Thursday, August 30, 2012

DAY 35: VANCOUVER!!!

Concrete, Wa - Vancouver, BC (Canada)

136 miles - Total: 3347 miles

On the 35th day of the my bike ride, two days ahead of schedule, with a last day of 130+ miles, I crossed the Canadian border and complete my fund raising bicycle ride across the United States.

Another sleepless night. The rough bed linen, the bleach smell of the room, the night-before-the-interview feeling, the cold night, the desolation of the place, I don't know what disturbs my sleep but I am not feeling too jaunty when I wake up. The weather is cold and wet. The road, a few feet from the motel, is wet and slippery. Forget about Vancouver, I say to myself, just ride a little and try not to get soaked.

I enter a badly-lit, deserted grocery store and I have a banana for breakfast and I cannot be bothered to eat anything else. Fog hangs over the hills above the motel and out over the surface of the road, and the wind blows just enough to send me shivering the moment I crawl out of the store. Again I wear everything I have. I ride 300 yards and I stop by the store near the gas station to grab water. There are only a few cars on the road. It feels like it is just me in this Godforsaken hamlet at the foothills of the mountains in Washington. Luckily the rain stops but it is still freezing. I start riding just to see how far I can go before it starts raining again more than anything else. The fog floats slowly over the tops of the trees as I wind along a flat road. I think about grabbing my rain jacket, but a moment later the dark clouds float East and I know I will be safe from the rain. For how long? Is this a signal? I have done about 20 miles when I reach Seedro-Wooley and it is time to go north toward Canada. So I turn right and head north on highway 9 which will take me all the way to the border. It is a bit of a gamble because the ACA route does not go this way. I am improvising. On google map last night it seemed like a good option. I don't know this road, shoulder no shoulder, traffic, steep inclines, distances. Not too sure. Doesn't matter any more.

Looking North the sky looks ominous and I feel like I might as well jump in the lake with my clothes on. It seems that the weather should break at any moment now. I push on and yet again, I duck the rain. It appears that it rains a few miles ahead of me and this is the pattern for the rest of the day. The road is wet and the air has that heavy rain smell mixed with the fragrance of moss and grass and it lingers in the air everywhere I ride. The more I ride the better I feel, now I can think of doing a proper ride. Can I reach vancouver? Let's see. Highway 9 winds through lush farmland, I can smell fodder, manure, poultry and livestock odours that seem so familiar by now. These elements bring back memories of my ride through Virginia and Ohio. Almost without noticing I clock 55 miles by 12pm.

I keep chasing the rain but luckily I don't catch it. The border is within reach and an exciting thought tickles my imagination, I can make it to Vancouver today. Let's go for it. Of course, who were you kidding, you were always going to go for it today, weren't you?! I stop to get my passport stamped, I fumble a few lines at passport control where a burly woman asks me why I am entering Canada here, the exact name of the hotel where I am staying and the day I am supposed to leave. I pass the test and I am off again, on the fabulously surfaced Canadian roads. For the rest of the ride I pedal with legs so light it's almost like they aren't there, like I am on my first day. I constantly scan the horizon waiting for that Vancouver sign that never appears. I negotiate my way through gas stations, shopping malls and attractive town parks. I shoot through suburbia and an urban area so vast that basically from the border to downtown Vancouver is a long colorful line of traffic lights, gas stations, parks, hotels, offices, movie theaters, shopping malls. This helps my ride, with the busy urban life as the new setting I don't even think about miles, weather or my fitness. I just ride. I certainly think about the cultural shock that I feel entering this urban world, especially after the last few weeks and the last few days in the mountains. I stop briefly at 7-eleven where I have an ice-cream and I eagerly continue with my ride. After God knows how long I finally see the Vancouver sign for the first time. It is not the official sign, it is the green highway sign but it is all good anyway. This is the moment I was waiting for. I feel a thousand butterflies in my stomach and something gets stuck in my throat, what are you gonna do now you sissy? Are you gonna cry? Of course not but I now think I can make it in 35 days as planned. I still have about 50 miles to go so I am not there yet but I am close.

