Saturday, August 18, 2012


Malta, Mt - Havre, Mt

90 miles - Total: 2326 miles

Finally an uneventful day! Nothing dramatic to report. No flat tires, no wind, no storms, no rain. Just a relaxing 90-mile ride through a very hot and dry part of Montana. The scenery is beginning to present some differences from the grassland of the previous days. I can tell that I am getting closer to the mountains. There is more agricultural activity in this part of the State with an increasing number of wheat fields, trees, rivers, and abundant cattle. I am on the Lewis and Clark Trail.

This part of the country is criss-crossed by historic sites and trails. So vast and immense is the land in this part of the world that it takes an explorer's intrepidity to chart it in its length and width. Two hopeful explorers traveled to Montana in 1805 in search of the fabled River of the West or the Northwest Passage: a waterway that would connect trade routes of the East to the Pacific. Lewis and Clark, two brave men, direct offspring of the big, bold dreams made it all even bolder by the limitless mind of Thomas Jefferson and a country that had just dawned, its ambitious vision set out in the Declaration of Independence.

When they found the confluence of the Missouri and the Yellowstone rivers they celebrated. It was a time of discovery and a time of negotiations with Indian tribes that lived here. And a time for appreciation of the importance of commerce across the land. Lewis and Clark were crucial to what came next. Not only did they find a navigable passage, they also initated contact with local tribes, completed reconnaissance of suitable sites for trading posts and forts, made scientific accounts of the land's animals, plants and resources. It was the beginning of the nation with Thomas Jefferson eager to expand but unsure about what the land held. Discovery before conquest. Conquest before trade and industrialization. History follows stages I suppose. Or steps. I am riding through a land that bore witness to every singe one of these steps.

What strikes me most about the route today is the significance of the land to the Indians. The route I follow, Highway 2, passes through the Fort Belknap Indian Reservation. Along the way I noticed various museums or little stores that display and sell Indian artifacts, such as clothing, knives and other tools. A few miles from where I am staying, the city of Havre, there is a pishkun or buffalo jump. Indians killed thousands of bison here, stampeding them over the rocky cliff. A cruel but very effective way to send an animal to its death. Every part of the bison's body was put to use, from the horns to the brain. It was actually Lewis that documented the Indians' means to kill buffalo, in a fascinating account, this is what he noted:
"Today we passed on the Stard. Side the remains of a vast many mangled carcases of Buffalo which had been driven over a precipice of 120 feet by the Indians and perished; the water appeared to have washed away a part of this immense pile of slaughter and still their remained the fragments of at least a hundred carcases they created a most horrid stench. In this manner the Indians of the Missouri destroy vast herds of buffalo at a stroke; for this purpose one of the most active and fleet young men is selected and (being) disguised in a robe of buffalo skin, having also the skin of the buffalo's head with the years and horns fastened on his head in form of a cap, thus caparisoned he places himself at a convenient distance between a herd of buffalo and a precipice proper for the purpose, which happens in many places on this river for miles together...The other indians now surround the herd on the back and flanks and at a signal agreed on all shew themselves at the same time moving forward towards the buffalo; the disguised indian or decoy has taken care to place himself sufficiently nigh the buffalo to be noticed by them when they take to flight and running before them they follow him in full speed to the precipice, the cattle behind driving those in front over and seeing them go do not look or hesitate about following until the whole are precipitated down the precipice forming one common mass of dead an mangled carcases".

Another interesting fact about the land I ride through is that it is the scenery to one of the last great battles between the Army and the Indian tribes. The Nez Perce were a very resourceful and resilient group of people and outsmarted the whites army for quite sometime before they were outnumbered and outgunned in 1877. Many were killed and those who survived were allowed to live in the reservation in abysmal conditions.

Today I am adding to my journal a few notes which I wrote during my last day in North Dakota, that almost washed-out day due to the storm: Dickinson is a junk town, as many other towns in this part of the country that are becoming oil junk towns. Most trucks and SUVs come for business; all these arrivals here connected to the oil and gas development drive in a frenzy. Traffic is heavy and dangerous and it does not make for easy cycling. The western part of North Dakota is the scene to this new oil boom. It is the gold rush all over again. North Dakota is the oil producing state number 2 behind Texas. Crews are drilling feverishly, they are building roads, moving soil, building housing developments, they move forward the wholesale industrialization of a beautiful rugged land. My romantic mind cannot help wondering whether it is a blessing or a curse. The few local people I speak to about this are very skeptical. They say that their quite way of life is being disrupted for good. I reply that there might be economic profits for everyone but they say that only the landowners and investors will be rich. Old people and those who do not own properties will only see prices and rents go up. The guy that works at the motel says that him and his wife do not recognize this place anymore (this place means Beach, a hamlet with the population of 1019); they want to sell what they have and move to Montana in the mountains. I guess this puts things into perspectives for city slickers. I don't know if these people are being too conservative or just plain scared of the unknown. I guess we will have to wait and see if the frantic oil drilling will bring about a collective improvement of economic and social life. So far, all I see are the crazed trucks going to the dig while disappearing small farming towns are not seeing the arms of progress. And the landowners here do not even own the oil. It will belong to the investors and the mineral owners. While the country faces a recession, it is really weird to see such a remote region being swamped by hungry workers that are looking for a place in the sun. There are miles and miles of desolation and virgin prairies but underneath there is oil. The arm of progress is coming to North Dakota. The last frontier is being swallowed by the oil digging machines and the unstoppable force of industrialization.

