Thursday, August 23, 2012


Libby, Mt - Sandpoint, Id

90 miles - Total: 2816 miles

Just when I thought the mountains would keep me safe and protect me from the wind it came roaring back from everywhere. If I thought that I have put the wind behind then I had better think again because today the headwind was fierce and blustery. Even worse then Minnesota and North Dakota. The guy at the gas station said that it was the first windy day of the month (yet again great timing) and it is the prelude to the storm that's coming tonight. Better be a big freaking storm so I havent't ridden 90 miles into a headwind for nothing! On the plus side, I crossed into Idaho, the scenery was as stunning as any you can ask for and I am getting close to the coast.

Today I ride an area which was inhabited by the peaceful Kootenai tribes. These people loved to hunt and loved to live in the mountains. They were friendly with other mountain tribes but suffered frequently from incursions of their bitter enemies, the Blackfeet, who came across the Continental Divide from the plains on horse stealing and scalp raising expeditions. Then came the white men, fur traders and trappers from the Hudson Bay Company, some of them very cruel people who killed at random. The mess lasted for a while until the railroad was built and with it mining operations began in late 19th century.

I did not sleep at all. I fell asleep at around 11.30 and a few minutes past midnight I hear a jingle, a guy is opening my door, I bolt and yell to get the hell out. I am wide awake for a couple of hours and then I drift in and out of sleep until 8am. The air is fresh when I open the door in the morning. I decide to start the day in a very unusual way. Across the street from the motel there is a barber shop. So after a bowl of cereals I go for a haircut. The owner and the barber, Margaret, has lived in Libby for 16 years. I love the barber shop talk. It is almost a confession, you can tell and trust. Good music on the radio, the warm familiar smell of the barber's tools, the lulling sound of the clipper, the comfortable chair, the warm hands of the barber around your head, it is home. When I tell her about my trip and the cause she offers her support, haircut free of charge and a big good-bye hug. A nice lady indeed. I would need to make a list of all the wonderful people that I have met along the way. Different, completely different lives and yet one common value that we all share: solidarity. Or maybe understanding, respect, sympathy. I don't know, maybe when we hear the word cancer or death we all come close, regardless of income, race, political and sexual inclination. I suppose those words level things out for everyone. It's like you are shaken up by hearing a story that's actually way worse than yours just when you thought that your life was agony that nobody could equal or comprehend. Of course it is but for a fleeting moment that we show great sympathy, lasts as long as a handshake. No matter how long it lasts, I am seeing a lot of goodness on the roads of America.

I finally leave Montana after 7 days of fight. It is all there with me, in my mind, deep in my bones now. Montana. What a fight we gave. We should be proud. Among your hills and peaks I gave my very best and I rediscovered how tough I am on that bike even in the conditions I am in. Give me a tool and I will finish the job...Thanks Montana. I explode with all my enthusiasm at the sight of the blue sign announcing another state, the 11th: Idaho. Only one more to go before I can smell that Pacific breeze. Idaho takes me immediately down along the Pend Oreille Lake. Curiously for America and its monolingual disregard of foreign pronunciations, it's spoken the way the French explorers said it. The locals have even named a town phonetically after it: Ponderay. The lake in the noon sun - one extra hour thanks to a clock change - casts perfect reflections of tall, stiff pines that stand sentinel of the whole of the valley beside the water. Everything is rocked by the wind. The world shakes and rattles under the heavy gales coming from the West. The scenery is mountainous and lush, an untamed version of an alpine environment. I would enjoy it more were it not for the wind and the narrow road, highway 200. No shoulder and one lane shared by trucks and pedestrians alike. It makes for a focused ride, my front wheel as close to the white line as possible and I am on my guard at all times for approaching vehicles, especially trucks. Still at least an hour or so to Sandpoint. The road is slow and tire-dragging. There are cracks and holes on the surface. The road winds, climbs, falls and wheezes back up. The wind turns my ride into a fight then into a crawl. Some gusts are the worst I have ever felt and the bike shakes under the unsteady control of my hands and flexed arms. This is really frustrating. I thought the wind belonged in the open spaces. I was so wrong!

