Friday, August 10, 2012


Fergus Falls, Mn - Fargo, Nd

75 miles - Total: 1595 miles

I know what comes to mind when you read the word 'Fargo'. But the place seems a lot different from the austere, dark, funny and clumsy world brilliantly depicted by the Coen brothers. Or is it? Apart from the great cinematic appeal that this place has, as far as I can tell people from around here seem calm, easy-going, talkative and friendly. Would an absurd criminal caper destabilize their matter-of-fact, ordinary and simple way of life? How much time do I need to fully understand the true life of the Midwest and Central US? What would it take for the screws to come off? Would a bike ride through the low lands and prairies of North Dakota be enough? Probably not.

Yesterday was the toughest day of the ride and today was the easiest one.

Today for the first time in my cycling life I had a tailwind. And it happened to be the shortest day of the journey. I would have loved to have a tailwind on a 130-mile slugfest! But I will take it. I loved the easy ride and I flew like I was competing in the Tour De France. I averaged 21 mph and still had time to savor the scenery. I was so absorbed in the ride that at one point I missed my turn and I had to backtrack 5 miles. I guess it would not be my ride if I did not ride into a headwind every single day! The terrain is as flat as a french crepe and the scenery is wide open, calm, green and appears to be in transition from the hills, the green forests and the creeks and lakes of Minnesota to the arid Great Plains of North Dakota. The ground is not arid yet but it begins to show some barren patches here and there and vegetation and crops aren't as plentiful and lush. Within a few miles I pass from a landscape rich in pines, forests, swamps, lakes and creeks to a low-land, flat prairie devoid of trees and ponds rich in the business of cattle ranching and an even richer number of oil-related businesses.

I am up late as I know I only have about 70 miles to ride today. I leave at 9.30 and I rejoice at the good news of the wind. I push on the bike as free as a bird on the old highway 52 which has a rough surface but no traffic at all. There is an intermittent shoulder but the little existing traffic allows me to ride freely in the lane. I pass through the town of Barnesville which, as many towns around here, has a typical frontier-town feel with a broad main street and a few intersecting unpaved streets. Main st. is often empty of people, a few old cars lined along the street and some dogs loiter around. The town manages to hold on to its post office, public library, deli, gas station. I stop, the only stop today, to munch on a whole box of fig biscuits and as I leave the area I look at the cloudless sky and the empty road ahead and I hold on to my trusted bike like it's my life and feel absolutely fine in this Minnesota hamlet.

The sun beats strong but I don't feel it much because the air is chilly and hits my skin with ease. I coudl wear the long sleeves but I decide not to. I can finally fully enjoy my freedom on the bike in the open air without having to grind out miles and swearing loud at the wind. This is touring at its best. As I leave town the road takes a gradual long turn to the West and the wind just begins to blow from the side but not an enough side angle to bother my ride. I quickly ride into the urban area of Moorhead, the last town on the Minnesota side and then I cross the Red River to enter North Dakota, right into Fargo.

I long for Fargo. Since the beginning of my bike ride I considered Fargo the "point of no return" in the sense that West of here I can only go West. From here on it is wilderness, it is long stretches of road with few small towns and widely-spaced services along the way. The next bike store is in Bismark and after that I suspect Northern Montana might have nothing to offer in the way of repairing a bicycle. So I am looking forward to reach Fargo and declare myself arrived at the midpoint of this bike ride. I get to my hotel early, which gives me plenty of time to relax, and most importantly, do the laundry. I also pay a quick visit to the local bike repair shop where they do a quick tune-up.

I enter Fargo through the Red River Valley when I cross the bridge over the river which is located between the towns of Moorhead and Fargo. This valley has an interesting history as the first native American tribes to settle here were the Cheyenne. Some were decimated others moved farther West to escape certain death and the area was used by the fur traders from the North and from the Hudson Bay. I imagine these to be ruthless people who discouraged anyone who tried to get in the way of their trade becoming profitable. They became entrenched in this area as they found it a convenient 'passage' to the North. With the arrival of the railroad in 1870s settlements began to spread and single-crop farming took hold. Wheat was the king crop but it was also a risky business as the crop was vulnerable to storms and price fluctuations. People here have done well, they seem hard working and the farms grow wheat, sunflowers, sugar beet and corn. I would have never known that there is a sizable Somali and Kurdish community in Fargo. Many were granted visas in exchange of help during the war in Iraq and others are part of the Midwest social experiment: to create a community of pro-Americans who are willing to work hard and eventually become naturalized in a frozen prairie. This is yet another, complex, dimension of the American dream. Those who were in the States migrated from Minneapolis where work was scarce or did not pay well enough. History does not change much. Many people are on the move, they leave home, some for good, others just for a while, all in search of a better life, all looking for happiness.

