Monday, August 13, 2012


Napoleon, Nd - Bismark, Nd

70 miles - Total: 1805 miles

The sky was my compass today. My trusted Northern Star, guiding me home. After yesterday's faux pas, today I regrouped and made sure that I was well fed and ready to get to Bismark, rain or no rain, wind or no wind.

I don't sleep soundly in the room above the tavern but whatever I get into my tank will do for now. At least I am dry, until I put on my socks and shoes that is! I get dressed and wear my socks, which are still damp from last night's wash. The shoes are wet too but the shorts are dry. I leave the sleepy town of Napoleon with a slight drizzle which produces a dull sound when it hits the tin roof shack houses and unattractive short buildings. There is a gray November sky and the temperature is 59F. So I am warmly dressed, three jerseys and the rain proof jacket and I am back on the road, highway 34, then 83 and then 1804 (this one is for you Mike Duggan!)

I am churning out the miles determined to outsmart the weather. The sky as my compass to guide me through the empty highways, I begin to enjoy the cold weather and appreciate the good things about it. Thsi was never meant to be a tour around the park. I did not leave Washington DC 18 days ago to go a cycling tour in Beverly Hills. I rode out of the Embassy because I am on a mission from God! Alone, self-contained, light and fast as a hound, averaging 100 miles a day and I am ill, I have a life-threatening disease and I can still be myself. Simple as that. That's why I am here. So the rain or cold weather come out and I what? Get pissed? Ridiculous. I am out here to give the bad stuff meaning, to make sense of something that does not make sense at all and if I cannot find a reason then as sure as hell I went out swinging. The sky becomes the introduction, the intermission and the conclusion of my ride: from cloudy and dark through overcast and white to blue and sunny skies. The sky is the first thing I look when I get up in the morning and last thing I think about when I end my ride. This is the kind of day when people way stronger than me and more faithful to their religion would thank God. I feel I must also give thanks for being where I am, halfway through my bike ride. North Dakota is providing a lot of good questions and some answers. Yes it is tough going, yes it is tougher than two years ago, yes things are completely different from two years ago but I am still loving it. North Dakota might mean nothing to a lot of people and its apparent grim and monotonous beauty will most likely keep many people away. However, when you are out there alone and you listen to the air and the wind, you watch the sky above so immense and clear for some incomrpehensible reasons things seem to make a little more sense. Whatever that means...

During my ride I see a few antelopes that quietly graze among the fields. It is one of those moments that you can't share with anyone because it is a fleeting magical silent moment between you and the animals staring at each other in the open in complete and utter silence, both of us frozen unsure about what to do next. It lasts a few seconds and then when I taint the magic moment by taking the camera out the animals start hopping away, gone. This happens with about 40 miles in amongst the lakes, the ponds and the sloughs of the Drift Prairie of North Dakota. This area forms a transitional zone between the semi-humid lowlands of the Midwest and the semi-arid Great Plains that lie west of the Missouri river. As I was told by the people in the bar last night this area is a country of extremes, with temperatures that vary from 60 below to 120 above. To survive in this hot, dry land both plants and animals have adopted special techniques. The antelope for instance can endure long period without drinking water. Lucky them!

After about 15 miles the sky turns whiter and almost blue and sunshine begins to power through the thinning clouds. The wet and cold weather that has dominated my last 100 miles or so seems to be staying where it is while I move farther West. I toyed with the miles today, I coudl have gone for a longer day, I was almost disappointed that the ride was so short, I left at 9.30am and by 3pm I was done. I did not push, I kept plenty in the tank. In fact, I feel fine and I will not take a day off yet. I will press on West tomorrow and will allow myself the luxury of visiting the Theodore Roosevelt National Park on Tuesday. After that I will make my way North to highway 2 and cross into Montana. Sounds tasty...

I enter Bismark with a smile on my face. Bismark is a fairly decent-size town of 6000 people which appears extremely quite on this early Sunday afternoon. I ride through town and I go straight to the "Broken Spoke" bike shop, which is more of a workshop in a family-owned garage than a proper store. They welcome me like a friend. My memory fails me now and so I forgot the name of the kind gentleman that checks my bike, cleans my chain and offers me maps, all of this free of charge. If you are ever in town and need some bike repair go see them. They are very kind people. After the quick tune-up I ride to the North end of the town where most hotels are located and I check in at a Hampton Inn, catch up on my journal and plan my next two or three days.

By the way, I thank you all for your comments. Apologies if I don't reply but I do read all of them! Stay close.