Is this really the first time that I think I can do it? Did I really doubt it or was it just for good luck that I deliberately subdued any expectation I had about the fulfilment of the goal of this bike ride? Whatever it is I am now faced with the prospect, or I should say, the reality, that I am about to enter Vancouver. After 35 days and 3300 miles I can stop spinning the wheels, I can talk, I can listen, I can be the person I was before. I can put on a pair of jeans and go see a movie. Before I return to all that I still have a few miles to go. Entering Vancouver, as with any large urban centre, is not easy on a bike. I take little detours to avoid the highway. I would later find out that urban sprawl is beginning to be a problem in Canada too, growing fast and unchecked.

I fly through traffic lights, red and green alike, I shoot past various boroughs that are inhabited by Arabs, Chinese, Koreans and other ethnic groups and H1 finally takes me into Mount Pleasant and then it hangs left all the way into Stanley Park, the green heart of Vancouver. I pass several cyclists; in downtown Vancouver I stop at red lights in utmost respect of traffic signals. I wipe my glasses as a gentle but steady drizzle has began. I cycle down the last stretch of urban road which takes me to the gate of the Stanley Park where I can take my arrival picture. Victorious.

I made it. Damn it yes! We made it. 3000 miles and 25 thousand dollars later we are here. Coast to coast. Come on let it go now. I can let it all go now, all the mental discipline, all the focus the rigour to keep up with the scheduled, to follow the established routine of riding all day, finding a motel, checking in, shower and manual laundry, downloading the pictures, writing the blog, eating, sleeping, getting up the next day to brave the elements once more. No more walking with heavy legs and riding through muscle pain. No more stress of not getting as far as I would like. No more fear of getting a puncture in the middle of nowhere. And I can also let go of the fear of being ill. Yes, let go of that fear because you are not ill. You made it all the way across, a 100% healthy person would find it atrocious and you, between rounds of chemotherapy, with cancer in your body, with your mind and your heart set to it, you made it thsi far so what the hell are you afraid of? What the hell will make you afraid in the future? You just turned fear into energy, you turned anger into strength, you raised money for a good cause. You made it, you did this just like you wanted it, now you can do anything you set your mind to.

I know this is going to heal me, or at least heal my mind and free it from fear. Now just ride around Stanley Park. Such a beautiful place, a sanctuary of peace and nature, with the Pacific ocean on one side and the city with the harbor on the other. Check out those giant trees, what a pretty thick lush forest, and look at that dark blue water, you are lucky, aren't you? Yes I am lucky, I see so much of the world and I cycled across this amazing country. What was it that you wanted to do when you got here? Kiss the ground? Sink to your knees? I feel like it but I can't now, I feel paralyzed, I can't let it go but it is all boiling inside and it will explode at some point. I know I made it. I made it for me and I made it for the people that love me and want to see me being me despite the problems that I have and that I will have in the future.

I have the Pacific ocean in front of me, a few yards from my feet, I think back on the crazy, the kind, the hilarious, and the generous people I met along the way. I think about the beautiful landscapes, the sweeping open lands, the mountains, the hills, the rivers and the cities, the quirky signs, the towns that are thriving, and those that have been lost to time forever. All of the elements come together to create an amazing and rewarding experience that I will draw strength from every day for the rest of my life. Especially when things get difficult and I know they will. I will think about the places that were once a two-dimensional outline or a dot on a map and now fill a corner of my mind that's colored with texture and character and soul. And I think of the people that I have seen, I think of their faces and their eyes, eyes that will never see the world that I have seen and I will continue to see in my mind.

So much of my life has been defined by the things that I wanted; lately it seems that my life is defined by elements outside my control. Honestly, it seems easier to climb a mountain than to wait for the doctor's report on my lastest tests. It is up to me to take both challenges with the same attitude. I might not be able to do it every time but at least I can try.

