Tuesday, August 28, 2012

DAY 34: NORTH CASCADES

Winthrop, Wa - Concrete, Wa

116 miles - Total: 3201 miles

Without a doubt Highway 20 in the North Cascades is one of the great mountain rides in America.

A physically exhausting day but I dodged the expected storm. And the mountains exceeded expectations. Haughty in their beauty, solemn in their appearance, intimidating in their shape. I loved the climb and loved the long descent even more. No more climbing to do now. I am on my way to the coast.

The North Cascades are the real deal. Glaciers was higher but ended quickly and its appearance too charming, postcard-like. The North Cascades are real mountains, wild, untamed, with constant snow along its slopes and on the highest peakes. These are angry-looking peaks, smooth vertical walls of dark rock hit by winds that would move mountains. I am now looking at the Skagit hills, past those, twenty miles west lies the Pacific.

I have a terrible night, even for the standards of this bike ride. I keep waking up every hour. At 3, at 4, at 5. I decide to end my misery and I finally get up at 7 and I shake off the stupor I am in. It looks still very dark outside. I dare not look at the sky because I know...the unsavoury weather forecast gets it right again. It's raining and in the direction of the mountains the sky is so dark that it is almost blue. I go back to bed but there is no point in tossing and turning and the blanket over my head won't make the rain go away. I know what I want. I want to get out of here and climb the mountains. I don't care about the rain. I want to go West. I eat three muffins with a warm apple cider and I am on the road.

The rain has stopped in the valley but who knows what's going on up there. The fresh air hits my face like a thousand knives, I am wearing everything I have. Four layers, apparently it is not enough. I wish I had more layers. It is very cold this morning and I need more hot beverages in me. After 15 miles I stop in Mezana where I have a hot chocolate which does me good. This is the last stop before the climb. I ride for 20 miles before I reach Washington Pass. This pass is different from the others, it is windy, it is cold, snowy and unwelcoming like a real mountain should. This is quintessential Rocky Mountains. The road exposed and winding. It's amazing how the climate changes as soon as I hit the top. On the other side the climate is even worse: it's windy, cold and damp. I put on the rain jacket on the way down, it is the coldest I have felt since the beginning of the trip. I shiver on the way down and I long for another climb to feel warm again. The stunning scenery makes up for the cold temperature though. This road affords some of the most breathtaking views I have seen in the States and I urge anyone to visit this place. The jagged line of the mountains is streaked by snow. I don't run into a single cyclist today, I am the only one doing the Cascades.

The descent is long. I only stop for a few seconds to take pictures. The view is perfect from any angle it seems so I snap away and after reviewing my work it was hard to select a few for the journal. I keep going pushing on the pedals with my head down most of the time. I am mindful ofthe storm and if it did come there would be no place to hide from it. The road goes a bit up then down, then up and then down again. The wind is insane on this side blowing from all directions. The strong winds are the worst part of the descent, I feel like I could fall any time. I gain speed, I hit 30mph but many times over I am slowed by the gusts of wind. Most of the wind is head-on so it is not going to blow me off the road. Luckily the heavy clouds that hover above don't produce any rain. The road drops abruptly into a valley that keeps shrinking to the point of becoming a gorge and I cannot help but thinking about the first explorers that opened this passage, how the hell did they find it and how did they manage to squeeze through? The road is a two-lane highway, one lane in each direction but there is a generous shoulder so I am not bothered by the traffic. After the Rainy Pass, expect a few short hills, it is all downhill. Most of the downhill grades are around 6 to 8 percent. After an hour or so, I begin to enter the valley leading up to the Ross Lake area. It gets as windy as it can get. I squeeze hard on the brakes as soon as I feel I am losing control of the bike. I stop at a number of overlooks to watch the views. The cold from the climb and the gusty wind begin to take their toll. On the descent my toes go numb and I lose life in some of my fingers for a few hours, my thumb is still numb as I am writing this (8pm).

The road drops even farther until it reaches Lake Ross, its water is a milky, glowing, turquoise, a soft, pearly green that twinkle in the sun. The top of the water is agitated and hit fiercely by the gales which create waves that ripple ferociously. It looks just like those lakes in airbrushed postcards or TV programs. It looks so awesome that doesn't seem real but it is. I stop, I gaze and I marvel at the beauty of all of this. I let the wind hit my drenched clothes as I stand beside my bicycle, I breathe in and out and when I focus on my body I feel the heaviness creeping in on my muscles. I smile. It really begins to sink in how far I have traveled. I look at the bike and it looks worn out, dirty, beaten up. Maybe we look alike. We have taken a lot on the roads of America. Cold, rain, heat, sunshine, wind, even a couple of falls.