As uncertain as it is, my search goes on.

Tomorrow I will take on the Great Plains of North Dakota.

Lake Mary, outside Fergus Falls 

The scenery changes dramatically, trees disappear and the land flattens and grows brown 


Flat and windless means a fast and enjoyable  ride 

Nothing's wrong with me, just frowning for the camera 

Flat and empty 

Downtown Barnesville 

The railroad tracks in the tiny town of Baker, Mn

A store along highway 52 

The first (and only) North Dakota sign I see. This is in downtown Fargo 

Downtown Fargo


  1. Vedi che chi la dura la vince.. Have a safe day m

  2. Hi man non mi perdo le tue foto sempre bellissime non ti sarebbe però utile un gps con cui ti si può seguire su una piantina e in caso schiacci un bottone ....?? Magari lo hai già...ride the wild wind !! ;o)

  3. Caro Luigi,
    Che sollievo, ci voleva e te lo meriti ! Quando vai con il vento in poppa è come "volare sulle ali di una farfalla" e quindi oggi molti avranno volato un po' con te.
    Ciao Grande.

  4. Just re-discovered the link to your blog, Luigi. Happy to see you are making great progress. I hope your tailwind recurs when needed. Jennifer C.

  5. a volte una macumba "meridionale" fatta come si deve serve, eccome! appena che ho fatto scivolare l'olio nel piatto pieno d'acqua, l'olio si è frantumato in mille pezzi. è stata la conferma che c'era il malocchio del vento, ti soffiava contro carico di invidia per la BELLEZZA della tua corsa. putroppo questo fetente è sempre lì in agguato, ma io sono ancora quà pronto con il mio olio extravergine, perciò... fottiti vento! stai punito!

  6. vento alle spalle...via come in volo...i ns pensieri positivi ti fanno andare via verso la meta...sei già a metà strada e tutto andrà bene :) senti la tua claque?!? caro Luigi, tifo da stadio, hola compresa ehehehhe :DDD Carla

  7. Giorno n. 16: FARGO
    Fergus Falls, Minnesota – Fargo, North Dakota 121 km
    Totale km 2.568

    So che cosa viene in mente quando si legge la parola 'Fargo'. Ma il posto sembra molto differente dal mondo disadorno, oscuro, bizzarro, grossolano dipinto brillantemente dai fratelli Coen. O è lo stesso? Grande appeal cinematografico a parte, per quel che posso dire la gente di queste parti sembra tranquilla, alla mano, loquace e socievole. Un crimine maldestro e assurdo potrebbe destabilizzare il loro modo di vivere prosaico, ordinario, semplice? Quanto tempo mi ci vorrebbe per capire appieno la vera vita del MidWest? Un giro su due ruote per i bassopiani e le pianure del Nord Dakota può bastare?
    Oggi ho avuto vento in poppa per la prima volta nella mia carriera ciclistica. E il caso ha voluto che questa fosse la tappa più breve finora. Sarei stato felice di averlo in una di quelle lotte senza esclusione di colpi da 200 km e passa invece che solo per 121. Ma grazie, lo accetto. Me lo sono goduto tutto: volavo come se fossi al Tour, ho fatto una media di 34 km/h. Stavo andando così bene che ho persino superato il punto dove dovevo svoltare e m'è toccato ritornare indietro di 8 km. Ma credo che senza un vento a sfavore non sarebbe la mia corsa!
    Il terreno è bello liscio e il panorama è aperto, verde, sereno e sembra annunciare la transizione dalle colline, le foreste verdeggianti, i ruscelli e i laghi del Minnesota alle aride Grandi Pianure del Nord Dakota. La terra non è ancora secca ma vegetazione e colture cominciano a mostrare qualche difficoltà nella crescita. Nello spazio di poche miglia passo da un paesaggio ricco di pini, boschi, acquitrini, laghi e torrenti a una prateria bassa e piatta priva di alberi e specchi d'acqua con ranch per l'allevamento del bestiame in quantità crescente e ancora maggior numero di attività correlate al petrolio.