Let's go find a nice hotel and have yourself the best meal in the whole town. I am hungry. Yep..it is still me.

VIDEO: http://www.youtube.com/watch?v=SGDUuyQorqg&feature=youtu.be


VIDEO (IN ITALIANO): http://www.youtube.com/watch?v=ovUjuClaXQw&feature=youtu.be


http://www.myfoxdc.com/story/19431381/cancer-patient-bikes-across-america-to-raise-money-for-charity?fb_comment_id=fbc_490360730975175_5891783_490447084299873


http://washdiplomat.com/DPouch/2012/August2/story3biking.html
 

 
The weather is not very promising at 8am




The road is wet and it is very cold




Very cold













Highway 9




Mt. Baker behind those clouds




Washington sky



I turn around and I see the last of the mountains, they are behind me, now it is all flat (more or less) all the way to the Pacific
 



The little town of Acme, pop: 39
 
 
 
 
 
 Along H9


 
 A "new frontier"


 
 No line required for cyclists


 
As I cross the border the sun peeps out of the clouds. From the sign it is only 50 miles to Vancouver downtown, let's go



 The "people that we don't see" picking berries









I see this Vancouver sign for the first time just before I cross Pitt Lake



After miles and miles of urban areas at 4:57pm I finally enter Vancouver downtown




I did it!




In Stanley Park



In Stanley Park with the Pacific ocean behind
 

37 comments:

  1. ce l'hai fatta bello!!! Sì, puoi essere orgoglioso! (e lo sono anch'io)

    ReplyDelete
  2. Sono felicissimo per te!!!!!!!!!!!! :)

    ReplyDelete
  3. Yeaaaahhhhh!!! Grandissimo Luigi!!! Avevi detto 35 giorni.. e, superando ogni difficoltà e complicazione, sono stati 35 giorni!!
    Un abbraccio e sono veramente felice :-)

    ReplyDelete
  4. Sono felicissima Luigi!Grazie perchè quello che hai fatto significa tanto per tutti noi.
    Un abbraccio forte forte
    Nadia

    ReplyDelete
  5. complimenti, bravo, ce l'hai fatta!!! laura

    ReplyDelete
  6. I discovered your blog just one week ago, but it's still a great pleasure to have followed day by day the last part of your journey! Congratulations from Italy!!
    Michele

    ReplyDelete
  7. yes! you did it!!!!
    GRANDE LUIGI! yoy are amazing!
    Grazie!

    ReplyDelete
  8. Luigi, I cannot express in words how happy I am for you right now! This has been an amazing journey that I gladly joined you every single day. Bravo!!! You did it! I am so proud of you! Congratulations. Enjoy your days in Vancouver and know that we are waiting for your return for a celebration! Cheers, Natalia

    ReplyDelete
  9. c è l hai fatta luigi bravissimo siamo orgogliose di te...sei un campioneeee..complimentiii ti abbraccio forteeeee.nunzia

    ReplyDelete
  10. Ciao Luigi, congratulazioni, ce l'hai fatta. Ho seguito la tua impresa giorno per giorno attraverso il blog, e ho ammirato come hai saputo affrontare e superare i non pochi momenti di difficoltà. Ti faccio sinceri complimenti e ti auguro buona fortuna per il futuro. Fabio Mare

    ReplyDelete
  11. Thank you for so eloquently sharing your journey and for raising money to help find a cure for this affliction. Congratulations and enjoy the accomplishment! We've been with you on your bike ride and we'll continue to be with you on your fight with cancer.

    ReplyDelete
  12. Congratulations! I have been following your adventure from Washington, DC and am very inspired by your efforts. I wish you all the best in future adventures in life. Peace to you.