The Bear Paws Mountains in the distance

The tiny town of Dodson 

Highway 2 at Dodson 

An old bar sign in Dodson

An abandoned house 

 And another

Sign in the Indian Reservation 

Cattle by the side of highway 2


Chinook, Main st 

Once upon a time Montana

Empty houses 

Highway 2 near Havre 

Havre, Mt


  1. A relaxing 90 miles?! Had to laugh at that one, I'm thrilled if I can do a mere 20 miles! Although I've never been "out west", I feel as if I'm experiencing this beautiful country right along with you. Thanks for posting the lovely pictures and insightful commentary. Blessings to you...stay safe and healthy!

  2. Ciao Luigi, una giornata con il meteo sempre favorevole: te la sei proprio gudagnata ! Riserve Indiane e ricerche petrolifere : due facce di una stessa medaglia..non sempre luccicante. Riflessioni importanti le tue come lo sono le motivazione del tuo viaggio.
    Avanti Luigi !

  3. Carissimo! Finalmente riescio a scriverti da un computer...dal blackberry, da dove ti ho seguito first thing any single day so far, è impossibile inviare io c'ero e ci sono....pedalata dopo pedalata....anche se sdraiato comodamente su un lettino a S. Maria di Leuca, mentre tu attraversavi i soliti dieci stati...
    Il tuo racconto è entusiasmante, e prova ancora una volta di che stoffa tu sia fatto. Vai avanti così non ti ha fernato il vento non può fermarti nulla...perchè tu sei più del vento...sei tu una forza della natura! Bellissimo rivivere attraverso i tuoi pedali stradse (come la mitica Hwy n.2 in Montana, con quella lunga ferrovia per freight trains che la costeggia) che io invece ho attraversato seduto comodamente in auto, durante una delle mie annuali attraversate, che mi portarono al Glacier National Park...sei hai modo, entra in quel parco all'alba come feci io...vedrai scenari unici! In bocca al lupo...con te...SEMPRE!!
    Alessandro L.

  4. Che bello viaggiare con te m

  5. A relaxing day of 90 miles for many would be a long long day in the saddle. Your journey across the country continues to spread inspiration and hope for many. Continue your hard work and the success will follow. I enjoy reading your blog daily to see how you fared on the precarious day. Thoughts are with you for continued success and safety.

  6. Caro Luigi, mentre sistemavo il mio profilo, aggiungendo qualcosa di nuovo, ho riletto la citazione impostata come la prescelta e ho pensato di mandartela...ti riguarda molto da vicino...qualcosa che accomuna i lottatori e gli audaci...quelli che scelgono di combattere sino in fondo...coloro che conoscono il valore della differenza:) E' di R. Frost, te la invio: "...Vi dico ciò con un sospiro.
    In qualche posto, nei secoli dei secoli,
    due cammini s’incrociarono in un bosco, e io …
    io presi il meno battuto …
    e questo ha fatto la differenza." Buon viaggio, Carla

  7. E buona domenica vecchio mio. Grazie per portarci con te fra un colpo da raccontare ed una storia da pedalare. Daje!

  8. Il sole si leva, brilla per lungo tempo. Tramonta. Scende ed è perso. Così sarà per gli indiani… Passeranno ancora un paio di anni e ciò che l’uomo bianco scrive nei suoi libri sarà tutto ciò che si potrà ancora udire a proposito degli indiani.

    C'e' chi ancora ricorda.


  9. Quando l'ultima fiamma sarà spenta,
    l'ultimo fiume avvelenato,
    l'ultimo pesce pescato,
    solo allora capirete che non si può mangiare denaro.

    C'e' chi ancora combatte.


  10. It’s Sunday morning and already Logan, 15 months, is full on energy, more so than usual. I am just trying to at least drink one cup of espresso to get going this morning, or most mornings. But, there you are, pedaling away across the West. I look at Logan’s energy and think, Luigi must have the same energy to complete this task, if we could only bottle it. Now I have some quiet time, my mom and John are taking care of the little one and here I am, in the silence of my kitchen, catching up with your blog. The terrain, the history, the buffalos, the drama of it all, I am intrigued!

