Monday, August 27, 2012


Okanogan, Wa - Winthrop, Wa

51 miles - Total: 3085 miles

A few hours of sleep did the trick.

The energy is back and with it the eagerness to get this over with. I don't have the beautiful Sacagawea to lead me to the Pacific like Lewis and Clark did but the charting of my own Northwest passage is almost complete. Just one major hump before I report back for duty. I climb the Loup Loup Summit and on the way down the scenery opens up, I look afar and through the haze I see a wall surging behind the hills, peaks as jagged as a jeans zip and covered in snow like Alpine peaks. The North Cascades mountains appear. I do not recoil, I do not grumble, I do not look for a way out. I want to climb those peaks and then motor down all the way to the coast.

Today I decide to play safe. I ride as far as I can go before the climb into the North Cascades. I reach Winthrop at 2pm and a nice clean motel on the south edge of town will do just nicely. Tomorrow I will set out early to tackle the two passes and the rest of the ride into the North Cascades National Park. It should be awesome. The only uncertainty will be the weather. There's a storm coming tomorrow, nobody is certain as to when and how long it will be.

I sleep well and I take my time as I know that I only have a short day. I leave town at 9am and the steep road climbs up like I have only seen in the Appalachians. The climb to the pass is 21 miles long, the first third of the ride is tough and steep, definitely the steepest climb of the journey. Fortunately the road surface is pleasant and traffic very light. As I leave Okanogan behind I am surrounded by tiny plateaus where cherries, golden apples, peaches and the likes are grown. And vineyards. Apart from these gardens of delicious fruits of the earth the place is rocky, sun burnt and desolate. It is hot and despite the dry heat I sweat copiously. The reason is that there is no shelter in a land of arid, sun-whitened soil that reflects every ray of heat. The road veers up on the edge of a ridge and it is unrelenting. There is a degree of shelter later on with the tall pine trees but all in all it is the toughest climb so far. In the later stages of the climb, the route enters the Okanogan National Forest so the road is shaded by the tall pines on both sides. Traffic is extremely light but you get the odd truck carrying logs that spits all sort of debris the moment it passes me and the strident, ubiquitous mindless and noisy motorbikes. Once or twice when there are no vehicles within earshot in either direction I stop to listen to the bird songs from the trees or the wind hitting the tree tops which makes a suave sound. From time to time I hear a suspicious rattle from the forest but I don't see anything. I just take in the silence, I let the sweat soak up my clothes and I realise how lucky I am to be here in this blissful solitude among the mountains. And I am thinking about the people that will never know what they are missing. Maybe those birds are creeper or woodpecker.

The road from Loup-Loup drops down to Twisp, the descent goes fast but it is not as steep as the Logan Pass so I don't have to hit the brakes for the entire duration of the 8 mile stretch. The road takes me into town, which is named after the Indian name for 'wasp'. The centre is tiny, just a main road with little wooden buildings but surprisingly pleasant. A lovely bakery is my first and only stop for the day and I indulge in Asiago cheese croissant and a pesto roll. This is proper bicycle touring: no hurry to go places, no long distances to cover so local food can be sampled at every opportunity. I almost go to the riverside for a dip in the water but I resist the urge. I ride 6 miles north and the wind today decides to blow from the south which means that I get the unique privilege of having a tailwind. It carries me down the hills and on the mounds of the bluff river area. It is incredible, I only now realize how influential the wind factor is. It sets the line between the happiness and the miserable moods. The ecstasy does not last long though as Winthrop, the next town along the Methow river valley, is only a few miles farther up and it will be my final destination for the day. I feel in good shape when I reach the town and I am slightly sad to stop after only 50 miles, it feels like a wasted day but it will be a long one tomorrow.

After yesterday's miserable ride, I felt surprisingly well this morning and with the wind blowing my way, the beautiful mountains within sight and the energy back in my body I could have gone for a much longer stage. If everything goes to plan I can still be in Vancouver on the 35th day of my journey. Just like I planned.