At Newhalem the descend ends and when the valley widens and the road flattens I realize that I can now begin to dream about the Pacific, it is not too far, maybe a day or two. I feel energized and encouraged by the change of scenery and by the assuring fact that the wind has decided not to follow me. It stays behind to batter the steep rocky sides of the mountains. I am done with climbing. The valley awaits. On the west side of the Cascades it is not as arid as on the other side of the Pass but much more fertile and lush. I ride past berries and apples fields and vineyards. I am in full flight. I average 19mph and I am getting hungry. I ride another 35 miles without taking a break. I have a town in sight and I ride efficiently for two hours. I reach Concrete at around 6pm with more than 9 hours on the road that as sure as hell have left their mark. Concrete is a totally depressing town where the only motel that seems just about okay, run by a jovial Korean man, will be my home tonight. The room smells like bleach and I am the only guest in the whole place. The internet connection is slow so I won't write too much. At least I have a chance to dream about Vancouver. I am almost there. And I feel fine. Tired but fine


8:30 am the sky looks heavy with rain when I leave the motel in Winthrop 
 
 


The North Cascades in the distance 




Taken in Mazana, before I start the climb 









Here we go 

























 This is where I came from




Nice switchback








 
 
 
 
 




















Very accurate 















Lake Ross 














 Blueberries








Concrete, Main st, total desolation. Where the hell am I? I ask

11 comments:

  1. Luigi,

    You are very courageous in making your bike trip, and for a good cause - inspiring.

    I too have leukemia, and with it my own struggle 3 yrs. now (including chemo)

    Today's pictures are incredible. What beauty in nature.

    I've enjoyed reading your blog and seeing the photos of your journey the last few days (since I came across it).

    Best wishes to you!

    Don

    ReplyDelete
  2. Evvaiiiiiiiiii!!!!!!! Ci siamo, ci siamo!!!! Sorrido anche io con te!!!! :-))) Un abbraccio, Maria Rosaria

    ReplyDelete
  3. Go man, go!

    The best bike blog going. Awesome!

    ReplyDelete
  4. Awesome! You're basically there, goooooooooooooo! A big hug, Melissa.
    PS: Lake Ross takes the cake! Beautiful colors, almost surreal...

    ReplyDelete

  5. Giorno n. 34: LE NORTH CASCADES
    Winthrop – Concrete, Washington km 187
    Totale km 5.154


    Senza alcun dubbio la Highway 20 nelle North Cascades è una delle grandi corse di montagna in America.

    Un giorno massacrante dal punto di vista fisico però ho schivato i temporali previsti. E le montagne hanno superato ogni aspettativa: superbe nella loro bellezza, nell’aspetto solenni, minacciose nella forma. L’arrampicata mi è piaciuta moltissimo e ancora di più la lunga discesa. E ora sto andando verso la costa. Niente più scalate.

    Le North Cascades sono montagne che fanno sul serio. Quelle del Glaciers Park erano più alte ma meno estese e troppo perfette, da cartolina. Queste sono vere montagne, con chiazze di neve eterna lungo il bordo della strada, torvi pinnacoli, lisce pareti verticali di roccia, venti accaniti e feroci. Ora guardo alle colline Skagit dopo le quali, a trenta chilometri, c’è il Pacifico.

    Passo una notte pessima, perfino per gli standard di questa corsa. Mi sveglio alle tre, alle quattro, alle cinque. Infine alle sette mi sveglio definitivamente e mi scrollo il sonno di dosso. Fuori è ancora molto scuro. Non oso guardare verso il cielo perché lo so...quelle schifose previsioni del tempo ci hanno azzeccato un’altra volta. Sta piovendo e verso i monti il cielo è così cupo che sembra nero, non blu. Torno a letto ma non serve a nulla girarsi e rigirarsi e la coperta che mi sono tirato sulla testa non farà sparire la pioggia. Lo so quello che voglio. Voglio uscire di qua e scalare le montagne. Voglio andare a ovest.
    Mangio tre muffin con un bicchiere di sidro di mele bollente ed eccomi sulla strada.

    Nella valle non piove più ma chissà che sta succedendo là sopra. L’aria fresca mi trafigge la faccia come mille aghi, mi sono messo addosso tutto quello che ho. Quattro strati di roba, evidentemente non è abbastanza. Stamattina fa molto freddo; dopo 24 km mi fermo a Mezana dove prendo una cioccolata calda che mi fa bene. E’ l’ultima fermata prima della scalata. Corro per 32 km prima di arrivare al Washington Pass: è diverso dagli altri valichi, freddo, esposto al vento, coperto di neve e inospitale come da copione. Questa è la ‘montagna rocciosa’ per eccellenza. E’ sorprendente il cambiamento climatico appena tocco la cima: il versante ovest è gelido, ventoso e umido. Per la discesa metto la giacca impermeabile: è il freddo più intenso che sento dall’inizio del viaggio.
    Il favoloso panorama compensa la temperatura. La strada offre alcune delle viste più straordinarie che mi siano capitate negli States: vi consiglio vivamente, se potete, di visitare questi posti. I profili frastagliati dei monti sono screziati di neve. Ho la corsa sotto controllo e mi sento in armonia con lo scenario. Oggi non ho incrociato nemmeno un ciclista, sono l’unico a fare le Cascades. Per qualche motivo va bene così. La discesa è lunga. Mi fermo per fare foto, da qualsiasi punto la vista è perfetta per cui faccio un sacco di scatti; più tardi avrò qualche problema a selezionarli per il blog. Da questa parte il vento impazza e soffia da ogni dove: nella mia direzione le forti correnti sono il problema più serio della discesa. Guadagno velocità, per tante volte di seguito sfioro i 50 km/h ma le raffiche fulmineamente mi rallentano. Il vento è per lo più frontale così almeno non mi fa volar via dalla strada. Per fortuna dai nuvoloni sulla mia testa non arriva pioggia.
    La strada scende a picco entro una valletta che si restringe sempre più fino a diventare una gola e io non posso evitare di pensare a quegli esploratori che per primi hanno aperto questo passaggio: come hanno fatto a trovarlo? E come sono riusciti a scovare un varco per uscirne? La strada è a due corsie ma ha un’ampia banchina per cui il traffico non mi dà noia. Dopo il Rainy Pass, ad eccezione di qualche collinetta, è tutta discesa. La maggioranza dei gradienti si aggira fra il 6 e l’8%.
    (SEGUE)