    ReplyDelete
  13. Congrats Luigi...! You did it! My best wishes and prayers will be with you through your fight with cancer. Remember cancer cannot beat 'spirit, courage, determination, faith and hope'. Have faith. Be strong and look forward with hope. God be with you. Your friend from DC

    ReplyDelete
  14. Congratulations Luigi and thanks for taking us all on your ride with you. You determination and spirit are a true inspiration to us all. I know you strong enough to come back and win the cancer battle too! You are in my prayers. I hopewe get to meet someday at the Bank!
    Barbara

    ReplyDelete
  15. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  16. Giorno n. 35: VANCOUVER!!!
    Concrete, Washington (USA) – Vancouver, British Columbia (CANADA) km 187
    Totale km 5.386


    Il trentacinquesimo giorno, due prima del previsto, con un’ultima tappa di oltre centottanta chilometri e in più l’attraversamento del confine, ho completato la mia corsa attraverso gli Stati Uniti.

    Un’altra notte in bianco. Le lenzuola ruvide, il tanfo di candeggina della stanza, la sensazione da notte prima degli esami, non so cos’è che mi disturba il sonno, fatto sta che quando mi alzo non mi sento tanto pimpante. Tempo freddo e umido. Strada, a pochi metri dal motel, scivolosa e bagnata. Lascia perdere Vancouver – mi dico- fai giusto un po’ di strada e cerca almeno di non prender dell’acqua. Per colazione una banana, non ho voglia di mangiare altro.
    La nebbia ristagna attaccata alle colline dietro il motel e sulla superficie della strada e il vento soffia quel tanto che basta a farmi rabbrividire quando metto esitante un piede fuori. Ancora una volta ho addosso tutti i vestiti che ho. Dopo neanche trecento metri mi fermo alla bottega vicino alla pompa di benzina per comprare dell’acqua. In giro poche macchine. Mi sento come se ci fossi solo io in questo borgo dimenticato da Dio alle pendici dei monti nello stato di Washington. Smette di piovere e parto, più che altro per vedere fin dove arrivo prima che ricominci. La nebbia se ne va piano alla deriva sulle cime degli alberi mentre io procedo per una strada pianeggiante. Fa freddo, c’è umidità e sto pensando se prendere il K-Way quando le nuvole nere cominciano a spostarsi a est e mi rendo conto che non prenderò la pioggia. E’ un segno? Faccio una trentina di chilometri e arrivo a Seedro-Wooley. Giro a Nord sulla 9 che mi porterà fino al confine. Non conosco questa strada, banchina, niente banchina, traffico, pendenze, distanze. Viaggiare così non è tanto sicuro. Ma non ha più importanza. Il cielo è minaccioso e, se sono in ballo, tanto vale ballare. Sì, scanso la pioggia, sembra che piova qualche chilometro davanti a me e andrà così per tutto il giorno. La strada è bagnata e l’aria ha quell’intenso sentore di pioggia mescolato con il profumo del muschio e dell’erba che aleggia per tutto il mio percorso. Dunque tiro dritto e più avanzo meglio mi sento. La statale 9 si snoda per un terreno agricolo, posso sentire gli odori - ormai diventati familiari- del foraggio, del letame, dei polli, del bestiame. Questo mi fa ritornare in mente quando ho attraversato la Virginia e l’Ohio. Quasi senza accorgermene, arriva mezzogiorno e ho fatto 89 chilometri. Continuo a inseguire la pioggia ma per fortuna non la raggiungo.
    Il confine è a portata di mano e un’idea eccitante mi solletica la mente: potrei arrivare a Vancouver oggi. Dai, facciamolo. Come no, chi volevi prendere in giro, tu l’avevi già deciso di arrivarci oggi. E’ così che sei fatto. Mi fermo per il timbro sul passaporto, farfuglio qualche frase al controllo doganale dove una donna corpulenta mi chiede perché entro in Canada da qui, come si chiama esattamente l’albergo dove starò, quando ho previsto di ripartire.
    Supero il test e sono di nuovo libero, sulle favolosamente asfaltate strade canadesi. Per il resto del tempo le mie gambe sono così leggere che quasi non le sento mentre pedalo scrutando l’orizzonte e aspettando quel cartello di Vancouver che non arriva mai. Sfreccio per sobborghi e per un’area urbana così estesa che praticamente dalla frontiera al centro di Vancouver è un’unica, lunga, colorata fila di semafori, distributori, parchi, alberghi, centri commerciali. Meglio ancora, con l’animata vita della città come sfondo della mia corsa, non penso neanche alle miglia, al tempo, alla mia forma fisica. Stai bene amico, piantala. Certamente penso allo shock culturale che mi colpisce mentre entro in questo mondo urbano, specialmente dopo le ultime settimane e dopo gli ultimi giorni in mezzo ai monti. Filo veloce ed ecco, per la prima volta, il segnale di Vancouver. Non è il cartello ufficiale, è la tabella verde della superstrada ma va bene lo stesso.
    (SEGUE)