By the time I get within a few miles of Sandpoint the boats get bigger, the homes nicer, and the traffic thicker. Soon come the Wal-Mart, the Burger King, the Taco Bell, and every other recognizable chain business that makes a city a city in modern America. I am trying to remember when it was the last time that I rode through all that and it must be in Bismark, ND. So after many days of riding away from commercialization I feel like a savage that has been cut off from the world. I walk the downtown streets of Sandpoint and as crazy as it sounds, I feel a cultural shock ignited by the divide between the orderly world and my world. Does it take so little for us to grow accustomed to a way of life? Does a specific lifestyle become our essence so easily? I cannot even imagine what I will feel the day I enter Vancouver. The downtown area is filled with stores, bars, restaurants and guided tours offices. People seem well dressed, clean and highly civilized. My legs are oily from the dust, chain lube and sunblock, my hands are dirty, the skin is blistered and cracked all over, my jersey is heavy with sweat and visibly soiled, I certainly feel out of place next to these models and perfect law-abiding citizens. It takes a little getting used to I suppose. I don't long for civilization just yet. I can take more of mountains and deserts. It wasn't enough. I wish I could cycle all the way to Alaska.

I go to the bicycle repair shop, the last one there is before Vancouver. The tire of the back wheel has some lacerations, it might hold but I want to be on the safe side, I fork out 70 dollars and get a new one. Now it should get me all the way to the coast. No more excuses.

I check in at the hotel and I tear across the road to the supermarket where I buy at will. I am eating without control. My appetite got to a point where nothing fills my stomach completely. I can just eat and eat like a horse. I just wish the food was half as good as my appetite but it isn't. I eat jars of nutella on end. Good for energy and good for the soul.

The weather forecast calls for rain tomorrow and I still have a rest day that I can take and still be on schedule so why not? I might rest my legs and the bike and have a time out. Let's see the weather tomorrow morning. I am free.


The bike in the car park of the motel

Libby, pop: 2626, Main st 

Highway 2, the road, the railway and the river, three ways of traveling

These drainage grates are a big hazard for cyclists, my wheels would get stuck right between the bars 

Kootenai river from Highway 2 

Kootenai Falls 

Kootenai Falls 

Kootenai Falls 

Kootenai Falls 

The vertical walls of rock rising from the road 

It's not a postcard but the view from Highway 2 

Road 56 lined by pine trees 

Bull Lake from Road 56 

Scenery along Road 56 

 Road 56

One of the many creeks along 56 

A landscape of gentle beauty and peace, of water running here and back between shallow grass banks

R56 in all its natural beauty, definitely one of the best roads I cycled along on this trip

A barn near the state line 

Highway 200 in Idaho 

Idaho sky 

The City Beach at Sandpoint

Sandpoint downtown


  1. con la cartina del tuo percorso sotto mano, sto inseguendo la tua bici. sei troppo veloce!!! finalmente ti riposi un giorno! un abbraccio grandissimo. susanna

  2. Ciao Luigi, anch'io ho controllato il tuo percorso e sei davvero vicino all'arrivo!! E' davvero unico viaggiare in bici, anche se i miei giri sono stati moooolto più corti... il massimo è stato il giro dell'umbria... non mi ricordo neanche quanti km avevamo fatto, tipo 30 al giorno per 7 giorni, ma sono stati entusiasmanti, con i temporali, le forature, le salite a piedi... la sensazione di essere padrone del tuo corpo, del tuo tempo, di assaporare quello che vedi alla giusta velocità, scenari che cambiano, ma che hanno il tempo di imprimersi nella mente... bello seguire il tuo racconto, e in più ripasso l'inglese!!! E che voglia di partire!! sei grande, ciao laura

  3. Caro Luigi,
    Che bello il breve ma significativo incotro con il Barbiere...ed anche le tue conseguenti considerazioni che condivido pienamente !
    Dai Luigi, ci sei ( ci siamo) ! Ancora un 'po d'asfalto. Si, sei libero !
    Leandro & c.

  4. Ciao Luigi, free and so close to your goal! You left Montana with precious memories, a renewed confidence in your body, and a few more angels in tow... powerful medicine now resting deep in your bones... I hope you're enjoying your well-deserved day off and getting a good rest. Thanks for more stunning pics of the enchanting Kootenai forest and river, now high on my list of places to visit! A big hug, melissa.