Winthrop has been rebuilt to look like an early 1900s frontier town. The result is of course a sort of Theme park town but the vibe is good and the Main st is pleasant. I find out that the whole town reinvented itself with the completion of the North Cascades highway in 1972 to take advantage of the tourist trade; there is an excellent ice-cream place in the main street. I have a large steak dinner with mash potatoes and vegetables and two more ice-creams after dinner. This is fuel for tomorrow's climb. I am ready.

Today on the steep climb of the Loup Loup pass I rediscovered the pleasure of riding the bicycle. Most importantly, I relate it to my recent (or present?) situation of paralyzing fear of the unknown. The bicycle is so empowering. By now it is a third limb, a part of me. And when I am on that road the bicycle becomes my legs and my feet, I make them move, I make it happen, I control it, I give it life and it gives life back to me in oh so many different ways. And the hours spent on the road besides cursing at the wind and eating junk food, give me ample opportunities to reflect and soak in the magic of the outdoor. Its smells, its colors, its perfect lines, its shapes. I cannot even begin to find words to describe the beauty of a world that I have soaked in and absorbed through the medium of the bicycle.

I am getting messages of love from people I don't know that are ill and, like me, are looking for answers. I am so grateful for your messages of support and for sharing your personal struggle with me.

The North Cascades mountains or Vancouver will not be the finishing line. How's that saying? Every beginning is a new beginning's end. So, with three days left, the end is nigh and so it is a new beginning. Bring on the mountains.

A storm? So what.

The town watch in Okanogan, it reads: "live better electrically"

This is where my beloved cherries are grown 

The arid and dry land gives way to a lushier vegetation as I make my way up 

The climb is the steepest of the journey 

And it goes on for 20 miles 

On the Pass 

The descent is pleasant and not too steep, unlike the ascent 

And at one point the view clears and I see the North Cascades mountains in the distance 

As good a view as any I have seen on the journey. The snow-capped rocky peaks of the Cascades. I will be there tomorrow.  

The descent is always windy but this time the cool air won't make me shiver like on the Logan Pass, just use the rain jacket. Why didn't I think of that coming down the Glaciers??

The charming town of Twisp, just one main street

And the delicious bakery on main street

 Methow river with its green banks. The river creates a small but lush valley which feeds several villages

Methow river from the west bank in Twisp 

Post Office in Winthrop 

The river in Winthrop 

Winthrop city centre


  1. Your post today made me cry. I love you Luigi

  2. Luigi dear, this is powerful....Thank you....God bless you....
    I still believe, as I told you before that you should turn the blog into a are a master at turning your inner most thoughts(and our inner most thoughts for that matter) into something concrete, normal and not scary....big Hugzz and tons of energy sent your way...Nada

  3. Luigi, your incredible strength and resilience are simply amazing... Good luck with the 2 passes today. Ci sei quasi, forza. Un abbraccio forte, Melissa

    Okanogan – Winthrop, Washington 82 km
    Totale km 4.964

    La forza è ritornata e con lei il desiderio di arrivare in fondo. Non ho la bella Sacagawea a guidarmi verso il Pacifico come Lewis e Clark però la mappa del mio personale passaggio a nord-ovest è quasi completata. Solo un ostacolo rilevante prima che mi ripresenti al lavoro. Arrivo alla cima del Loup Loup e, mentre scendo, la vista si apre: guardo in lontananza e nella bruma vedo una parete che sale dietro le colline, picchi dentellati come una chiusura lampo e coperti di neve: le North Cascades fanno la loro comparsa. Io non arretro, non mi lamento, non cerco una via di scampo. Voglio scalare quelle cime e poi lanciarmi a tutta birra giù giù fino alla costa.

    Oggi decido di agire con cautela. Arrivo fin dove è possibile prima dell’arrampicata delle North Cascades. Sono a Winthrop alle due del pomeriggio, un bel motel pulito al margine sud del paese fa proprio al caso mio. Domattina voglio avviarmi presto per aggredire i due valichi e il resto della corsa nel North Cascades National Park. Dovrebbe essere fantastico. L’unica incertezza sarà il tempo: domani è in arrivo tempesta, non si sa esattamente quando e quanto durerà.

