Wednesday, August 8, 2012


La Crosse Wi - Cottage Grove, Mn

126 miles - Total: 1279 miles

It came out of the blue, unexpected, uninvited, unannounced.

I pedal in the wind because fate has put it in my path. I did not want it there but it happened. So what can I do now?

Another eventful day among the winds of Wisconsin and Minnesota. I wake up late and go through my morning routine: breakfast, get dressed for the ride, apply sunscreen all over my exposed bits and off I go. I leave the hotel at the late hour of 9:30am. I did nto sleep much last night, I watched the Olympics on TV well into the new day. When I take the first pedal strokes I feel reivigorated as if the sunshine has a magic effect on me. The air is warm but very tolerable. The cleaned chain and the new tire feel smooth. All seems to be working well this morning so I try to make up for time by pressing on the pedals. At the edge of town at Onalaska, I immediately find the Great River Road Trail, which is located in the heart of the Upper Mississippi River Valley or the "blufflands" of the four states Minnesota, Wisconsin, Illinois and Iowa. The trail runs near several wineries that have sprung up in recent years. Wisconsin is really putting itself on the wine map. I don't actually stop to taste the wine but I enjoy the many other things that the trail offers such as farmlands, prairie remnants, trout streams, hardwood forests and countless wetlands or swamps that surround the big river. The trail is packed limestone screenings which makes a reasonably smooth riding surface. I ride on it for about 10 miles before I make my way to highway 35 which will take me the whole way to Minnesota. Route 35 is the Great River Road which is a collection of roads that follow the Mississippi from its source in Minnesota all the way to Louisiana, ten states down south. It is a fascinating ride, I pass through several towns that are located along the way and many of these villages are quite charismatic and have something unique to offer. I stop in every single one of them to either stock up on snacks and water or simply to briefly enjoy the vibe and the different views of the river.

These stops along the way provide me with mental and physical comfort because today, once again, I have a strong headwind to contend with. By the time I realize that another day with the same old headwind awaits I quickly come to the conclusion that the wind is not my companion; it is my enemy. So I get angry and I decide to challenge it. I keep pushing on those pedals until I can win. I don't want to be frustrated, I don't want to feel sorry for the misery that riding into a strong wind actually is, I want to resist it, I want to fight it and conquer it. But can I really challenge the wind? Can I ride on as if no outer element existed? Can I pretend that I am not enslaved by nature and its indisputable forces? And if it blows, how the hell can I get even with it?

Let's play. So why would I want to challenge the wind, or death, for that matter, to play a game of chess? I start my bike ride so fervent in my beliefs that I will make it to the end safely that no warning sign, no early gust of wind can deter me. This puts me in a situation in which I become so concerned with the final outcome that I forget to concern myself with the journey itself. So the wind becomes the enemy because it makes me think about the journey as something "happening" outside my beliefs, more real than my obtuseness to checkmate it. I attempt to create a masterclass ride so that no wind will be brave enough to ever blow again me. That's not only impossibile, it is ridiculous. In my quest to dominate it I become blind to everything else around me. I am blind to the beauties of the journey. The wind makes a mockery of my faith in certainty because there is none. So I decide that it is impossible to fight it. it is not so much a decision as a realization. It becomes blatantly apparent as soon as I get on the bike. If I concern myself with fighting the wind my plight will become an unrealized life. A waste of time.

Of course today I wanted to be Ingmar Bergman's Antonious Block in his vain attempt to challenge death to a game of chess. I love it when death turns around and our hero knocks over the pieces in an attempt to prolong the game. This ride is not an attempt to knock over the pieces. It is just another move. Being audacious and sincere automatically equals mercy? Of course not. So I find peace in not knowing when and how it will blow again and by doing so I enjoy the ride, I enjoy the scenery and I will no longer fear the wind, for he is now my companion. I will let it blow as much as it pleases and I will find a way to dance to its tune, I will use it to enjoy other things that I did not see before because I was so busy fighting it. I will listen to it and I will love it. That's the idea.

The last twenty miles of the day are much tougher; the road branches off of the river and I ride past several fields where perfectly shaped pine trees and white pine tress are on sale. I look it up and I learn that Wisconsin has hundreds of Xmas trees farms. The road gets hilly as I approach Minneapolis and I begin to feel tired. I spent many hours on the bike today and the toll of the headwind and now the hills is there. Late in the day I enter Minnesota, but by this time I am caught up in the frenzy to find a hotel and in the fatigue of many miles I miss the sign for the photo opportunity. I ride the last ten miles of the day on busy highway 10 which I don't enjoy. My legs feel heavy and all I can do is push, averaging 19mph with only one goal: to find the hotel. Highway 10 is the most direct route into Minneapolis. The urban area of the Twin Cities (Saint Paul and Minneapolis) is massive, as large as Washington DC's so there's no point in attacking it now. The sunlight is quickly fading so I decide to finish the day at around 7.30pm, about 20 miles south of Minneapolis. The motel, a shabby two-floor brown building, clean and cheerful enough to spend a night without getting all depressed, provides much needed shelter with a hot shower, warm bed and a good meal in a nearby restaurant. I will try to get up early tomorrow, I am only 20 miles south of Minneapolis, which is affectionately dubbed the bike capital of the world. Tomorrow I will find out. Good going so far.