    I may not have commented in the last few days, but there isn’t a day that goes by where you aren’t in my mind and asking “where is Luigi now?” “Are the elements challenging him today?” Well, it’s good to hear that this time around, they did not.
    There was a comment in Italian that I think speaks for all of us: “che bello viaggiare con te”. It is quite a treat and “very nice to be riding with you”!

  11. Ciao Luigi,
    sto seguendo la tua corsa quando riesco, soprattutto di notte, ma non riuscivo a scriverti sul blog.. Leggendo e leggendo mi sembra proprio vero quello che dicevo qualche giorno fa: "and I can still be myself" - e non solo con la bicicletta, la solitudine, il viaggio, ma anche con lo scrivere, il condividere, il pensare alla storia e alle storie, and the strenght to overcome difficulties and keep going... a hug

  12. Do you have a nickname yet? That's when you know you are really in the bicycling annals! You need to run a contest for a nickname. The winner...gets to meet you or have dinner or a ride with you!

    Because you are travelling such a distance with a message of hope and communication, I suggest Voyager 2. Okay, a more cool name like Spartacus is taken already. Voyager 2 is the best I can do for now. ;)

  13. Thanks for sharing this too: everyday with you!

  14. Uneventful is good... Glad you enjoyed the day. Thanks for the stories and the history, you are enriching our minds as we experience this beautiful, rugged part of the country through your eyes. Your notes on ND made me think about this week's cover of Courrier International: a close-up of a polar bear's paw with the headline "Arctic: Hands off my pole" The cover story is about how global warming is facilitating access to land and natural resources in the Arctic; good news for oil and mineral exploration interests, but despairing for local communities...
    Looking forward to your next post, Melissa

  15. Giorno n. 24: IL SALTO DEL BUFALO
    Malta – Havre, Montana 145 km
    Totale km 3.745

    Finalmente una giornata in cui non è successo nulla! Niente gomme a terra né vento né bufere né pioggia. Solo una rilassante corsa di novanta miglia attraverso un'area del Montana molto calda e secca.
    Il panorama comincia a presentare qualche differenza rispetto alla prateria erbosa dei giorni scorsi: posso dire che mi sto avvicinando alle montagne. In questa zona c'è più attività agricola con campi di frumento, alberi, fiumi in quantità crescente e bestiame in abbondanza. Sono sul Lewis and Clark Trail.

    Qui s'intersecano luoghi storici e trails, piste. Così vasta e sterminata è questa terra che ci vuole l'ardimento di un esploratore per misurarla per quanto e larga e quanto è lunga.
    Due esploratori ottimisti arrivarono in Montana nel 1805 alla ricerca del mitico Fiume del West e del Passaggio a Nord-Ovest, una rotta marina che avrebbe connesso al Pacifico le vie del commercio dall'est del paese. Lewis e Clark, due uomini di coraggio, sono la diretta espressione del grande, audace sogno, ancora più audace in un paese che era appena sorto, la sua ambiziosa visione formulata nella Dichiarazione d'Indipendenza.

    Quando trovarono la confluenza dei fiumi Yellowstone e Missouri i due fecero festa. Era un tempo di scoperte e anche un tempo di negoziazioni con le tribù indiane che vivevano lì. Ed era un tempo in cui ci si rendeva conto dell'importanza del commercio da una parte del paese all'altra.
    Lewis e Clark furono determinanti per quello che sarebbe stato il futuro. Non solo scoprirono un passaggio navigabile attraverso i fiumi ma instaurarono contatti con i nativi, perlustrarono i luoghi idonei per posti di smercio e per forti, compilarono relazioni sulla flora, la fauna e le risorse della terra che avevano esplorato. Iniziava la vita della nazione con Thomas Jefferson ansioso di espandersi ma incerto su quello che la terra conteneva. Scoperta prima della conquista. Conquista prima di commercio e industrializzazione. Presumo che la storia segua fasi. O scalini. Sto attraversando una terra che ha visto con i proprio occhi ciascuno di questi scalini.