    Dormo bene e me la prendo comoda perché so che la tappa sarà corta. Parto alle nove e la strada subito s’impenna come ho visto solo negli Appalachi. Fino al passo sono 34 chilometri di scalata nella prima parte impervia e ripida, senza alcun dubbio la più ripida del viaggio. Fortunatamente il fondo stradale è buono e il traffico molto scarso.
    Appena mi lascio dietro Okanogan mi trovo circondato da piccoli pianori con coltivazioni di ciliegie, mele golden, pesche. E vigneti. A parte questi orti di delizie il posto è pietroso, bruciato dal sole e desolato. Fa caldo, un caldo secco, e nonostante ciò sudo copiosamente. Questo perché non c’è riparo in una terra dove il suolo è arido, sbiancato dal sole e riflette ogni raggio di calore. La strada svolta su una cresta ed è implacabile. Più avanti c'è un po' di protezione grazie a qualche pino ma, tutto sommato, questa è la scalata più dura finora. La strada attraversa la Okanogan National Forest ed è ombreggiata dagli alti pini che la fiancheggiano. Il traffico è molto scarso ma si trovano occasionalmente camion che trasportano legname e le stridule moto con gli onnipresenti inutili chiassosi stupidi motociclisti.
    Una volta o due, quando non ci sono veicoli a portata d’orecchio, mi fermo solo per ascoltare il canto degli uccelli nel verde o l'insinuante musica del vento fra le cime degli alberi o un sospetto scalpiccio nel bosco (ma non vedo niente). Mi limito ad assimilare il silenzio, lascio che i miei indumenti assorbano il sudore e realizzo quanto sono fortunato a essere qui in questa beata solitudine in mezzo ai monti. E penso alle persone che non sapranno mai quello che si perdono. Forse quelli uccelli sono picchi.

  5. Luigi, Yes every end is a new beginning indeed. Your journey and writings reiterate what I've always believed, that life is lived - one moment & one day at a time....! I'm glad that you've enjoyed it as it is, taken the good and the bad and that you've been able to find moments to capture the beauty of it all. I'm sure you'll cherish these memories you're making.

    Keep riding on. Best wishes & prayers, your friend from DC

  6. Grandissimo Luigi!!! Incredibile x un lato ma ormai nessuna sorpresa dall'altro... Tieni duro fino alla fine. Ci vediamo presto a DC!

  7. Caro Luigi, saggia decisione il procedere con calma e così ragccogliere tutte le energie necessarie per l'arrampicata.. ma tu sei un "grimpeur" ( come venivano definiti i grandi scalatori del Tour de France come Charlie Gual e del Giro d'Italia come Vladimiro Panizza)e domerai la montagna !
    Ciao Luigi, a domani !
    Leandro & C.


    "Ricordate la causa che c'è dietro questa mia traversata... Ricordate che ogni quattro minuti c'è una persona in più che scopre di avere un cancro del sangue. Per favore, considerate l'ipotesi di fare una donazione, fate girare la voce e aiutate la ricerca sul cancro."

  9. SEGUE:
    La strada dal Loup-Loup piomba giù a Twisp, la discesa va veloce ma non tanto come dal Logan Pass così non devo toccare i freni per tutti i 13 chilometri. Twisp è chiamata così dal nome indiano per ‘vespa’. Il centro del villaggio è minuscolo, solo una strada con edifici in legno sorprendentemente gradevoli. Una bella panetteria è la mia prima e unica sosta della giornata e mi concedo un croissant con formaggio Asiago e un panino al pesto. Questo è vero e proprio cicloturismo: nessuna fretta di andare in giro, niente lunghe distanze da coprire e buon cibo da provare appena si può. Sono sul punto di andare alla riva del fiume per una nuotata ma resisto. Faccio una decina di chilometri verso nord e oggi il vento decide di soffiare da sud il che significa che ho l'eccezionale privilegio di averlo a favore. Mi porta giù dalle colline e sulle montagnole che punteggiano la valle fluviale.
    E’ incredibile, solo ora capisco quanto conta il fattore vento. Segna il confine fra la felicità e il pessimo umore. L’estasi comunque dura poco perché Winthrop, la mia destinazione per oggi, è il prossimo centro nella valle del fiume Methow, solo a pochi chilometri più avanti. Mi sento in gran forma quando arrivo e mi rattrista un po' fermarmi dopo soli 80 km, sembra una giornata sprecata ma domani ne ho una lunga.
    Ero impaziente di proseguire con il vento favorevole, le belle montagne proprio lì e l’energia di nuovo addosso ma devo ragionare e riposarmi. Qualche volta bisogna fare un passo indietro per poter generare potenza al colpo successivo. Se tutto va come previsto posso ancora essere a Vancouver il trentacinquesimo giorno del viaggio.

