I want to sleep in the open. Which wouldn't be the worst thing. The worst thing is that I have no more tubes and the weather forecast for Tuesday sees thunderstorms. I can't think of anything else at the moment but I am sure there's going to be more. Smile needed here?

I am out of the motel at 7:45am. The cheapest motel of the journey and the fastest Internet connection, go figure. With the cool air and temperature of 60F I climb on the bike and I feel tired, weak and dizzy. For the first time since I left DC energy has deserted me. My strength has drained from my body. It brings me back to three months ago, but three months ago made sense, now I should be relatively fine. What's going on? Not much I can do about it here, I am in the middle of the mountains so I try to shake it off, I try no to think about it and I start the 24-mile climb to the top of Sherman Pass. I am not gonna chew this up. I am gonna wing it, I don't care. Health comes first. take your time. Every turn is a tiny victory, I try to refrain from looking at the odometer every other yard but I can't. I stop several times to sip water, eat some chocolate, take pictures and to focus on the scenery, which is of course not bad. Luckily, I begin to feel slightly better, the longer I get into the ride I stronger I feel. My apprehension goes away and I begin to forget about the initial dizziness. I would never feel 100% today but I manage to ride the bicycle, which is good enough.

I cross Columbia river and I quickly leave the broad sweep of the river valley behind and I say hello to the gentle rushing and subtle rise of Sherman Creek. The climb throws me a few steep sections, but they're the exception and not the rule. I thought it'b be harder. Wait. I talked too soon. About half way the grade picks up and I know it won't stop until the top of the pass, 12 miles later. I try to look at anything but the speedometer or the road in front of me. The sight of a long climb can sap my enthusiam, especially when my confidence is at its lowest. I watch the trees at the sides of the road, only trees so tall that block the view to the valley. The road winds, snakes up large hills and presents steep grades. It becomes apparent that this is the toughest and longest climb of the whole trip. Unlike the mountain pass rides of Montana, there aren't any snow-capped peaks or deep river valleys to distract me from the work. I ride with evergreen trees on both sides, evergreens in the front, and evergreens behind. Along the way I hum a song but I can't remember the words past the second verse so I keep singing the first verse, my thoughts wander off into the long highway of my life and I am amazed at the things that pop up in my mind in moments like this. I spend hours lost in thoughts and have vivid fantasies about eating spoonfuls of nutella out of a jar. The mood at the top of the pass is half excitement and accomplishment, half dread over what's to come. I don't enjoy descents and with a strong wind I am bound to being slapped around and kicked from side to side. Also, I am slightly irritated by the very loud snarling of Harley-Davidson motorbikes ridden only a little faster than I am riding, protracting the misery. Or ridden so hard that they come up like jet engines and set my ears ringing. What is it that's so good about riding like that, hearing nothing above your own racket and knowing you're ruining the peace for everyone else? These guys don't even look at the scenery, they just shoot to the next bar where jugs of beer will be happily thrown into their accommodating bellys.

Republic sits at the bottom of the Sherman pass and it is probably the only pleasant town created by the gold hunters which remains today. Gold was found here at the end of the 19th century and luck has it that it was on Indian land, much of it, but who cared about that right? The government couldn't be bothered to bring in the army to discourage trespassing and plundering and, when the Indians waved their agreements, Congress just changed the agreement. The best land passed to the prospectors and of course the Indians did not see a cent of what was made with the gold and the mining. I ride through the Main st extremely annoyed. Things are going well today. I am tired and hungry but no food I can think of satisfies my hunger. I immediately continue West without stopping for water or snacks. Like a machine I push on with my eyes glued to the road, it is one of those very frequent moments when my body is detached from my brain. I start climbing again and there is another Pass that awaits but this one is not as fierce and long as the Sherman. It still takes me almost two hours to top the Wauconda Pass at 4210 ft. By this time I am tired and thirsty. Both water bottles empty, I still have 25 miles before I reach the next town. Stupid. What was I thinking? Why didn't I check the water bottles before leaving Republic?