Off I go and it is still cold and wet out there

Old houses in the "potholes" of North Dakota 

Wintry conditions and I am all alone on the road 

The perfect lines of sky and earth meet directly in front of me 

This tornado must be at least 10 miles off and luckily does not come my way 

Scenery from the morning ride 

Another abandoned barn 

Antelopes. They stop and turn and stare at me. I do likewise. 

The empty road ahead 

Cattle in the ND prairie 

North Dakota sky 

 This is Phyllis from Georgia. She started out in Washington state and heads to Maine. (Phyllis, if you are reading this give me a shout)

And that is me, started out in Washington DC and heading to Vancouver, BC 

I am fine, can you see me?? 

More cattle  

Entering Bismark, capital of North Dakota 

Downtown Bismark


  1. Ciao Luigi, metà dell'impresa...Quello che stai facendo ha dell'incredibile. Buona fortuna e in bocca al lupo per il resto del viaggio. Fabio Mare

  2. Thank you for your kind words about our bike shop. We are always glad to help out any way we can. When you reach Medora, be sure to stop at Dakota Cyclrery Mountain Bike Advertures. Jen and Loren Morlock are great people and our mentors. If not for them, Broken Spoke Bike Shop would not be what it is today. God Bless and Safe Travels.

    P.S. The nice gentleman that helped you out on Sunday name is Steve Herman.

    Dawn Herman
    Broken Spoke Bike Shop

  3. Buongiorno Luigi sempre grande e determinato, stringi I denti e vai citava un grande film western.

  4. I know that when u want things badly u get them. Stay safe...

  5. Luigi,
    Am now catching up with your blog after the Olympic Games and the
    incredible performance of our Caribbean athletes. Your experience with the mud and heavy downpour reminded me of Guyana. What tremendous perseverence! Your words and photos have created an interesting travelogue for all of us.
    Take care with the chilly weather- try to keep dry and warm!
    We continue to send our energy and best wishes to you and have confidence that you will triumph.

  6. Luigi,

    Your journey continues to amaze and inspire. I went for a ride on Sunday and thought about you and your journey during my short ride and how you are able to make such a positive impact on everyone that reads about your journey. Reading your entries and seeing the photos carries us along with you. Stay safe and stay strong.

    P.S. Thanks for the road names.


  7. mutuando il ns Vasco nazionale: "Voglio trovare un senso a questa situazione
    Anche se questa situazione un senso non ce l'ha..." ma tu hai davvero capito...stai dando un senso speciale a questa avventura...non è solo pedali e fatica...è davvero molto di più:) ti arrivano i ns pensieri positivi? sono tutti per te, Carla

  8. Giorno n. 18: IL CIELO LASSU'
    Napoleon - Bismark, North Dakota 113 km
    Totale km 2.906

    Il cielo oggi mi ha fatto da bussola. Dopo il passo falso di ieri, mi sono riorganizzato e assicurato di aver mangiato a sufficienza e di essere stato caldamente consigliato (da me stesso) di arrivare a Bismark, pioggia o no, vento o no.

    Sole, pioggia o tempesta, tornerò sulla strada con la sicurezza di sempre.