    Winthrop è stata ricostruita con l'aspetto di una città del West del primo Novecento. Il risultato è, naturalmente, una sorta di parco a tema ma l'atmosfera è bella e la Main Street non solo è piacevole ma ha anche un'eccellente gelateria. Vengo a sapere che l'intera città è stata reinventata al completamento della North Cascades Highway nel 1972 per trarre profitto dall'industria turistica. A cena mangio un'enorme bistecca con purè di patate e verdura e poi altri due gelati. Questo è il carburante per la scalata di domani. Sono preparato.

  10. SEGUE:
    Oggi, mentre mi arrampicavo sul Passo Loup Loup, ho riscoperto il piacere di andare in bicicletta. Ma soprattutto l'ho messo in relazione con la mia recente (o attuale?) situazione di paralizzante paura dell'ignoto. L'ignoto non è soltanto la morte, è anche il non sapere come sarà la vita andando avanti. Ci vuole tempo per adattarsi a questo e la miglior cosa che mi possa capitare – che poi è l'unica e più preziosa moneta che ho- è questa libertà di scelta. Sembra ovvio ma quando si è alle corde l'ovvio diventa la verità più affidabile. E così è stata la mia libera scelta a portarmi qui. Sono io che ho scelto la bicicletta. Sono io che salgo per colline e montagne e incontro persone e ascolto le loro storie e guardo alla storia d'America, con le sue tracce e le sue ferite ancora molto ben visibili, sono io che prendo il meglio di questo paese attraverso la bicicletta. Io stabilisco la rotta e programmo le tappe. La bicicletta ti permette di fare così tante cose. A questo punto è come avere una mano in più, è una parte di me. E quando sono su quella strada la bici diventa proprio uguale ai miei piedi, sono io che li faccio muovere, sono io che la faccio funzionare, la controllo, le do vita e lei mi dà vita a sua volta in così tanti modi differenti. E le ore passate sulla strada, oltre che per imprecare contro il vento e mangiare porcherie, mi danno grandi opportunità per riflettere e assimilare la magia della natura. I suoi odori, i suoi colori, le sue linee perfette, le sue forme. Non trovo le parole per descrivere la bellezza del mondo che può essere recepito e assorbito per mezzo di una bicicletta. Imparo che, fra tanto altro, la vita è vedere le cose e interiorizzarle. Ed è anche creazione, e così ogni giorno scopro sempre di più che il tormento e la gioia di questa mia corsa sono creazione, comunicazione, speranza, controllo, sono l'inizio di una nuova idea, l'inizio di una nuova vita, di un nuovo viaggio. A volte la vita non dà l'opportunità di scoprire quanto si può valere. La malattia, in unione con il mio carattere, mi ha dato una grande occasione. Io la sto cogliendo.

    Sto ricevendo messaggi d'affetto da persone ammalate che non conosco e che, come me, cercano una risposta. Sono così grato per le vostre parole di sostegno e perché condividete con me la vostra privata lotta e la reazione personale a un grande vuoto.

    Le montagne delle Nord Cascades o Vancouver non saranno il traguardo. Che significa? Ogni inizio nasce dalla fine di un'altra cosa. Così con tre giorni rimasti, la fine è prossima e così diventa un nuovo inizio. Che vengano le montagne! Una tempesta? E con questo?

  11. Catching up a bit late on your blog (but enjoying every post) - and I'm so happy to see my summer "hometown" from my childhood (Winthrop) on your travels. I worked on a dude ranch in the summers, where we kept our horses, and we had an environmentally-friendly house built up in the hills (the road to the house has my family name). I competed on the Twisp swim team and have memories of traveling many miles to large, weekend-long swim meets (one of them was in Tonasket, where we camped for the swim meet). Brings back great memories - thanks!