  5. mannaggia 'sto vento! Ma non sa che ha trovato un osso duro...
    Baci, qui in Alabama ti seguiamo su tutte le mappe possibili e ti leggiamo ad alta e bassa voce Piux

  6. Giorno n. 29: IDAHO
    Libby, Montana – Sandpoint, Idaho km 145
    Totale km 4.534

    Proprio quando credevo che le montagne mi avrebbero salvaguardato e protetto, lui è tornato impazzando da ogni parte. Se mi sono illuso di essermelo buttato alle spalle sarà meglio che ci ripensi: oggi ho avuto un accanito vento contrario che a tratti era una vera e propria bufera. Persino peggio che in Minnesota e in Nord Dakota. Il benzinaio ha detto che è stato il primo giorno ventoso di tutto il mese (ancora una volta perfetto tempismo!) e che questo è l'annuncio della tempesta in arrivo stanotte. Meglio che sia una bella tempesta coi fiocchi, almeno non mi sono sciroppato novanta miglia controvento per niente!
    Di buono c'è che sono entrato in Idaho, che il paesaggio era il più favoloso che si potesse desiderare e che vado avvicinandomi alla costa.

    Oggi percorro un'area un tempo abitata dalle pacifiche tribù Kootenai, gente amante della caccia e della vita fra i monti. Erano in rapporti amichevoli con altre tribù di montagna ma subivano frequenti attacchi per mano dei loro acerrimi nemici, i Blackfeet, che venivano dalle pianure varcando il Continental Divide, lo Spartiacque Continentale, per rubare cavalli e conquistare scalpi.
    Poi arrivarono i bianchi, mercanti e cacciatori di pellicce della Hudson Bay Company, talvolta individui davvero spietati che uccidevano a casaccio. Il caos durò per un bel po', fino alla costruzione della ferrovia e all'inizio, grazie a questa, delle attività estrattive sul finire del XIX secolo.

    Non ho chiuso occhio. Mi addormento verso le 11.30 e, pochi minuti dopo mezzanotte, sento un tintinnio di chiavi: un tizio sta aprendo la porta della mia stanza: io salto su e gli urlo di andarsene al diavolo fuori di qui. Ovviamente resto completamente sveglio per un paio d'ore e poi in dormiveglia fino alle otto.
    L'aria è fresca quando apro la porta che dà direttamente sul parcheggio (sono in un motel).
    Per migliorare le cose decido di cominciare la giornata in un modo davvero inconsueto: dall'altra parte della strada c'è un parrucchiere per uomo e, dopo una ciotola di cereali, vado a tagliami i capelli. Adoro le chiacchiere da barbiere. E' quasi come confessarsi, ci si può aprire e fidare. Buona musica alla radio, il caldo odore familiare, il ronzio rilassante della macchinetta, la comoda poltrona, le mani tiepide del barbiere che ti si muovono sulla testa: è come essere a casa. La proprietaria e barbiera, Margaret, vive a Libby da sedici anni. Quando le dico del mio viaggio e della causa, Margaret offre il suo contributo: taglio di capelli gratis e un grande abbraccio di arrivederci.
    Che simpatica signora! Dovrei fare ina lista di tutte le belle persone che ho incontrato lungo la strada. Vite differenti, totalmente differenti, eppure c'è un valore comune a tutti noi: la solidarietà. O forse la comprensione, il rispetto, l'empatia. Non so, può darsi che quando sentiamo i termini 'cancro' o 'morte', ci avviciniamo tutti, senza badare a reddito, colore della pelle, tendenze politiche o sessuali. Suppongo che quelle parole livellino le cose per ognuno di noi. E' come se uscissimo per un fugace momento dalla banalità della vita per essere disponibili a non celare quello che sentiamo dentro, prima di rituffarci a capofitto nel nostro futile caos. Oppure è che restiamo turbati ascoltando una storia di fatto molto peggiore della nostra proprio quando pensavamo all'esistenza che ci è toccata come a uno strazio senza pari che nessuno può capire. Naturalmente è un attimo fuggente quello in cui mostriamo comprensione profonda, dura il tempo di una stretta di mano, poi ciascuno torna alla propria vita. Desolazione o no, sto vedendo un sacco di bontà per le strade d'America.