    ReplyDelete
  17. Complimenti Luigi!!!!! Ce l'hai fatta!!!!
    Enjoy this wonderful victory. Thank you for being an inspiration, for staying true to yourself in the face of adversity. It's been a pleasure following your blog, I'll keep you in my prayers, and know you'll win your battle with cancer, actually in many ways you just did... A big hug, Melissa

    ReplyDelete
  18. you did it, YOU DID IT!!! bravo!!
    è bello vedere la felicità dipinta sul tuo volto oggi, che la vicinanza e l'amore di tutti e la gioia che ti sei conquistato ti accompagnino nei prossimi giorni e sulle prossime strade!
    Francesca

    ReplyDelete
  19. Congratulations Luigi!!! What an amazing journey. Thank you so much for letting us share in it with your beautiful writing and photos. Best wishes to you as you continue your battle. You are clearly a fighter with an amazing spirit, and that bodes very well for your future. Laurie

    ReplyDelete
  20. SEGUE:
    Questo è il momento che aspettavi. Sento mille farfalle nello stomaco e qualcosa che si blocca in gola, che hai intenzione di fare ora? Non starai mica piangendo? No, naturalmente, ma ora penso che ce la posso fare. E’ davvero la prima volta che penso di riuscirci? Sul serio ho avuto dei dubbi lungo il percorso? O è stato solo per scaramanzia che ho deliberatamente controllato ogni possibilità di emozione connessa al raggiungimento dello scopo della mia corsa? Come che sia, ora ho di fronte la prospettiva o, meglio, il fatto che sto per entrare a Vancouver e che, dopo trentacinque giorni e tremila e trecento miglia posso smettere di far girare le ruote, posso chiacchierare, posso ascoltare, posso essere la persona che ero prima. Posso mettermi un paio di jeans e andare al cinema.
    Però prima ho ancora qualche miglio da fare.
    Come per qualsiasi grande città, non è facile entrare a Vancouver in bicicletta. Faccio qualche deviazione per evitare le tangenziali. Più tardi scoprirò che anche in Canada l’espansione urbana incontrollata sta diventando un problema. Supero a volo i semafori, i verdi e i rossi, filo attraverso vari quartieri abitati da arabi, cinesi, coreani e altre etnie e finalmente l’H1 mi porta verso Mount Pleasant e poi piega a sinistra fino a Stanley Park, il cuore verde di Vancouver.
    Ce l’ho fatta.
    Ce l’hai fatta, dai, molla adesso. Posso mollare tutto ora, tutta la disciplina mentale, tutta la concentrazione sulla sicurezza della mia corsa, sull’attenzione alle macchine e ai camion, la routine rigorosa di correre tutto il giorno poi cercare un motel, prendere una stanza, fare la doccia, scrivere il blog in maniera coerente sperando che abbia un senso, alzarmi il giorno dopo per sfidare gli elementi e pedalare con i muscoli doloranti e lo stress di non arrivare lontano come vorrei a causa della pioggia, del vento, lo sa Dio di che altro. Posso mollare la paura di essere malato. Sì, lasciala andare quella paura perché non sei malato. Hai fatto tutta la strada dall’altra parte a qui, sì ho fatto tutta la strada da lì a qui, una persona sana al 100% l’avrebbe considerato terribile e tu, fra un giro e l’altro