The big ride down from Wauconda sends me down 1,000 feet at least. I risk a lot as I ride fast and cannto be bothered to slow down, check for approaching vehicles and take the usual downhill precautions. I just get the hell down the flank of the mountain unable to think properly. I get to the bottom and the world around me changes dramatically. The landscape turns dry, with many shades of yellows and browns, broken up only by the narrow strip of land that runs along both sides of the Okanogan River, where orchards with orderly rows of trees gently creep up the hillsides next to abandoned farms and a few small homes that are empty and are falling apart under the unforgiving sun. The scenery is alienating. It used to be a town but it is just empty hillside now. Not just a town but a boom town with a thriving mining community but it has been abandoned and has dwindled to less than a ghost town because only a few houses are left intact. All you can see are the tracks on the ground or rusting gates to an open field. The poverty and sad state of the land seem out of place compared to everything that came earlier in the day.

This is the high desert of Tonasket, a land so barren and dry that I did not think it could exist in Washington State. No wonder there is no life here. The scenery reminds me of Arizona or New Mexico. I ride the slowest and toughest 25 milse when my mouth goes numb because there is no saliva. I am spitting air and I would do anything to sip ice-cold water now. I would break the law for it. I ride through the headwind with my head bowed and my teeth clenched so tight I might have chipped them. Every pedal stroke is a curse, every yard is a damnation. I don;t even have the strength to yell or to curse. I am scared of stopping because I would stop for good and I can't. I need to keep going. I fight a gusty headwind all the way while I ride on H20 which drops into a deep rocky gorge and then plunges into the town valley.

After what it feels forever I arrive in Tonasket with a blank stare on my face and my legs so heavy that I can't walk properly, I just drag my body along the pavement like a zombie. Tonasket is probably the poorest town I have seen. Dusty buildings, basic houses, trailer parks and abandoned structures. Then I am reminded that it is located in the Indian reservation and it makes perfect sense. The place, with a dry temperature of 96F, resembles another ghost town weren't for the families of the descendants of pioneers that work hard at preserving their heritage. I should have called it a day right here with 80 miles already in the legs, lots of climbing and a questionable level of fitness. I almost fall to my knees as I dismount off the bike in the gas station but liquid and food come to my rescue. I drink 1 lt of water and 1 lt of gatorade in less than 3 minutes and gulp down a flavorless ice-cream. I cannot eat anything else. I feel too sick. I press on into a headwind that drives me nuts. The next 30 miles go just as slow as the previous 30. I crawl from mile to mile stopping every second or so it seems to curse at the wind and beg it to please have mercy. Needless to say the wind turns a deaf ear and I have no choice but to go ahead hoping to reach a hotel-serviced town as soon as possible. A two-lane road that follows the Okanogan river in slightly narrow valley which is exposed to the wind. I ride by several fruit fields and old-looking houses. The day seems neverending but finally at 6pm I reach Omak which seems like a perfect town to spend the night. I look at the map and if I got this far I might as well ride another 6 miles to Okanogan. The town is empty and depressing. I reach the west side of town where an even more depressing hotel run by an Indian family (from India) will be my shack for the night. I shower for what it seems like an hour trying to wash the grime off my legs. I am too tired to stretch and all I can find for dinner is a trite cheeseburger and fries at the local Bingo and Casino, a place so dark and depressing that creeps me out. I ingest the food without even looking at. The crowd of the place...oh forget it, I can't even find the energy to describe them. I gingerly walk back to my room realizing that my mouth agape with crustry lips and broken skin, my vision is blurred and my toes numb. I sit on the bed and I write about the day's events with a sardonic smile on my face.

Tough day. Vancouver seems as far away as it did when I was in DC. The dinner was crap, I am still thirsty and I am sore in places I can't describe.

It is one of those days, it is a day in the life. I take it, I take all of them.

If I got this far I can go a little farther.

I will pass out in a moment.