I meet the trail in Onalaska, ten miles North of La Crosse 

No traffic, no pollution, no wind and no loose gravel, the first ten miles were pure heaven today 

The river through the trees from the trail 

This steel bridge used to house the railroad, now the trail runs on it 

The Mighty Mississippi with the bluffs right next to it 

From one of the many scenic overlooks on the Mississippi from the Great River Road 

Wetlands around the river 

Second breakfast of the day 

A ridiculously long freight train 

Mississippi postcard 

Third breakfast of the day or "pre-lunch snack" 

The tiny village of Stockholm along the Mississippi

Settled by Swedish immigrants, it offers many nordic arts and crafts  

Imposing bluff overlooking Great River Road 

In the afternoon the wind abates but hikes appear 

Scenery from the afternoon ride 

Perfectly planted pine trees for sale 

I needed at least one of these today 

The steel bridge in Prescott  

Casting a long shadow, last shot of the day


  1. Carissimo Luigi,
    Quando ero piccolo un gioco "trasgressivo" era accendere fiammiferi antivento dove Eolo soffiava più forte ed osservare che il vento nulla poteva contro quella piccola torcia olimpica : Tu hai lo Spirito giusto per vincere la battaglia quotidiano contro il vento...e non solo !
    Un forte abbraccio

  2. Forza tesoro forza! M

  3. caro Luigi, te lo confesso, non sono una vera appassionata di bici, ma so cosa significano venti e correnti...ti scriverò ciò che si deve imparare bene se ci si vuole salvare la vita, trovandosi a largo, in mare aperto portato dalle onde. Regola 1: mai nuotare
    controcorrente. E' praticamente impossibile vincere anche una modesta corrente, ma si può sfruttarla, invece, e trasformare quello che è un pesante
    handicap in un vantaggio. Regola 2: non seguire la "stupida psicologia" di chi si sente in pericolo, che tende a tornare a riva, in linea retta,
    controcorrente, costi quello che costi. La scelta più corretta è USCIRE, ovunque la corrente decida di farci raggiungere la riva.
    Questo per ricordarti di prendere un bel respiro, non considerare il vento-contro un nemico, ma un'opportunità e vivere questo momento come unico e speciale :) Carla

  4. You're doing fantastic...keep on pedaling!

    La Crosse, Wisconsin – Cottage Grove, Minnesota 203 km
    Totale km 2.059

    E’ arrivato di punto in bianco, inatteso, indesiderato, improvviso.
    Pedalo nel vento perché il destino l’ha messo sulla mia strada. Era una cosa che non volevo ma è successa. Quindi vediamo cosa posso fare ora.

    Un’altra giornata movimentata fra i venti del Wisconsin e del Minnesota. Mi sveglio tardi e, dopo la mia routine mattutina (colazione continentale, vestirsi, crema solare su tutte le parti esposte), sono pronto. Lascio l’albergo fuori orario, alle 9.30. Ieri sera mi sono impigrito guardando stordito le Olimpiadi fino a ben oltre l’inizio del nuovo giorno. Rigenerato dalla bella dormita mi sento bene nel sole e nell’aria tiepida. La catena – che è stata pulita – e la gomma nuova sono a posto, sciolte, scorrevoli.
    Cerco di recuperare il tempo perduto. Trovo subito il sentiero Great River Road, che percorre il cuore dell’alta valle del Mississippi con le ‘blufflands’, le ‘rocce a picco’ dei quattro stati Minnesota, Wisconsin, Illinois e Iowa. Il sentiero corre di fianco a varie aziende vinicole sorte negli ultimi anni. In effetti il Wisconsin si sta facendo conoscere sul fronte enologico. Per la verità non mi fermo per degustazioni però mi gusto le altre cose che il sentiero offre: terreni coltivati, scampoli di prateria, torrenti pieni di trote, boschi di latifoglie, innumerevoli acquitrini e paludi che bordano il grande fiume. Il sentiero è di terriccio calcareo quindi il fondo è discretamente piano. Lo percorro per una quindicina di chilometri prima di dirigermi alla 35, la grande strada che mi porterà fino in Minnesota. La 35 è la Great River Road, un insieme di strade che segue il Mississippi dalle sue sorgenti in Minnesota giù fino alla Louisiana: dieci stati complessivamente. E’ un percorso affascinante, passo per numerosi paesini molti dei quali sono davvero attraenti e hanno qualcosa di unico da offrire. In ognuno mi fermo, vuoi per fare scorta di snack e acqua vuoi per godermi i villaggi e le differenti vedute del fiume.