di chemio, con il cancro in corpo, con la tua testa e con il cuore hai fatto questo e allora di che cavolo hai paura? Che cosa cavolo potrà farti paura un domani? Hai appena trasformato la paura in energia, la rabbia in forza. Ce l’hai fatta, hai fatto questo proprio come volevi farlo, adesso puoi realizzare tutto ciò per cui t’impegni, puoi comunicarlo, condividerlo e soprattutto tu controlli la tua paura e ora non devi temere le avversità perciò non preoccuparti più. Sì, sì, posso mollare tutte le costrizioni che mi ero buttato addosso perché settimane fa ero lì all’ospedale e ora... certo, ora tu sei tu, sei libero su quella bicicletta, libero con il tuo corpo che si muove agile e scatta quando vuole e scala e discende montagne così alte e fredde che la gente che lo fa di solito si allena per mesi e mesi, quindi basta con tutte quelle stupidaggini e rallegrati, festeggia il successo, non si trattava di provare che qualcuno aveva torto, si trattava di essere te stesso quando era proprio ‘te stesso’ ad essere messo in discussione. E lo sai che questo sarà per sempre, non per trentacinque giorni soltanto. Lo so, questo mi guarirà, o almeno guarirà la mia mente e la libererà dal terrore. Ben detto, e ora fatti una bel giro per Stanley Park, un posto così bello, un rifugio inviolabile di pace e di natura, con il Pacifico da una parte e la città con il suo porto dall’altra. Dai uno sguardo a quegli alberi giganti, che bel bosco folto e rigoglioso formano! e guarda l’acqua blu, sei fortunato, vero? Sì, sono fortunato, quante cose vedo del mondo e ho pedalato attraverso questo eccezionale paese. Sai, non è un sogno, è la vita, e la vita continuerà dopo questo. Lo so. Che cos’era quello che volevi fare arrivando qui? Baciare la terra? Cadere in ginocchio? Sì, ma ora non posso, mi sento paralizzato, non riesco a mollare, ho tutto che mi ribolle dentro e a un certo punto esploderà.
    (SEGUE)

    ReplyDelete
  21. Siamo felicissime per te e per l'impresa che hai compiuto. Il tuo sorriso ci riempie di gioia. grazie luigi per averci permesso di seguirti in questa avventura! un abbraccio grandissimo
    susanna lisa emily

    ReplyDelete
  22. Congratulations on reaching Vancouver and reaching your goal. The journey for the reader has been fabulous, reading your entries daily and see your photos really has brought me along with you. Enjoy the time you have in Canada to soak in the feeling of success. Safe travels back to DC.

    ReplyDelete
  23. Sai Luigi, stiamo tutti a casa leggendo il tuo Diario di bordo: Siamo felici, veramente ! E' difficile poter trovare le parole ma è certo che oggi è una gran giornata per te, per noi, per molte persone!
    Fammi dire ancora una volta: Alè Luigi, Alè Alè !
    Leandro, Attilia, Giulia e Flavia

    ReplyDelete
  24. Grande Luigi,
    ho la massima stima per quello che hai fatto; io grazie a Dio sto bene ma se un giorno dovessi avere sul mio percorso ostacoli grandi come il tuo, vorrei avere il tuo spirito e la tua volontà per affrontarli.
    Continua così!!!!
    Un grazie e un saluto da un "ciclista" molto meno "ciclista" di te.
    Paolo