    ReplyDelete
  6. Fantastico, una giornata in una natura superba! Le difficoltà che anche oggi hai dovuto affrontare sono il biglietto per aver visto quel bellismo documentario che hai descritto ! ...e intanto non ha piovuto !
    Molto bene Luigi, a presto.

    Leandro & Attlia,

    ReplyDelete
  7. Luigi, ya estoy perdido...cuanto te falta? no era solo 30 dias...
    animo!! saludos.

    ReplyDelete
  8. Coraggio Luigi che manca poco!

    ReplyDelete
  9. SEGUE:
    Suppergiù dopo un’ora comincio ad addentrarmi nella valle che conduce alla zona del lago Ross. Mi fermo in alcuni belvedere per godermi le vedute. Il freddo della salita e i colpi di vento cominciano ad esigere il loro tributo: durante la discesa mi s'intirizziscono le dita dei piedi e, per alcune ore, perdo la sensibilità a quelle delle mani; ho un pollice ancora intorpidito mentre scrivo queste righe (sono le otto di sera).
    La strada si abbassa ancora di più fino a raggiungere il lago Ross: l'acqua - di un turchese lattiginoso e smagliante, di un verde tenue e perlaceo- scintilla nel sole. La superficie è agitata e battuta con ferocia dal vento che crea onde violentemente increspate. E' proprio uguale a quei laghi delle cartoline aerografate o dei programmi tivvù. Non può essere vero ma lo è e io sono qui. Mi fermo a guardare e rimango incantato dalla bellezza di tutto questo.
    Lascio che il vento sbatta contro i miei indumenti fradici mentre, in piedi accanto alla mia bicicletta, inspiro ed espiro e, quando concentro l'attenzione sul mio corpo, sento la pesantezza che piano piano s'insinua nei miei muscoli. Sorrido. Comincio a realizzare davvero quanta strada ho fatto. Guardo la bici che appare consumata, sporca, malridotta. Forse ci assomigliamo. Abbiamo sopportato molte cose per le strade d'America. Freddo, pioggia, calore, sole, vento, anche un paio di cadute.
    A Newhalem la discesa finisce e, quando la valle si apre e la strada si appiana, capisco che posso cominciare a sognare il Pacifico: non è tanto lontano, forse un giorno o due. Mi sento rinfrancato e incoraggiato dal cambio di scenario e dalla rassicurante constatazione che il vento ha deciso di non seguirmi. E' rimasto a infrangersi contro i fianchi dirupati e rocciosi delle montagne. Ho finito con le scalate.
    La vallata aspetta. Il versante ovest delle Cascades non è arido come l'altro ma è molto più fertile, verdeggiante, familiare. Passo di fianco a terreni piantati a frutti di bosco, a meli, a uva. Sto volando. Ho una media di oltre 30 km/h e mi sta venendo fame.
    Faccio altri 56 chilometri e arrivo a Concrete verso le sei, dopo oltre nove ore sui pedali che hanno lasciato il segno. Concrete è un paese deprimente al massimo dove l'unico motel che mi sembra raggiungere a malapena la sufficienza, gestito da un gioviale coreano, sarà il mio tetto per la notte. La stanza odora di candeggina e io sono l'unico cliente. La connessione internet è lenta, quindi non scriverò tanto. Almeno così posso continuare a sognare Vancouver. Ci sono quasi. E mi sento bene. Sono stanco ma mi sento bene.

    ReplyDelete
  10. wowo incredible pics!!!! incredible ride! you are just great!
    cm'on just few (few?) miles!!!!

    ReplyDelete
  11. LUIGIIIIIII!!!!!! Ecco il traguardo!!! Non ci posso credere, sei andato a massima velocita' e addesso Vancouver e' a due passi da te! Google maps mi dice 109 miglia rimaste.

    Sei un grande. God Speed my friend. God speed.

    -Fabio

    ReplyDelete