Crossing Roosevelt lake

The climb up Sherman Pass begins 

The creek that parallels the road 

The climb gets steep 

A rare widening of the road with a pretty valley

And back to the steep climb 

The view is obstructed by the trees 

After more than 3 hours I get to the top

The view from the top looking West

The dreaded descent 

3000 miles 

The pretty town of Republic 

After two more hours of toiling up hills on top of the Wauconda Pass, I had enough 

Surreal scenery down in the valley, they have all long gone 

 The evergreen state? This looks more like New Mexico or Arizona

 Hot and dry

The town of Tonasket sits in a cool valley among the dry plateaus 

Even this tiny town has seen better days 

Looks like a set to a horror movie  

 Washington sky

Highway 20 to Omak

"On the road" kind of scenery 

The town of Okanogan, as empty as you would expect it


  1. coraggio Luigi! non possiamo condividere la tua fatica, ma cerchiamo di sostenerti con i nostri pensieri e il nostro affetto: ci sei quasi!!!

  2. caro luigi ieri sera parlavamo tutti di te, io, le principesse, carmine - che non sai chi sia, ma frequenta casa nostra - beniamino e oggi anche wayne sudafricano. Ti ammiriamo tutti e ti vogliamo un gran bene!

  3. Forza Luigi, siamo tutti con te! Ed è quasi finita!
    Un abbraccio
    Nadia, Erik, Lucia

  4. Immenso Luigi! Sei veramente una forza della natura :-)
    Un abbraccio

  5. Continuiamo a seguirti ogni giorno, con profonda ammirazione e vicinanza!Ale

  6. coraggio, la tua strada è una strada di speranza per tutti noi

  7. Ciao Luigi, ho scoperto da poco il tuo viaggio e mi ha affascinato subito. Non so dirti se io sia più colpito dal viaggio geografico (amo gli States, ci sono stato già diverse volte) o quello tuo personale, forse il secondo è più arricchente e non solo per te.
    Questa tua esperienza è bellissimae molto incoraggiante, ma immagino sia anche molto difficile.
    Quello che ti posso dire, da lontano, è che ti sono vicino e che ti auguro di finire il tuo viaggio nel modo migliore.

    Andrea C.

  8. Forza Luigi... e' verissimo, sono tantissimi che ti seguono e sostengono senza averti mai conosciuto e moltissimi senza commentare, ma con identico cuore puro e sincera ammirazione. Forza forza forza. Tutte le molle le hai dentro e sai come sollecitarle, ma sulla spinta da casa puoi sempre contarci. Forza e daje! Roberto

  9. Pedala tranquillo, nient'altro succederà, arriverai dove vuoi e comunque tu hai già vinto la tua sfida. Piug

  10. Forza Luigi, we're all with you, staying close, you're almost there. As you say this was just a day in the life of... Days like that clearly suck, challenging us to fight even harder for what we want when we're beyond exhaustion (although I don't pretend to know what your body is going through). It's like the obstacles are trying to be bigger than your dream and right there you know that's not possible... Take heart, hopefully you're having a better day today with some help from your wonderful angels. With your kind of determination, there's no doubt you'll get to Vancouver, but remember that you have nothing to prove, you're already everyone's hero... Please take care of yourself, a big hug, Melissa.

  11. Giorno n. 32: A DAY IN THE LIFE
    Kettle Falls – Okanogan, Washington km 185
    Totale km 4.885

    Se avessi pensato di trovare Vancouver subito dietro l'angolo e di raggiungerla tranquillamente e senza difficoltà come un eroe di guerra sarei proprio un autentico stupido.

    Oggi è stata la giornata più difficile dall'inizio del viaggio ed è tutta colpa mia. Avrei potuto finire prima ma la mia cocciutaggine, la mia supponenza e il timore di stare seduto con le mani in mano a contemplare la durezza della giornata mi hanno spinto ad arrivare fino a Okanogan. Volevo smettere. Voglio smettere. Ora sono esausto. Stremato. Non voglio tornare mai più su quella bici. (Naturalmente domattina su questg'ultimo punto avrò cambiato idea).