    ReplyDelete
  25. SEGUE:
    So che l’ho fatto. L’ho fatto per me e l’ho fatto per le persone che mi vogliono bene e vogliono vedermi essere me stesso malgrado i problemi che ho e avrò in futuro.
    Ho l’oceano Pacifico di fronte a me, a pochi metri dai miei piedi, mentre penso alle persone folli, gentili, divertenti, generose che ho incontrato nel mio viaggio. Penso ai magnifici paesaggi, agli ampi spazi aperti, le montagne, le colline, i fiumi e le città, i cartelli strani, i paesini che stanno prosperando e quelli che sono andati perduti nel tempo per sempre. Tutti questi elementi confluiscono in un'esperienza eccezionale e gratificante dalla quale attingerò forza ogni giorno per il resto della mia vita. Specialmente quando le cose si fanno difficili - e tu sai che succederà. Penserò ai posti che una volta erano una linea bidimensionale o un puntino su una carta geografica e ora riempiono un angolo della mia mente colorandolo con consistenza e atmosfera e anima. E penso alle persone che ho visto, penso ai loro volti e ai loro occhi, occhi che mai vedranno il mondo che ho visto io e che io continuerò a vedere. Tu sei fortunato. E' vero, lo sono.

    Una gran parte della mia vita è stata determinata dalle mie scelte: istruzione, lavoro, viaggi, sport; ultimamente pare che a decidere siano fattori esterni alla mia volontà e al mio controllo. Sinceramente, sembra più facile scalare una montagna che aspettare il verdetto di un dottore sui miei esami del sangue. Ma sta a me affrontare entrambe le sfide con lo stesso stato d'animo. E' nella mia mente. Ed è nel mio cuore. Sono io che determino la mia vita.

    E ora vai avanti, dillo, non è una frase fatta, ora puoi dirlo. Sì, posso dirlo, sono orgoglioso di me stesso.
    Adesso ho fame. Su, cerca un bell'albergo e concediti la miglior cena della città. Sei ancora tu.

    ReplyDelete
  26. Congratulations Colleague! You did it! I really enjoyed reading your writing everyday. Safe travel back to DC.

    ReplyDelete
  27. In the last 35 days I followed your blog, sharIng your excitement for the mountains, the despair for the multiple flat tires, the pleasure of meeting people along your ride and ... the admiration for the barns. Now that you have completed this challenging journey, I have only one thought that bounces across my mind: "questo ragazzo è proprio bravo!". Congratulations, Luigi.

    ReplyDelete
  28. Luigi sono felicissima! Ho seguito ogni tua tappa. Ti ammiro davvero.

    Sei un campione e leggerti ogni giorno è stato più appassionante di qualsiasi romanzo o olimpiade.

    Sei forte!

    Antonella

    ReplyDelete
  29. Luigi, grazie davvero per quello che hai compiuto e per averci reso partecipi della tua splendida impresa. Ti abbiamo seguito con costanza, e' stato come esserti stato vicino. Sei speciale.
    Un abbraccio.
    Fabio La Spezia

    ReplyDelete
  30. BRAVO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Sei un grande. Grazie per l'avventura!
    Quando ritorni fammi sapere, cosi' ci prendiamo un caffe' insieme. Non abbiamo avuto tempo quando ci siamo visti all'ambasciata.

    Congratulations! :)

    ReplyDelete
  31. AMIGO, MISIÓN CUMPLIDA!
    5.387 KM EN 35 DÍAS
    TE FELICITO!
    DESDE ARGENTINA.

    ReplyDelete
  32. Congratulazioni, Luigi. Hai fatto una cosa spettacolare! Ci vediamo presto a Washington. -- Tony (WBG/US)

    ReplyDelete
  33. Excellent Luigi!!!!!! You did it, YOU DID IT!!! I enjoyed reading this segment, your energy was immense. You found yourself through this journey, you found that you are stronger than this disease and there is nothing that can hold you back. Luigi, you are AMAZING, we can’t wait to see you back in DC.

    ReplyDelete
  34. yes we all have to think about health more because now a days cancer disease is very affected to many people, some one has breast cancer, some one has blood cancer, and many more so if you suffering form cancer than visit this site its helpful to cure your cancer.
    cancer information

    ReplyDelete
  35. estoy orgullosa de tí Luigi, eres grande.

    ReplyDelete