  7. SEGUE:
    E infine lascio il Montana dopo sette giorni di lotta, gioia, monti, pioggia, solleone, freddo. Ora ogni cosa è qui con me, nella mia mente, nel profondo del mio cuore. Montana. Che guerra abbiamo fatto. Dovremmo essere orgogliosi. Fra le tue salite e le tue cime ho dato il meglio di me e ho scoperto quanto ancora sono capace di tener duro su quella bici anche nelle condizioni in cui sono. Datemi la possibilità e finirò il lavoro, come disse Churchill. Grazie Montana, abbiamo dato spettacolo, uno spettacolo coi fiocchi.
    Il mio entusiasmo esplode alla vista del cartello azzurro che annuncia un nuovo Stato, l'undicesimo: Idaho. Un altro soltanto e poi sentirò l'aria dell'oceano.
    L'Idaho mi mette subito di fronte a una discesa fino al lago Pend Oreille. Stranamente, considerando la monolingue inosservanza americana delle fonetiche straniere, è pronunciato nel modo che usavano un tempo gli esploratori francesi. C'è addirittura un paese, Ponderay, che ne ha preso il nome fonetico.
    Nel sole di mezzogiorno – ho un'ora in più grazie al cambiamento di fuso- il lago rispecchia perfettamente gli alti pini diritti che stanno di guardia alla vallata che costeggia l'acqua. Ogni cosa è scossa dal vento. Non c'è un uccello che osi sfidarlo. Tutto sbatte e sbatacchia sotto violente, continue raffiche che arrivano da ovest.
    Me la godrei di più se non fosse per il vento e per la strada stretta. Niente banchina e una sola corsia per camion, auto, biciclette e pure pedoni. Qua bisogna che io pedali concentrato, con la ruota davanti incollata alla linea bianca e la guardia costantemente alta contro i veicoli che passano, soprattutto i camion. Ancora almeno un'oretta per Sandpoint. Procedo lentamente; l'asfalto trattiene le gomme, pieno com'è di crepe e buchi. La strada serpeggia, s'inerpica, scende giù al ritmo affannoso del mio respiro. Il vento fa della mia corsa una lotta, poi una faticosa avanzata a passo d'uomo. Alcune folate sono le peggiori che abbia mai sentito; la bici traballa sotto la presa malferma delle mie mani e delle braccia flesse.

    Una volta che sono a poche miglia da Sandpoint le barche diventano più grandi, le case più graziose e il traffico più intenso. Ben presto appaiono il Wal-Mart, il Burger King, il Taco Bell e tutte le altre ben riconoscibili catene commerciali che fanno di una città una vera città nell'America di oggi. Mi chiedo quando è stata l'ultima volta che ho attraversato qualcosa di simile: dev'essere stato in Nord Dakota, a Bismarck.
    Così, dopo tanti giorni di bicicletta lontano da fast food e supermercati, mi sembra di essere una specie di selvaggio che ha vissuto isolato dal mondo. Cammino per le strade centrali di Sandpoint sentendo, per insensato che appaia, uno shock culturale, un divario fra questa vita regolata a puntino e la mia. Ci basta così poco per abituarci a un modo di vivere? E' tanto facilmente, addirittura inconsciamente, che interiorizziamo questo o quello stile di vita? Non riesco neanche a immaginare cosa proverò il giorno che arriverò a Vancouver. Il centro è pieno di negozi, bar, ristoranti, uffici turistici. La gente sembra vestita con cura, pulita, parte di un mondo ben ordinato. Io ho le gambe unte di grasso della catena, polvere, crema solare, le mani sporche, piene di vesciche e tutte screpolate, la maglietta zuppa di sudore e vistosamente macchiata: è chiaro che mi sento fuori posto vicino a questi cittadini modello rispettosi della legge. Credo che ci voglia un pochino di tempo per riabituarsi. Non devo fare altro che guardare all'insù e so che gli angeli stanno ancora vigilando.

  8. SEGUE:
    Appena arrivo in città vado all'officina per biciclette, l'ultima che c'è prima di Vancouver. La gomma della ruota posteriore ha qualche strappo, potrebbe tenere ma preferisco stare sul sicuro. Sborso settanta dollari e ne compro una nuova. Con questa dovrei arrivare fino alla costa. Niente più scuse.

    Prendo una camera in albergo e faccio un salto dall'altra parte della strada a un supermarket dove compro cibarie a volontà. Sto mangiando senza controllo. Sono affamato al punto che mi sembra che niente mi riempia fino in fondo lo stomaco. Mangio, mangio e mangio in abbondanza. Vorrei solo che il cibo fosse buono la metà di quanto è grande il mio appetito. Ma non è così.

    Il bollettino meteo per domani prevede pioggia; mi resta ancora un giorno di riposo che posso prendere rimanendo nei tempi previsti. E allora perché no? Darei un po' di riposo sia alle gambe che alla bici e farei una pausa. Vediamo com'è il tempo domattina. Sono libero.