    Queste soste mi danno sollievo psicologico e fisico perché oggi, ancora una volta, ho un forte vento contrario da affrontare. Giusto il tempo di realizzare che mi aspetta un’altra giornata con sempre il solito vento in faccia e giungo alla conclusione che il vento non è il mio compagno di strada: è il mio nemico. Così mi arrabbio e decido di sfidarlo: spingerò su quei pedali finché penso di poter vincere. Non voglio sentire la frustrazione, non voglio star lì a dispiacermi per quanto è amaro correre contro il vento: voglio resistergli, voglio combatterlo e sconfiggerlo. Posso davvero farlo? Davvero sfidare il vento? Andare avanti come se non esistessero elementi esterni? Posso fingere di non essere soggetto alla natura e alle sue inoppugnabili forze? E se lui soffia, come diavolo faccio a ricambiare i colpi?

    Allora giochiamo. Dunque, perché dovrei sfidare il vento - o la morte se è per questo – in una partita a scacchi? Ho cominciato il mio viaggio in bicicletta così ardentemente fiducioso di farcela senza problemi che nessun segnale di pericolo, nessuna inaspettata raffica di vento può dissuadermi. Questo mi ha messo in una situazione in cui sono tanto profondamente concentrato sull’arrivare da dimenticare di concentrarmi sul viaggio in sé. Ecco che il vento diventa il nemico perché mi fa pensare al viaggio come a qualcosa che “accade” al di là delle mie convinzioni, più reale della mia ottusità nel giocare a scacchi con lui. C’è forse ben altro visto che tento di creare una corsa da fuoriclasse tale per cui nessun vento avrà il coraggio di soffiare ancora. Impossibile, vero? Nella mia ricerca del dominio su di lui sono inconsapevole di tutto il resto. Sono incapace di vedere le bellezze del viaggio. Il vento si beffa della mia fede nelle certezze perché non esistono certezze. Così decido che non è dato combattere contro di lui. Me ne rendo conto perché diventa lampante nel momento in cui monto in sella. Sarebbe una vita irrealizzata. Uno spreco di vita.

  6. Ciao Luigi, currently we are in our house in Tuscany for few days of vacations, we are very proud of you and what you are currently doing, as we use to say in Roman...Daie che ce la fai !!!!!!
    Mario&Fiorella Carmignani

  7. SEGUE:
    Naturalmente oggi volevo essere l’Antonius Block di Ingmar Bergman nel suo vano tentativo di sfidare a scacchi la Morte. Mi piace molto quando la Morte si volta e lui rovescia i pezzi nel tentativo di prolungare la partita.
    Questa corsa non è un tentativo di rovesciare i pezzi. E’ solo un’altra mossa. Il vento, o la morte, prima o poi butterà per aria la mia regina e il mio re. Potrebbe esserci vento domani o alla prossima svolta ma io non ho più intenzione di combatterlo, non lo sfiderò con la mia convinzione che all'audacia e alla franchezza corrisponda automaticamente la misericordia. Prima o poi la partita finirà e il vento continuerà a soffiare.
    Dunque trovo pace nell'ignorare quando e come soffierà di nuovo e facendo così mi godo la corsa, apprezzo il paesaggio e non temo più il vento che è ritornato ad essere il mio compagno. Lascerò che soffi tanto quanto vuole: se smette benissimo, vuol dire che andrò più veloce ma se mi soffia contro allora troverò un modo per piegarmi ai suoi voleri. Lo userò per apprezzare altre cose che prima non ho visto perché ero troppo impegnato a combatterlo. Gli darò retta e gli vorrò bene.

    Nell’ultima trentina di chilometri ho passato numerosi campi dov’erano in vendita abeti perfettamente sagomati: presumo che siano alberi di Natale. Vedo molti di questi campi dove vendono all'ingrosso abeti bianchi. Faccio una ricerchina e scopro che il Wisconsin ha centinaia di vivai di alberi di Natale.
    La strada comincia a diventare molto collinosa via via che mi avvicino a Minneapolis. Verso sera entro in Minnesota ma a questo punto sono preso dalla concitazione di trovare un albergo e comincio a sentire la fatica di tante miglia tanto che non vedo il cartello per la solita foto. Che peccato!
    Gli ultimi 15-16 km della giornata li faccio su una stradona trafficata che non mi piace. Pedalo anchilosato a 31 km di media con un unico obiettivo: trovare l’hotel.
    La 10 è la strada più diretta per arrivare a Minneapolis e la prendo. L’area metropolitana delle Twin Cities (Saint Paul e Minneapolis) è enorme, estesa quanto quella di Washington perciò non vale la pena di affrontarla adesso. La luce del sole sta svanendo rapidamente per cui decido di finire la giornata intorno alle 19.30, più o meno 30 km a sud di Minneapolis.
    Il motel, una palazzina di due piani malridotta ma abbastanza pulita, mi offre il tanto desiderato riparo con una doccia bollente, un letto caldo e una buona cena in un ristorante nei paraggi. Domani cercherò di alzarmi presto, sono vicino a Minneapolis, soprannominata la capitale mondiale della bicicletta. Domani vedremo. Finora niente male.

  8. quando c'è il vento fatti canna...

  9. Hi Luigi
    The first 4 photos looks like Trinidad. In fact, we have a similar steel bridge here. I'm glad you are doing well.
    Keep it up and take care.

  10. Luigi, I am really enjoying your blog. I found myself reading it every evening after I put my kids to bed :-). Thanks for that.