    Mi sveglio tardi sapendo di avere solo un po' più di cento chilometri da fare. Mi alzo alle nove e mezza e esulto alla bella novità del vento. Me ne vado libero come l'aria sulla vecchia statale 52, un po' dissestata ma senza ombra di traffico: la banchina è intermittente ma la mancanza di auto mi permette di correre tranquillo sulla strada.
    Attraverso la cittadina di Barnesville che, come molte da queste parti, ha il tipico aspetto della città di frontiera con una larga strada principale e qualche trasversale non asfaltata. Main Street è deserta, solo poche macchine e qualche cane a zonzo. Gli abitanti sono circa 2.000 ma il paese riesce a tenersi stretti il suo ufficio postale, la biblioteca, la sua salumeria, il distributore. Mi fermo – l'unica sosta di oggi- per sgranocchiarmi tutta una scatola di biscotti ai fichi e, partendo, guardo verso il cielo sereno e la strada vuota davanti a me aggrappandomi alla fidata bicicletta come se fosse la mia vita e mi sento assolutamente bene in questo villaggio del Minnesota. Il sole picchia duro ma non mi dà fastidio perché l'aria è fresca e si sente sulla pelle. Finalmente posso assaporare la libertà sulla bici all'aria aperta senza dover sfacchinare e imprecare contro il vento. Uscendo dal paesino, la strada fa un'ampia, graduale curva verso ovest e il vento comincia a soffiare lateralmente ma giusto un po', senza disturbare la mia corsa. Arrivo velocemente nell'area urbana di Moorehead, l'ultima città del Minnesota e poi traverso il Red River entrando in Nord Dakota direttamente a Fargo.

  8. SEGUE:
    Desidero ardentemente arrivare a Fargo. Fin dall'inizio di questo giro l'ho considerata il 'punto di non ritorno' nel senso che, a ovest di qui, posso solo continuare verso ovest. Di qua in poi è natura selvaggia, è strada diritta per lunghi tratti con pochi paesi e pochi servizi molto distanziati fra loro. Il prossimo meccanico da bici è a Bismark dopodiché sospetto che il Montana in questo senso non abbia nulla da offrire.
    Dunque ho aspettato impaziente di raggiungere Fargo e ora mi dichiaro arrivato a metà strada.
    Sono in albergo presto e quindi ho un mucchio di tempo per rilassarmi ma soprattutto per fare il bucato. Faccio anche una visitina al locale biciclettaio per una rapida messa a punto.

    Come ho detto, sono entrato a Fargo dalla Red River Valley.
    La valle ha una storia interessante: le prime tribù di nativi americani che s'insediarono qui furono i Cheyenne. In seguito, in parte vennero decimati in parte si spostarono più a ovest per sfuggire a morte certa e l'area divenne una via di transito dal nord e dalla Baia di Hudson per i commercianti di pellicce. Me li immagino, questi, come uomini spietati che scoraggiavano chiunque osasse essere d'intralcio al profitto dei loro affari. Si radicarono in questa zona perché la ritennero un facile passaggio a nord. Dal 1871, con l'arrivo della ferrovia, cominciarono a disseminarsi insediamenti e si affermò la monocultura. Il grano era la coltura predominante ma l'affare aveva i suoi rischi perché il raccolto era indifeso dai temporali e dalle fluttuazioni di prezzo.
    Qui le persone se la sono cavata, sembrano lavorare duro, coltivano frumento, girasoli, barbabietola da zucchero e un po' di mais.
    Non sapevo – e non avrei mai saputo- che a Fargo c'è una considerevole comunità sia di Somali che di Curdi. A molti è stato concesso il visto in cambio dell'aiuto che hanno dato durante la guerra in Iraq e altri sono parte dell'esperimento sociale del Midwest: creare una comunità di filo-americani intenzionati a lavorare sodo e finire con l'ottenere la cittadinanza in una freddissima prateria. Ecco un'altra ancora delle complesse facce dell'American dream. Quelli che erano già negli States sono emigrati da Minneapolis dove il lavoro era scarso o sottopagato.
    La storia non cambia molto. Tanti sono in movimento, se ne vanno magari per sempre e la loro ricerca di una vita migliore è incerta com'è sempre stato.

    Domani affronto le Great Plains del Nord Dakota.

  9. Glad you had a better ride today. Today I almost jumped for joy as Keshorn Walcott got gold medal for competing in the Men's javelin. Could not as I damaged the ligaments in my left leg and I am still nursing my injury after 2 weeks.
    Reading your blog and seeing your beautiful and professional photos almost makes me want to visit some of the places you so vividly describe.
    You're doing great. Judith

  10. Ti seguiamo dall'italia, dal SUD italia, da CAROVIGNO, Abbiamo un gruppo che si chiama BICI&SOLIDARIETA' e tra i nostri membri, uno di noi, ha avuto una storia simile alla tua, che ha combattuto e vinto allo stesso modo, attraversando l'Italia, dalla Puglia, alla Sicilia, fino al Piemonte. Forza Ragazzo, non mollare !!!!