    E' capitato tutto quello che vi può venire in mente tranne la pioggia, una vincita alla lotteria o un casuale incontro con Marion Cotillard. Due ardue scalate, una sfibrante ascesa di 39 chilometri, una foratura che ho riparato sul ciglio della strada, tempo freddo e poi caldissimo, montagne, deserto, traffico e per tutti i 185 chilometri un accanito, implacabile, sferzante vento a sfavore figlio di %£$%. Da non crederci. Molto più che frustrante. Una barzelletta. Sud, ovest, nord, da qualunque parte la strada andasse il vento era invariabilmente contrario. Non ce l'ho fatta più a sopportarlo, ho perso la calma, ho urlato, maledetto il vento, ho maledetto ogni cosa, pure il giorno che ho cominciato questa stupido giro in bicicletta. Non credo a quello che dico, è solo un momento di frustrazione ma, proprio quando pensavo che tutto cominciasse ad andare in discesa (non solo letteralmente), le cose stanno diventando un po' complicate. Naturalmente potrei fare tappe di 60 km e in un mese sarei a Vancouver fresco come una rosa. Ma allora dove sarebbe la sfida?

    Sto guardando la cartina. Ci sono quasi cinquecento chilometri fra me e Stanley Park, il luogo dove voglio terminare questa corsa. In mezzo c'è un po' di montagne. Le Cascades, a parte che sono soprannominate le Alpi svizzere dello stato di Washington, sono una catena che presenta parecchie scalate, nessun hotel né servizi per tutta la strada, 171 chilometri. Se comincerò a salire sarà meglio farmi tutta la strada fino al versante opposto a meno che non voglia dormire all'addiaccio. Il che non sarebbe il peggio. Il peggio è che non ho più camere d'aria e che i bollettini meteo per martedì prevedono temporali. Al momento non riesco a pensare ad altro ma sono certo che ci sarà dell'altro. Devo essere contento ora?

    Alle 7.45 esco dal motel. Il più economico del viaggio e quello con con la più veloce connessione wi-fi, vai a capire. Con un'arietta fresca e 16° di temperatura salgo in sella sentendomi stanco, debole e stordito. Per la prima volta dal 26 luglio le forze mi hanno abbandonato. Le energie mi sono state prosciugate. Questo mi riporta indietro di tre mesi ma tre mesi fa me lo potevo spiegare mentre ora dovrei stare relativamente bene. Che sta succedendo?
    Non è che qui possa farci molto, sono in mezzo ai monti quindi tento di liberarmi da questo malessere non pensandoci ed inizio l'arrampicata di 39 km allo Sherman Pass. Stavolta non me la divoro, stavolta improvviso, tanto piacere. Prima la salute. Mi fermo parecchie volte per un sorso d'acqua, un morso di cioccolata, qualche foto e per cercare di concentrarmi sul panorama, che naturalmente non è male. Per fortuna comincio a sentirmi un po' meglio, via via che avanzo mi sento più forte così mi avvio a dimenticare le vertigini del mattino.
    Naturalmente oggi non potrei sentirmi bene al 100% ma riesco a guidare la bici, che è già un buon risultato.
    Voglio arrivarci. Ci arriverò. Piuttosto che non arrivarci ci arrivo sputando sangue. Se vuoi qualcosa puoi ottenerla o no; e se non la ottieni l'unica cosa che ti resta sono le ragioni per cui non l'hai avuta. A me non piacciono molto le ragioni.

    1. Ciao Luigi,
      Sì, oggi deve essere stata proprio dura ! Non c' è bisogno di incoraggirti perchè sappiamo tutti che domani sarai ancora più forte, perchè domani ce la farai !
      Ciao Luigi ancora un fortissimo, urlato, Alè, Alè, Luigi Alè !
      Leandro, Attilia, Giulia e Flavia.

  12. Go Luigi, GO!!!!!!
    We follow you from everywhere in the world.

  13. Luigi,

    It's been a few days since I've left you a comment but I have been reading and following your journey daily. It seems like day 32 has been a tough one, but as you know you have overcome tougher days. Keep a positive attitude as you are doing so much good with your ride. One bit of advise is that you need to fuel your body so that you have the energy to make it thru the following day. A cheeseburger and fries doesn't cut it. Listen to what your body is saying and you will do fine.