    Non dormo tranquillo nella stanza sul bar ma per il momento può bastare. Almeno sono all'asciutto (vale a dire finché non ho ai piedi calze e scarpe). Mi vesto e mi metto i calzini, ancora umidi dopo che li ho lavati ieri sera. Anche le scarpette sono bagnate, invece i pantaloncini asciutti. Lascio la sonnacchiosa Napoleon con un'acquerugiola che picchietta monotona sui tetti di stagno delle case e delle brutte costruzioni. Il cielo è grigio come fosse novembre e ci sono 15 gradi. Quindi sono vestito pesante: tre magliette più la giacca da pioggia e rieccomi sulla strada, prima la 34, poi l'83 e infine la 1804 (questo è per te Mike Duggan!).
    Macino miglia determinato a superare in astuzia le condizioni del tempo. Con il cielo come stella polare che mi guida per le strade deserte, comincio ad assaporare l'aria fredda.
    Non c'è problema, è per questo che sono in viaggio. Ho lasciato Washington diciotto giorni fa mica per andare a fare un giretto a Beverly Hills. Sono partito dall'Ambasciata perché voglio arrivare dall'altra parte del paese; solo, autosufficiente, leggero e veloce come un levriero, con una media di 160 km al giorno e sono malato, ho una malattia che può essere mortale, e posso ancora essere me stesso. E' così semplice! E quindi arrivano pioggia e freddo e io cosa? M'incavolo? Assurdo.
    Io sono qui per dare un significato a una cosa negativa, per dare senso a qualcosa di assolutamente insensato e, se non posso trovare una ragione, allora non c'è dubbio che mi sono difeso bene e nessuno può dire che io non l'abbia fatto. In realtà è tutta questione di fare le domande giuste...di risposte ne riceviamo poche e quasi mai ci bastano.
    Il cielo diventa la premessa, l'interruzione e la fine del mio viaggio di oggi: prima scuro e coperto, poi nuvoloso e bianco e infine azzurro e pieno di sole. E' il tipo di giornata di cui persone ben più forti di me e più fedeli alla propria religione renderebbero grazie a Dio. Io mi sento grato anche perché sono qui, a metà della mia corsa e pieno di vita.
    E così il Nord Dakota sta offrendo un sacco di buone domande e alcune risposte. Sì, è dura, è più dura di due anni fa, è vero che le cose sono completamente diverse da allora ma mi piace ancora tantissimo. Il punto è proprio fare quello che ami fare e non aspettare che non sia più possibile.
    Il Nord Dakota può non significare niente per parecchia gente e con tutta probabilità la sua bellezza, in apparenza austera e monotona, terrà lontani molti. Tuttavia, quando sei qui tutto solo e ascolti il suono dell'aria e del vento, guardi il cielo lassù così immenso e netto e guardi anche alle piccole cose allora sta' certo che tutto acquista un po' più di senso. Qualsiasi cosa questo significhi...

  9. SEGUE:
    Durante la corsa vedo alcune antilopi che pascolano quiete.
    E' uno di quei momenti impossibili da condividere perché è un attimo fugace di magico silenzio fra me e loro, che ci guardiamo attentamente e scopertamente a vicenda senza fiatare, tutti fermissimi come se qualche divinità ci avesse ordinato di restare immobili. Dura qualche secondo finché io rompo l'incantesimo tirando fuori la macchina fotografica e gli animali cominciano ad allontanarsi.
    E' accaduto a una sessantina di chilometri dalla partenza fra i laghi, gli stagni e le paludi della Drift Prairie del Nord Dakota. Questa è una zona di passaggio fra i bassopiani semiumidi del Midwest e le semiaride Great Plains che si trovano a ovest del Missouri. Come mi hanno detto ieri sera al bar, si tratta di una zona dove le temperature sono estreme e variano dai 18 sotto zero ai 49 sopra. Per sopravvivere in questa landa torrida e arida sia gli animali che le piante hanno adottato specifiche strategie. Per esempio le antilopi possono resistere a lungo senza bere. Vorrei sapere come si fa.

    Dopo circa 25 km il cielo si schiarisce e i raggi del sole si fanno vigorosi nell'azzurro fra le nubi che si diradano. Il tempo freddo e umido che ha dominato gli ultimi 150-200 chilometri sembra che rimanga dov'è mentre io mi sposto a ovest.
    Oggi ho giocherellato con le miglia, ero quasi deluso che la giornata fosse così corta, sono partito alle nove e mezza e per le tre avevo finito. Non ho spinto, ho risparmiato le forze. In effetti mi sento bene e non ho ancora fatto il giorno di riposo.
    Domani mi spingerò a ovest e martedì mi concederò il lusso di visitare il Theodore Roosevelt National Park. Dopodiché metterò la barra a nord verso la statale 2 e entrerò in Montana.

    Entro a Bismark, un paese di ragionevoli dimensioni e 6.000 abitanti, che appare estremamente tranquillo nel primo pomeriggio di questa domenica.
    Vado direttamente da “Broken Spoke” - che, più che un negozio di ciclismo, è un laboratorio nel garage di casa- e vengo accolto come un amico. La memoria ora mi tradisce e non ricordo il nome del cortese signore che mi controlla la bicicletta, mi pulisce la catena e mi offre delle cartine, tutto questo gratis. Se capitate da queste parti e vi serve qualche riparazione alla bici, venite da loro, sono estremamente gentili.
    Dopo questa veloce messa a punto mi dirigo alla zona nord della cittadina dov'è la maggior parte degli alberghi, mi sistemo, mi metto in pari col mio diario di bordo e pianifico i prossimi due o tre giorni.

    A proposito, grazie per tutti i vostri commenti. Scusatemi se non rispondo ma li leggo tutti, uno ad uno. Restatemi vicini.