    Quello che mi colpisce di più della tappa di oggi è il significato della terra per gli Indiani. Il mio itinerario, la statale 2, attraversa la riserva indiana di Fort Belknap. Lungo la strada ho notato vari piccoli musei o negozietti che espongono e vendono manufatti indiani tipo vestiti, coltelli e altri attrezzi.
    A poche miglia da Havre, il paese dove passo la notte, c'è un pishkun, salto del bufalo, cioè del bisonte. Gli indiani hanno ucciso bisonti a migliaia qui, spaventandoli e facendoli fuggire disordinatamente su dirupi rocciosi. Un modo crudele ma molto efficace per mandare a morte una bestia. Veniva utilizzata ogni parte del corpo del bisonte, dalle corna al cervello.
    Fu proprio Lewis che testimoniò sui mezzi degli indiani per uccidere i bufali. Questo è ciò che annotò:
    “Oggi siamo passati sul lato destro vicino ai resti di moltissime carogne straziate di bufali che erano stati sospinti dagli Indiani sopra un precipizio di quaranta metri ed erano morti; l'acqua doveva aver lavato via una parte di questa immensa mattanza e pure rimanevano frammenti di almeno un centinaio di carcasse che puzzavano orribilmente.
    In questo modo gli Indiani del Missouri abbattono in un sol colpo enormi mandrie di bufali: viene scelto allo scopo un giovane fra i più attivi e agili e travestito con un mantello di pelle di bufalo, con la testa del bufalo con corna e orecchie fissata alla sua come un cappello, così bardato lui si piazza a distanza conveniente fra la mandria e un precipizio atto alla bisogna, cosa che succede in molti posti su questo fiume per miglia...

  16. SEGUE:
    Gli altri indiani quindi circondano la mandria dai lati e da dietro e, a un segnale convenuto, tutti contemporaneamente si mettono a correre verso i bufali; quello mascherato, l'esca, ha badato bene di mettersi abbastanza vicino da essere notato dai bufali finché questi non precipitano tutti giù dal dirupo formando un'unica massa di carogne straziate”.

    Altra notizia interessante sulla terra che sto attraversando è che è stata lo sfondo di una delle ultime grandi battaglie fra l'Esercito e le tribù Indiane.
    I Nez Perce – gli stessi che avevano soccorso Lewis e Clark nel 1805 salvandoli da morte certa sulle Montagne Rocciose- erano un gruppo molto intraprendente e determinato e per un bel po' di tempo si dimostrarono più astuti dei soldati bianchi finché questi, superiori di numero e meglio armati, li sopraffecero nel 1877. Molti furono uccisi e i sopravvissuti vennero confinati nelle terribili condizioni delle riserve.

    Aggiungo qualche appunto che avevo preso l'ultimo giorno in Nord Dakota, quel giorno che è stato quasi un fiasco a causa della bufera:

    Dickinson è una città-spazzatura del petrolio, come stanno diventando molte altre in questa parte del paese. La maggioranza dei camion e dei monumentali SUV vengono qui per affari connessi all'estrazione di petrolio e di gas. Tutti questi nuovi arrivati guidano come pazzi; il traffico è intenso e pericoloso. La scena di questo nuovo boom petrolifero è la parte occidentale del Nord Dakota. E' la corsa all'oro che si ripete. Lo stato è il secondo produttore di petrolio dopo il Texas. Squadre di operai trivellano febbrilmente, tracciano strade, movimentano terra, costruiscono nuovi quartieri, mandano avanti l'indiscriminata industrializzazione di una terra aspra e meravigliosa.
    La mia mente romantica non può evitare di chiedersi se è una benedizione o una maledizione. I pochi abitanti di qui con cui ho parlato di queste cose sono molto scettici. Dicono che il loro tranquillo modo di vivere è sconvolto per sempre. Io provo a ipotizzare che potrebbero esserci vantaggi economici per tutti ma loro rispondono che solo i proprietari terrieri e gli investitori si arricchiranno. Gli anziani e quelli che non hanno proprietà vedranno solo l'aumento di prezzi e affitti. Il tizio che lavora al motel dice che lui e sua moglie non riconoscono più questo posto (questo posto sarebbe Beach, un villaggetto di 1.019 abitanti); vogliono vendere quello che hanno qui per andarsene sulle montagne del Montana. Mi sa che questo possa dare una giusta prospettiva alle cose per i signorini di città. Non so se questa gente è troppo conservatrice o semplicemente preoccupata dall'ignoto. Presumo che dovremo aspettare e vedere se queste convulse perforazioni porteranno a un miglioramento generalizzato della vita economica e sociale. Finora, quel che vedo sono camion che corrono impazziti verso gli scavi mentre paesini in via di estinzione pieni di contadini non vedono alcun progresso. E il petrolio qui non appartiene neanche a chi possiede la terra: sarà degli speculatori e dei proprietari dei pozzi.
    Mentre il paese affronta una recessione è davvero curioso vedere una regione così remota invasa da volenterosi lavoratori. Ci sono miglia e miglia di desolazione e di prateria vergine ma lì sotto c'è il petrolio.
    Il braccio del progresso si sta allungando sul Nord Dakota. Quello che resta del selvaggio West è inghiottito dalle trivelle e dalla forza inarrestabile dell'industrializzazione.