    Stay safe and strong on your journey.



  14. What a ride, what a day! Makes me feel utterly gutted as I read today's if I am the one tackling the road and wind! Love,blessings and prayers to you and this most important cause. Tomorrow WILL be a better day! Stay strong Luigi! Vivienne

  15. SEGUE:
    Attraverso il fiume Columbia lasciandomi rapidamente alle spalle l'ampia distesa della valle fluviale e saluto il dolce mormorio dello Sherman Creek e la leggera elevazione. La salita mi sorprende con alcuni pezzi scoscesi, ma sono l'eccezione, non la regola. Pensavo peggio!
    Un attimo: ho parlato troppo presto. Circa a metà strada il gradiente si alza e so che non cambierà fino in cima al passo, fra 19 km. Cerco di guardare qualsiasi cosa tranne il tachimetro. Guardo gli alberi ai lati della strada, tutti tanto alti da nascondere la vista della vallata. La strada curva e serpeggia su per grandi colline presentando ripide inclinazioni. Presto mi diventa chiaro che questa è l'arrampicata più lunga e più dura di tutto il viaggio. A differenza delle scalate sui valichi del Montana, non ci sono cime incappucciate di neve o vallate fluviali profondamente incise a distrarmi. Corro con alberi sempreverdi su tutti e due i lati, sempreverdi di fronte e sempreverdi alle spalle. Pedalando canticchio una canzone ma non mi ricordo le parole del secondo verso e allora continuo a ripetere il primo mentre la mia mente divaga per la lunga autostrada della mia vita: mi stupisce tutto quello che mi salta in testa in momenti come questo. Passo ore perso nei miei pensieri e ho vivide fantasie di mangiare nutella a cucchiaiate direttamente dal barattolo.
    Arrivato sul valico, provo una sensazione per metà di emozione e di successo, per metà di timore di quello che mi aspetta. Non amo le discese e, inevitabilmente, il vento forte mi schiaffeggerà e mi sbatterà da una parte all'altra. Inoltre comincio a essere esasperato dal sordo ringhiare di Harley-Davidson che vanno solo un pochino più veloce di me, il che prolunga il tormento. Oppure sono talmente su di giri che arrivano come fossero motori d'aereo e mi lasciano le orecchie che fischiano. Che c'è di tanto bello nell'andare in giro in questo modo, senza udire null'altro che il tuo fragore e sapendo che distruggi la pace di tutti gli altri? Questi qua il paesaggio non lo guardano neanche, l'unica cosa che fanno è fiondarsi al prossimo bar dove boccali di birra verranno felicemente buttati giù nelle loro capaci pance.

    Ai piedi dello Sherman Pass c'è Republic, probabilmente l'unico centro carino creato dai cercatori d'oro e rimasto in vita a tutt'oggi. Alla fine dell'800 qui venne fuori dell'oro e fortuna volle che in gran parte si trovasse su territorio indiano: ma chi si curò di quel diritto? Il governo non si degnò di far intervenire l'esercito per mettere un freno a sconfinamenti e saccheggi e, quando gli indiani si appellarono agli accordi, il Congresso non fece altro che cambiarli. La terra migliore passò ai cercatori e ovviamente gli indiani non videro un centesimo del ricavato dell'oro e dell'attività estrattiva.
    Percorro la Main Street e continuo direttamente verso ovest senza fermarmi per acqua o viveri. Perché? Non lo so. E' uno di quei frequentissimi momenti in cui il mio corpo non è collegato al cervello.
    Ricomincio ad inerpicarmi e c'è un altro valico in attesa, il Wauconda Pass (1.283 mt), per fortuna non altrettanto aspro e lungo quanto lo Sherman. E comunque mi ci vogliono quasi due ore per espugnarlo. A questo punto sono stanco e assetato. Tutt'e due le bottiglie vuote e ho ancora 40 chilometri prima del prossimo paese. Che stupido.

    La lunga discesa da Wauconda mi fa scendere di almeno 300 metri. E il mondo intorno a me cambia radicalmente: il paesaggio diventa arido, tutto sfumature di giallo e di marrone, tagliato soltanto dalla stretta striscia di terra sulle due rive del fiume Okanogan, dove frutteti con ordinati filari di alberi salgono dolcemente sui fianchi delle colline sfiorando fattorie abbandonate e qualche casetta vuota che va in rovina sotto il sole implacabile. E' un paesaggio che respinge. Un tempo è stata una città, adesso non è altro che il deserto pendio di una collina.

  16. SEGUE:
    E non era una città e basta, era una città fiorente con una prospera comunità di minatori. Poi è stata abbandonata e si è ridotta ad essere meno di una città fantasma perché solo poche case sono rimaste intatte. Si vedono soltanto tracce sul terreno e cancelli arrugginiti che danno su campi aperti. L'aridità e il triste stato della terra stonano con tutto ciò che ho visto nella parte precedente della giornata.
    Questo è l'altopiano desertico di Tonasket, una landa estremamente brulla e improduttiva che non credevo potesse trovarsi nel Washington State. Non c'è da stupirsi se non c'è vita qua. Il paesaggio sembra quello di Arizona o New Mexico e sarebbe perfetto come ambientazione per un film di John Wayne. Arrivo a Tonasket con la bocca e le labbra tanto prosciugate dall'arsura e dal vento contrario che il burro cacao non gli fa alcun effetto. Lotto contro un vento a raffiche per tutto il percorso sulla 20 che scende dentro una profonda gola rocciosa e poi s'inabissa nella valle dov'è il paese. Costruzioni coperte di polvere, case dimesse, parcheggi per roulotte, edifici abbandonati: probabilmente Tonasket è il centro più povero che ho visto nel viaggio. Poi mi viene in mente che si trova nella riserva indiana: ecco che tutto si spiega. Il luogo, con un caldo secco di oltre 35°, assomiglierebbe a un'altra città fantasma se non fosse per i discendenti dei pionieri che lavorano con impegno alla conservazione del loro patrimonio culturale.
    Per oggi avrei dovuto finire qui, avendo già 130 km e un bel po' di salita nelle gambe (oltre alle discutibili condizioni fisiche di oggi). Invece bevo due litri d'acqua e Gatorade, compro un gelato insapore e tiro diritto contro il vento che mi fa diventare matto. I successivi 50 km sono interminabili e io avanzo a passo d'uomo un miglio dopo l'altro fermandomi ogni momento - o così mi sembra- per imprecare contro il vento e per supplicarlo di avere pietà. Inutile dire che lui non mi dà ascolto e che io non ho altra scelta che proseguire. Spingo sui pedali e finalmente alle sei del pomeriggio arrivo a Omak che sembra il posto ideale dove pernottare. Invece guardo la cartina: fermarmi ora è fuori discussione per cui tengo duro altri 10 km fino a Okanogan.
    Il paese è deserto e deprimente. Vado fino all'estremità ovest dove un ancora più deprimente alberguccio, gestito da indiani (dell'India) mi ospiterà alla meglio per la notte. Sto sotto la doccia per quella che sembra un'ora tentando di sciacquare via il sudiciume dalle gambe. Sono troppo stanco per girare in cerca di un ristorante e mangio quel che trovo, un mediocre cheeseburger con patatine che butto giù senza neanche guardarlo. Torno in camera cautamente, rendendomi conto che ho la vista annebbiata.
    Mi siedo sul letto e scrivo queste righe con un sorriso sardonico sulle labbra.
    Che giornataccia. Vancouver sembra lontana esattamente come quando ero a Washington, la cena è stata uno schifo, ho ancora sete e mi fanno male parti del corpo che non nomino. E' stata una giornata nera, una giornata qualunque nella vita. L'accetto, le accetto tutte.

    Se sono arrivato fin qua posso andare un po' oltre.

    Fra un attimo crollo a letto.